Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Senso di angoscia

Senso di angoscia 04/08/2016 01:11 #1

Ciao a tutti! Vorrei parlare di un problema che mi assilla da un paio di settimane. Premetto che ho 16 anni e sono vergine ma da un po di tempo io e il mio ragazzo stavamo pensando di "superare il traguardo" ma ogni volta che ci prova o che prova anche solo a toccarmi un po mi sale un angoscia assurda, come un senso di colpa. Mi viene da pensare che sia sbagliato e mi sento un peso nel petto. Lui se n'è accorto e mi ha chiesto il motivo ma la sul momento non gli ho dato risposta. Pensandoci a casa mi sono resa conto che questo problema lo avevo anche prima se qualche fidanzato mi toccava. Premetto che alle elementari e alle medie sono successi episodi in cui i miei compagni maschi mi toccassero quelle zone, ho anche avuto episodi di mio padre ubriaco che per "scherzo" mi toccasse il sedere e mi dava ovviamente molto fastidio e come ultima cosa il mio primo ragazzo all'eta di 13 anni, lui piu grande di me che mi toccava il seno nonostante io non volessi. Volevo sapere se puo essere che questi episodi causano ora in me questo blocco di essere "toccata" o se vi possono essere altri motivi
Ultima modifica: Da .

Re: Senso di angoscia 04/08/2016 12:02 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara Dede
Intanto benvenuta nel nostro forum sentiti libera di "fermarti" ogni volta che avrai bisogno di pensare

Esponi una problematica molto curiosa. Curiosa perché tu e il tuo ragazzo avete un desiderio, ma il tuo corpo ti manda dei chiari segnali di diniego che contrastano la tua capacità e la tua comprensione razionale. Non si può fare altro che fermarsi a riflettere sul perché stia succedendo tutto questo, non trovi? Chissà come mai il tuo corpo ti ostacola così categoricamente..

Intanto poniamo delle premesse, ti va? Parliamo un po' del tuo "ora":tu desideri avere questo rapporto sessuale col tuo ragazzo, o hai qualche riserva? Sei sicura di ciò che desideri? Il tuo lui che approccio ha al riguardo? Ti lascia tempo per pensare o è insistente?

Non possiamo sapere se questi tuoi episodi trascorsi siano la causa di queste reazioni di angoscia che vivi nei momenti di intimità.. Dalla tua parte, ti tornano in mente quelle esperienze spiacevoli, quando hai le reazioni che ci hai descritto?
Prova a aprire quella piccola porticina che hai dentro di te e a sbirciare al suo interno, e chiediti in che situazione ti trovi e se hai bisogno di altro tempo. Come abbiamo detto sopra, il tuo corpo ti sta mandando dei chiari segnali.. hai provato a fermati e chiederti come mai? Magari non è ancora il momento..! Dopotutto siete ancora giovani, e l'importanza di certe azioni non la si coglie così presto. Di sicuro, comunque, non puoi (e non possono) fartene una colpa.

Invece, allargando un po' la visuale.. che tipo di persona è il tuo ragazzo? Ti senti innamorata di lui? Ti va di parlarcene?
Sarebbe interessante anche sapere un po' di più del rapporto che hai con tuo padre

In ultima istanza, nel caso tu non riesca a darti nessuna minima risposta, magari potresti provare a contattare uno psicologo! Che ne dici? Sarebbe fattibile?

Speriamo di sentirti presto, cara Dede! Ricorda che fino a che vorrai, noi ti saremo sempre vicini
Ti mandiamo tanti tanti sorrisi A presto
Ultima modifica: 04/08/2016 12:02 Da Volontario del Sorriso

Re: Senso di angoscia 04/08/2016 14:48 #3

Ciao grazie per aver risposto!

Diciamo che si, voglio avere un rapporto con lui anche se per me non è una cosa esigente e aspettare non mi da noia però allo stesso tempo vorrei sperimentare questa cosa nuova. Lui è stato il primo a propormelo ma nonostante questo non ha mai insistito e anzi mi ha sempre chiesto se c'era qualcosa che mi turbava ma sinceramente non sapevo cosa rispondergli.

Si quando ho quelle reazioni mi torna in mente soprattutto il periodo in cui stavo con quel ragazzo che mi toccava nonostante io non volessi, il fatto è che io stavo zitta e mi facevo "toccare" anche se dentro di me provavo una brutta sensazione e stavo male.

Per quanto riguarda il mio ragazzo si sono innamorata di lui. è un ragazzo molto dolce e mi ascolta sempre qualsiasi problema io abbia anche perchè prima di passare a "fidanzati" eravamo migliori amici invece per quanto riguarda mio padre potrei scriverci un libro a parte
è sempre stato un padre abbastanza assente a causa del lavoro che lo portava all'estero anche per un mese. Quando ero ancora alla elementari sono iniziati i problemi tra lui e mia madre, non c'era un giorno in cui non urlavano e io (non so con quale masochismo) rimanevo la ad ascoltare mentre si offendevano. Quando ero alle medie la situazione era peggiorata e in più a mio padre si erano aggiunti problemi di alcolismo, la sera se tornava a casa era sempre ubriaco e così via con le urla con mio madre e qualche volta mi beccavo qualche botta (quando ero più piccola)
Ora i miei sono separati da un anno e qualche mese e la stuazione è migiorata in casa e lui lo vedo solo il fine settimana. Appena si erano separati provavo un odio per lui assurdo per come si comportava (ma anche per altri motivi), ora dopo quasi un anno sto cercando di accetarlo e di vederlo come un padre e non come un estraneo.
Ultima modifica: Da .

Re: Senso di angoscia 05/08/2016 17:11 #4

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Dede

È veramente bello sentirti dire che stai cercando di accettare tuo padre! Questo fa trasparire una certa maturità
E è anche positivo il fatto che alle spalle del tuo rapporto col tuo moroso ci sia un trascorso di amicizia, che sicuramente farà la sua parte nel mantenere solida la vostra relazione.
Hai l'occasione di affrontare con calma il tuo problema, secondo noi dovresti usarla senza farti troppi problemi come abbiamo accennato precedentemente, hai mai provato a pensare a uno psicologo che possa aiutarti a scavare e a trovare una risposta e una soluzione soddisfacente? Ne hai mai parlato in casa o con qualcuno che, comunque, ti sia vicino?

Ti aspettiamo! A presto, cara Dede!
Ti mandiamo una valanga di super sorrisi!!
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.