Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

ARGOMENTO: DELUSIONE E RABBIA

Re: DELUSIONE E RABBIA 09/07/2019 16:15 #76

  • Lupo
  • Messaggi: 146
Una precisazione: il documento non me lo aveva ancora dato, io stavo approntando il pc per la scansione e lei nel frattempo s'era messa a fotocopiarlo. Come mi aspettavo che reagisse? Avrei voluto che non scivolasse in quel discorso inutile ed esagerato.
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 10/07/2019 11:39 #77

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
E a distanza di tempo hai maturato qualche riflessione sul tuo comportamento? Se la cosa capitasse di nuovo in altra forma, rifaresti ciò che hai già fatto, cioè non avviseresti l'altro che sta facendo una cosa inutile?
Certo la mamma l'ha fatta più grande di quella che era e tu non ti saresti aspettato che la cosa partita come una banalità diventasse una sentenza sulla tua vita... però forse tua mamma riscontra una ciclicità in questo tuo comportamento? Cioè è possibile che non sia la prima volta che tu non intervieni quando potresti/dovresti, al momento giusto? Se così fosse, questo spiegherebbe perché tua mamma l'ha fatto tanto lunga, addirittura dicendoti se uno si butta dal ponte tu non lo fermi? Forse lei teme il consolidarsi del tuo atteggiamento menefreghista, anche se non è vero, però dall'esterno sembra veramente che tu sia disinteressato o addirittura non rispetti l'altro o lo vuoi prendere in giro. Ci hai mai pensato?
Vedi Lupo ad ogni nostro comportamento corrisponde una reazione, tra te e tua mamma siete talmente tanto in fase di azione-reazione che non si capisce più come fermarsi. Prima o poi uno dei due dovrebbe dire all'altro "Guarda ho capito che ho sbagliato questo"; forse quello sarà il momento in cui il vostro rapporto potrà avere una sorta di reset, perché anche l'altro potrà allora più facilmente confessare che magari ha sbagliato qualcosa anche lui. E in questa confidenza il rispetto e la fiducia crescono.
Lo ritieni possibile? Se dovessi dire a tua mamma qualcosa che tu senti di aver sbagliato, sapresti cosa dirle?

E da lei, che cosa ti vorresti sentire dire?

Saremmo contenti se vorrai approfondire questi discorsi, intanto un grande sorriso
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 10/07/2019 14:23 #78

  • Lupo
  • Messaggi: 146
A dire il vero non le ho detto nulla della fotocopia perché ho pensato che le servisse per chissà quale altro motivo, ho realizzato dopo che, probabilmente, la cosa sarebbe stata inutile al fine dell'invio. Per il resto, posso dire di avere certezza assoluta di non essere menefreghista. Certo, non ho alcuna fiducia nell'umanità (presente), ma a chi mi sta accanto (i miei cari o chi condivide la passione, gli ideali, la voglia di lottare per cambiare le cose) sono sempre disponibile. Comunque ora, pensandoci bene, mi pare che quando io l'ho "controrimproverata" per l'esagerazione, lei abbia abbozzato un'ammissione di errore. Cosa potrei dire a mia mamma circa l'episodio in questione? Forse nulla perché, onestamente, lo ritengo una sciocchezza, riguardo altre circostanze... beh, dovrei trovarmici per potervelo dire...
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 10/07/2019 14:24 #79

  • Lupo
  • Messaggi: 146
Da lei, mi basterebbe che non la tirasse tanto lunga.
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 10/07/2019 14:29 #80

  • Lupo
  • Messaggi: 146
[quote="" è possibile che non sia la prima volta che tu non intervieni quando potresti/dovresti, al momento giusto? S[/quote]
Pensandoci bene, non escludo che, nel corso del tempo, sia diventato abbastanza anaffettivo da "fregarmene", per cosi dire, di quello che fanno gli altri (alcuni)... ma non credo sia cosi nel caso di chi mi sta accanto.
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 11/07/2019 08:32 #81

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Caro Lupo
intanto non avevamo nessun dubbio che non fossi affatto menegreghista, lo abbiamo dato per scontato. Però una cosa è quello che tu "senti dentro" e un'altra è quello che "mostri fuori". Finchè non riuscirai spontaneamente a mostrare agli altri quello che senti o pensi dentro di te, nei modi e nei tempi giusti, l'impressione che darai agli altri in circostanze come questa, sarà se non di menefreghismo, di disinteresse o distrazione. Non è un peccato?

Le persone "migliori" sanno intervenire fuori, nel quotidiano, nei confronti degli altri, quando dentro sentono qualcosa di strano o fuori posto. Invece che "pensare" forse le serve le copia per qualcos'altro, perchè visto che hai notato l'attività, come mai non hai esternato il tuo sentire, come mai non le hai fatto la domanda, mamma perchè fai la copia? Nella vita imparare a inserirsi nel momento opportuno è una cosa MOLTO MOLTO UTILE, questa piccola esperienza ti potrà forse aiutare a riflettere sul tuo comportamento e magari a modificarlo per il futuro.

