Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: La dipendenza da cibo è stata la soluzione per così tanti anni che non so più chi sono..

La dipendenza da cibo è stata la soluzione per così tanti anni che non so più chi sono.. 03/06/2018 22:49 #1

Buonasera ho quasi 22 anni e ho iniziato ad avere problemi di dipendenza da cibo a partire dai 15 anni.
Ho passato un po' di fasi.. inizio di anoressia, la bulimia e a partire dai 17 anni tutto si è trasformato in un binge eating disorder Essendo che il vomito me lo sono vietato.
Da lì la situazione inizialmente ha avuto alti e bassi, fino ad arrivare a questi giorni in cui la mia dipendenza non degenere più come i vecchi tempi e riesco a mettere delle pause più o meno lunghe (giorni, settimane) .. Ma sento che è sempre latente.. Infatti tutti i giorni scappa quella porzione (anche se piccola.. Può essere anche un frutto!) di troppo, che va oltre il senso di sazietà! E non è golosità, io riconosco che è il mio disturbo.. La psicoterapeuta dalla quale attualmente vado mi ha detto che probabilmente non riesco a mettermi in contatto con le mie emozioni negative e quindi mentre mangio di pensare che sto mangiando senza perdermi nei pensieri e andando in una sorta di trance (così io lo definisco)
Però ho la sensazione che stiamo lavorando davvero troppo a rilento (ormai è da 3 mesi che vado una volta a settimana) . Stiamo ricercando ciò che nel mio passato ha causato in me un'incapacità di affrontare appunto le emozioni negative.
Quindi si sta lavorando su traumi di un passato remoto.
E ora però? Nel frattempo io che faccio?
Ho perso, ormai, il piacere di far le cose (quindi passioni non esistono) perché il periodo in cui un individuo sviluppa i propri interessi, io l'ho trascorso rintanata nel cibo.
Riuscirò mai a recuperare una giusta percezione della realtà? A dare al cibo un ruolo nutritivo e non lo scopo ultimo della mia vita?
Perché se mi metto li senza cibo, io mi chiedo e ora che faccio? Davvero tutto mi interessa dal 50% in giù. Non c è nulla che che mi suscita un'interesse più alto, tutto mi può interessare, ma tutto anche mi stufa subito.
Che faccio?
Ultima modifica: Da .

Re: La dipendenza da cibo è stata la soluzione per così tanti anni che non so più chi sono.. 04/06/2018 20:00 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Crib,

per prima cosa ti vogliamo far sapere che purtroppo il percorso psicoterapico è un percorso lungo, di ricerca motivazionale profonda.
Ora quando si mette nel cibo la nostra soddisfazione e tutta la nostra aqttenzione è chiaro che qualcosa manca.
Può essere come dice la tua psicoterapeuta il non saper gestire le tue emozioni negative, ma può essere tanto altro. Quando si entra nel discorso cibo come soddisfazione maggiore si entra in un discorso di dipendenza. Questa dipendenza, che problemi ti crea? Sei aumentata di peso? Come ti vedi? Ti isoli per mangiare?
Dici che non hai interessi... ma noi non ci crediamo. Prova a guardare dentro di te e a pensare alle situazioni che ti potrebbero piacere...
Pensaci con tranquillità, puoi anche scriverle, poi se vorrai raccontarle, noi siamo qua!

Ti aspettiamo!
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.