Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: cambiamenti

cambiamenti 25/01/2020 15:52 #1

Buongiorno,
sono una ragazza di 22 anni e mi trovo ora in un periodo piuttosto strano della mia vita.
Da un po' mi sento diversa ma non in senso buono: mi sento egoista, egocetrica tratto male chi mi ama (mia madre, il mio ragazzo, mia nonna), nel senso che mi trovo spesso a rispondere male o ad essere stizzita e questo lato di me comincia a ferirmi sempre di più, questo carattere così ''eccessivamente'' fastidioso, così arrabbiato... io non mi sento così, non penso di essere mai stata così arrogante! Ho bisogno ed ho voglia di cambiare ma non so come... vorrei un consiglio per essere migliore e più amabile.

Ho pochi amici, pochissimi. Questo forse dipende anche dal fatto che non mi fido di tutti, non mi sento in sintonia con gli altri, esco poco principalmente per risparmiare, altrimenti sarei sempre in giro, tuttavia la mia famiglia non è benestante e con il fatto che ci sono due università da pagare oltre alla marea di spese non me la sento di uscire spesso.

Mi sento coperta da una perenne malinconia che mi coglie, mi sento stupida e catastrofista per questo perchè non ne ho motivo! Il che mi porta all'autocommiserazione che il mio moroso, giustamente, comincia a non tollerare più. Come posso lamentarmi di meno? Come posso essere migliore? Come posso bloccarmi ed essere più riflessiva per rendermi conto, prima di parlare, di stare per lamentarmi immotivatamente?

Scrivo inoltre per un altro motivo: ho messo l'apparecchio fisso ai denti, mi aspetta un anno e mezzo con questa cosa e, già non sono particolarmente bella, sono normale, in più ora ho questa cosa che mi fa sentire orrenda. Avrei potuto prenderne uno che non si vedeva ma costava troppo e ho optato per questo. Non mi sento attraente, non femminile e questo mi fa essere ''pesante'' e ho paura che pregiudichi la mia attuale relazione. Lo so che è stupido, lo so che sono problemi insulsi rispetto a chi davvero sta male ma per me è uno schock, mi sento osservata, fissata, giudicata...tutte mie pare, come sempre. Perchè non riesco a razionalizzare questa cosa in modo maturo? Cosa posso fare? Mi sembra di fare quasi un torto al mio ragazzo perchè dovrà avere una morosa che non è più così carina e questo per un anno e mezzo, ho paura che le cose si rompano. Mi rendo conto di quanto io sia stupida per questo. Come posso tranquillizzarmi e smettere di essere così paranoica ed immatura?
Vorrei dei consigli e, se servono, anche delle critiche per cui riflettere e da cui ripartire.
Grazie per avermi ''ascoltato''.
Ultima modifica: Da .

Re: cambiamenti 28/01/2020 18:22 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara 123stella,

grazie per averci scritto e voler condividere con noi la tua "parte oscura".
Intanto vogliamo dirti che è davvero lodevole che tu abbia voglia di metterti in discussione e di cercare di migliorarti.
Già questo ti rende una persona migliore.
Per conoscerti meglio ci racconti qualche cosa di te:
- cosa studi?
- cosa vorresti fare?
- hai fratelli?

Tu ti definisci come
egoista, egocetrica tratto male chi mi ama (mia madre, il mio ragazzo, mia nonna), nel senso che mi trovo spesso a rispondere male o ad essere stizzita e questo lato di me comincia a ferirmi sempre di più, questo carattere così ''eccessivamente'' fastidioso, così arrabbiato.
e dici anche di non essere mai stata così arrogante.
E' successo qualche cosa in particolare?
La tua insoddisfazione dipende dal non riuscire a fare qualche cosa o ad avere qualche cosa che vorresti?
Prova a tornare con il pensiero indietro nel tempo per capire se un evento ha cambiato il tuo carattere o il tuo modo di esprimerti. Potresti anche chiedere alla persone che ti stanno vicino e che ti vogliono bene cosa ne pensano.

Chiedere agli altri cosa pensano di noi può farci vedere cose che noi non vediamo.
Per esempio perché questo ragazzo ti ha scelta fra mille altre ragazze?
Perché sei importante per lui?
E allo stesso modo chiediamo a te, perché lui è importante per te?
Perché è bello come nessun'altro?
Perché è intelligente come nessun'altro?
O forse esiste in lui qualche cosa di particolare che lo rende speciale ai tuoi occhi?

L'apparecchio, come gli occhiali da vista, posso diventare un elemento che caratterizza una persona.
E' davvero come tu ti senti che fa la differenza!!
Cosa avrebbero in più di te quelle che consideri carine?
Il detto se sorridi il mondo ti sorriderà vale anche con l'apparecchio!!


Aspettiamo di risentirti presto.
Ultima modifica: Da .

Re: cambiamenti 29/01/2020 00:00 #3

Buonasera,
Studio ingegneria, ultimamente il mio sogno è quello di occuparmi della logistica di un'azienda, vorrei essere una persona di riferimento, che riesce a risolvere tutti i problemi. Ho una sorella maggiore, giá laureata e in procinto di fare la seconda laurea.

