Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Prima volta: pillola o preservativo?

Prima volta: pillola o preservativo? 14/07/2015 17:53 #1

Ciao, sono una ragazza di 17 anni e sono vergine, sono assieme ad un ragazzo da poco ma penso già a queste cose perchè vado sempre avanti ad ogni modo volevo sentire il parere di alcune persone serie riguardo la contraccezione della prima volta, perchè per sentito dire da conoscenti e anche su internet il preservativo sembra che sia la stessa cosa del coito interrotto: scomodo, fastidioso, si rompe e/o si sfila sempre, ragazze che si ritrovano incinte in modo misterioso pur avendolo usato, dottori che consigliano la pillola fin da subito perchè è sicura ecc, premetto che io sono molto ansiosa e il mio ciclo capita qualche volta che ritardi o cambi magari periodo venendo una settimana dopo quando per esempio cambio alimentazione o abitudini oppure sono stressata dalla scuola ecc, trovo un pò eccessivo farsi prescrivere subito la pillola che comunque è più impegnativa, inoltre mia mamma non me la consiglia assolutamente per il discorso delle malattie sessualmente trasmissibili, quindi non posso nemmeno contare sul suo aiuto, nel mio paese c'è un consultorio ma fra analisi del sangue e visita ginecologica e poi visite di controllo credo che ci vogliano un pò di soldi che magari non riuscirei facilmente a reperire in poco da tempo chiedendoli ai miei ( le pillole mediamente costano anche 15/16 euro mentre invece i preservativi sui 5/8 euro ) sono di Milano, c'è un posto che potrebbe farmi almeno le analisi del sangue gratuite? Il mio ragazzo in passato è stato con altre ragazze con cui non ha usato il preservativo e anche questo va considerato, siccome la paura della gravidanza mi fa vivere male il sesso e anche in passato è successo è meglio che cerchi di procurarmi la pillola? Se coinvolgessi anche lui in questa cosa sarebbe sbagliato? Di storie di preservativi rotto ne ho sentite troppe e non avrei voglia di correre in ospedale un giorno perchè è successo anche a me ma per le prim volte finchè non prendo confidenza e non sono sicura di un rapporto stabile il preservativo mi è più semplice, è troppo rischioso?
Ultima modifica: Da .

Re: Prima volta: pillola o preservativo? 14/07/2015 19:18 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
ciao Sara!

grazie per averci scritto, siamo lieti di aiutarti!

Intanto cominciamo a rispondere ad un tuo quesito. Coito interrotto e preservativo NON sono la stessa cosa. Parliamo in termini di possibile rischio: il coito interrotto presenta una percentuale di "rischio" molto più alta, quindi te lo sconsigliamo vivamente! Scegliere fra pillola o preservativo è una scelta un po' personale e un po' dettata dalla praticità, come tu hai evidenziato. Il preservativo come hai detto tu ti mette al riparo da tutto, gravidanza e malattie sessualmente trasmissibili, quindi è preferibile nel tuo caso. Hai provato a parlarne con il tuo dottore? Lui saprà darti spiegazioni più "professionali" delle nostre! Ci chiedi poi se sia sbagliato coinvolgere il tuo ragazzo. Certo che no! Parlane con lui e confrontati, senti cosa ne pensa. Però ricorda di adottare uno dei metodi contraccettivi di cui abbiamo parlato, oltre che per le note ragioni, anche per farlo in maniera più spensierata e quindi più piacevole!

rimaniamo in attesa di aggiornamenti, e ti salutiamo con un grande sorriso!
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.