Non lo so se sia successo qualcosa...forse ho il desiderio di sentirmi importante. A volte vorrei che gli altri credessero di piú in me perchè penso di crederci poco da sola, ma allo stesso tempo sento di non essere autonoma perchè le opinioni delle altre persone mi condizionano.
Spesso sono arrogante perchè mi dá fastidio che la mia opinione non venga considerata: a casa, per esempio, mia madre vuole che tutte le cose siano fatte come dice lei, eppure io vorrei che mi ascoltasse, che considerasse che ogni persona fa le cose a modo suo e che va bene cosi finchè qualcosa si fa bene. Vorrei smettere di sentirmi dire: "si va bene, ma la prossima volta ... " vorrei solo un "brava". Peró mi chiedo, perchè ho bisogno di questo, perchè sono cosi sensibile da averne bisogno?
Chiedo spesso alle persone cosa pensano, peró a volte quandi mi dicono qualcosa io mi sento impotente e vorrei poterla cambiare subito perchè quel difetto mi fa sentire a disagio, vorrei essere "perfetta". Oggi per esempio il mio ragazzo mi ha detto che sono sempre stressata...è vero...per esempio il fatto che i miei genitori non abbiano soldi mi disturba, mi ferisce, vorrei che smettessero di fare le cose per me, vorrei che ci fossero meno spese, meno problemi, meno cose a cui pensare, perchè deve essere tutto difficile? Perchè dobbiamo avere problemi e perchè io sono qui e non posso fare niente?

Per quanto rigurada il mio ragazzo...io non lo so cosa trovi in me...io in lui trovo sicurezza, trovo la calma che io non ho, trovo un rifugio. Lui è dolce e mi ama e si prende cura di me, mi fa ridere e per lui sono importante, vuole che io sia felice e sta sempre attento a non farmi agitare.
Io non so dire propriamente cosa sia a distinguermi dalle altre...
Ultima modifica: Da .

Re: cambiamenti 29/01/2020 17:09 #4

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara 123Stella

ti ringraziamo di averci risposto e di averci dato la possibilità di scoprire una giovane donna, impegnata soprattutto con gli studi (ingegneria non è poca roba!!), sensibile e forse un po' troppo severa con se stessa.

Vorremmo proporti un esercizio che potrebbe aiutarti a scoprire finalmente quanti lati positivi sono anche parte della tua persona, provando a fare un elenco di tutte le attitudini, i comportamenti, le riflessioni, i successi che tu porti nel tuo bagaglio.

Forse provando a scopriti di più, ad accettarti di più e anche ad amarti di più, senza correre sempre dietro all'approvazione degli altri, potresti arrivare ad apprezzare ciò che hai, ciò che sei, lavorando solo con te stessa senza rincorrere l'idea di perfezione che è per tutti una pura illusione.

A volte è già perfetto chi riesce a vedere che i propri comportamenti sono ingiusti e immotivati, chi vede che qualcosa non va e prova umilmente a sistemarla.

Per quanto riguarda la mamma, si sa che a volte non riescono a non essere critiche, e forse la maggior parte di noi le vorrebbe più positive e comprensive ma ricordiamoci tutti che prima di coprire il ruolo di madri sono sempre delle persone con i propri limiti.

E soprattutto, tieni sempre a mente che tu sei un valore importante per il tuo ragazzo, che ti ama, che é sempre attento ai tuoi stati d'animo, ti comprende e ti supporta.

Lasciati contagiare dalla sua positività, sorridi senza pensare all'apparecchio che tra un anno e mezzo non ci sarà più, perché ricordati che prima della bocca a sorridere sono sempre gli occhi!!!

Ti abbracciamo forte e ti mandiamo tanti sorrisi )
Ultima modifica: Da .

Re: cambiamenti 29/01/2020 22:16 #5

Buonasera,

grazie, accetterò certamente l'esercizio, voglio provare qualsiasi cosa possa aiutarmi ad essere migliore.

Spero di riuscire a capire di più mia madre, perchè so che, al di là dei difetti che ha così come io ho i miei, è una mamma che ci ama senza condizioni, anzi, a volte anche troppo.

Spero di riuscire a diventare una persona migliore, per me stessa in primis e poi anche per gli altri.

Grazie di avermi ascoltato, un abbraccio.
Ultima modifica: Da .

Re: cambiamenti 30/01/2020 21:05 #6

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara 123Stella

in attesa di sapere come è andato l'esercizio che ti abbiamo proposto volevamo dirti che dai tuoi racconti ci è arrivata forte l'immagine di una ragazza che riesce a sentire con chiarezza le emozioni che prova e che descrive con lucidità i suoi comportamenti.

Ci sei sembrata molto sincera con te stessa.
Sei consapevole dell'importanza di queste tue caratteristiche?
La senti la forza che si sprigiona dalle tue parole?
A noi è arrivata e vogliamo condividerla con te.

"Arrabbiarsi, sentirsi insoddisfatti, reagire in maniera stizzita potrebbe essere un modo confuso per veicolare un messaggio da te a chi ti sta intorno".

Questo non signifca che sia corretto trattare malamente gli altri, ma se qualche volta è accaduto forse è perchè in quel momento è stato importante per te sottolineare che c'eri!

Capire gli altri e capire se stessi sono entrambe cose molto importanti.
Noi crediamo che nel cammino per diventare adulti sia prioritario imparare ad ascoltare il proprio cuore.

Dulcis in fundo nella speranza di suscitarti delle riflessioni ci permettiamo di suggerirti la lettura di un libro: "Piacersi non piacere" di Enrico Rolla.

Buon cammino!
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.