Ci fa piacere che nel chiacchierare con noi tu abbia notato due fatti importanti, sui quali non ti eri soffermato di primo acchito:
1) che forse la mamma si era effettivamente scusata quando si è resa conto di aver un po' ecceduto
2) che forse effettivamente non era la prima volta che sei rimasto passivo quando avresti potuto essere più attivo
Focalizzare queste cose non è di secondaria importanza. Anzi è importantissimo. A noi piace guardare agli accadimenti della vita come a occasioni che la nostra coscienza ha per evolversi. Da ogni piccolo incidente o fatto quotidiano può nascere un desiderio di crescita, ma quando non nasce spontaneamente, la vita si incarica di portarci quelle difficoltà di cui abbiamo bisogno per riuscire a fare quel passo che, se tutto andasse per il meglio, non faremmo mai spontaneamente.
Possiamo quindi imparare a fare tesoro di quello che ci succede, invece che come al solito per dare colpe agli altri, per soffermarci su quello che NOI potremmo migliorare! Chiunque sia in grado di assumersi la responsabilità di tutto quello che gli succede, è in una posizione infinitamente preferibile a chi invece crede che quelcun altro abbia la colpa delle sue "disgrazie, gli altri, il destino, il professore, il genitore, il figlio.

Dicono che la vita non ha un punto di arrivo, che la vita è quello che ci succede, mentre noi siamo tutti intenti a pianificare il nostro futuro. La vita è un viaggio e bisogna trovare il modo di godersi il viaggio, invece che vivere in apnea, passando da un'arrabbiatura all'altra, pensando solo "all'obiettivo".

Che ne pensi di questi discorsi?
Un grande sorriso
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 11/07/2019 09:48 #82

  • Lupo
  • Messaggi: 146
Pienamente d'accordo eccetto su un punto: "Possiamo quindi imparare a fare tesoro di quello che ci succede, invece che come al solito per dare colpe agli altri, per soffermarci su quello che NOI potremmo migliorare! Chiunque sia in grado di assumersi la responsabilità di tutto quello che gli succede, è in una posizione infinitamente preferibile a chi invece crede che quelcun altro abbia la colpa delle sue "disgrazie, gli altri, il destino, il professore, il genitore, il figlio". No, no, e ancora no! Il punto è che talvolta, già, è così. le colpe le hanno gli altri. O se preferite il sistema (vi prego, avete capito benissimo a cosa mi riferisco). Se, a differenza di quanto accade in altri paesi, il sistema non funziona, è antimeritocratico, ecc, mi spiace, la colpa non è mia! E voglio combattere, non mi interessa far tesoro dei danno che il suddetto sistema mi sta procurando. Ho già imparato che il mondo è una merda. Non è giusto, e, soprattutto, non è una realtà irreversibile. Altrimenti che l'abbiamo fatta a fare la Resistenza? Perché non ci siamo limitati a dire "il sistema è questo e dobbiamo accettarlo". Cosa abbiamo combattuto a fare per i diritti dei lavoratori negli anni '60? Andiamo! Io sto in apnea perché il sistema mi ha, metaforicamente, buttato fuoribordo. Passano barche su barche e nessuno mi issa. Come dovrei sentirmi? Io vorrei essere issato a bordo di una imbarcazione soccorritrice e andare a fermare chi mi aveva scaraventato fuoribordo. In modo tale che non lo faccia a qualcun'altro. Io non anelo un mondo perfetto (irrealizzabile), pretendo i miei diritti. Si è combattuto per altro, si può combattere anche per questo. Per me e per tanti altri giovani (e non) nella mia situazione. Volontario: la vita non ha un punto di arrivo? Sarà, però sono sicuro che di me sta meglio (lo dico da giornalista) il direttore del più importante quotidiano della mia Regione.... Ho detto tutto!
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 11/07/2019 11:43 #83

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Caro Lupo dicci, tu perchè sei nato? A cosa serve la vita?
Ecco noi crediamo che il motivo per cui tu "giustamente" reagisci alla nostra idea di assumersi la piena responsabilità di quello che ci capita (anche se oggettivamente non dipende da noi) dipenda dall'idea che ognuno di noi ha in mente quando parla di queste cose.
Se tu alla vita attribuisci (in linea con lo "spirito" dei nostri tempi) uno scopo esclusivamente materialistico, razionale e concreto, hai perfettamente ragione. Il sistema ce lo siamo ritrovato e noi singolarmente non abbiamo nessuna speranza di combatterlo e cambiarlo. La colpa delle nostre difficoltà per esempio di inserimento di lavoro, è senz'altro del "sistema". Quel che noi possiamo fare si limita a 2 possibilità, accettarlo e cercare di inserirci meglio che ci riesce oppure rifiutarlo, combatterlo ma essendo costretti a viverci dentro, vivendo male.
Se però noi alla vita volessimo provare ad attribuire un significato "oltre" le vicende terrestri e materiali, potremmo pensare (in linea con le più antiche e profonde tradizioni filosofiche e spirituali) che la nostra vita sia come un campo di possibilità, in cui "qualcosa" di eterno in noi, chiamiamolo COSCIENZA, ha la possibilità di fare le esperienze che gli sono necessarie per il suo sviluppo, attraverso un giusto sviluppo di pensiero, volontà, azione e reazione.
Allora potremmo guardare alla nostra vita come al "palcoscenico" dove la nostra Coscienza incontra le prove "materiali" che dovrebbero condurla a superare i suoi attuali limiti e progredire. La vita, gli accadimenti, i problemi, il sistema, sarebbero allora solo le circostanze materiali, il set di un film, attraverso cui la nostra coscienza ha occasione fare esperienze e a migliorarsi.
Allora noi forse potremmo concordare che esistono leggi che abbiamo dimenticato, come la legge dello specchio o della risonanza, che fanno sì che ognuno di noi incontri nella vita di tutti i giorni le "giuste" difficoltà per la sua evoluzione.
In questo contesto, vedi, anche noi avremmo ragione a dirti che alla fine, la responsabilità ultima di qualsiasi cosa ci accada, anche se un ladro ci ruba il portafoglio, è nostra e che quello che accade nel mondo "fuori dal nostro controllo" arriva al momento giusto e per il nostro "bene" anche se li per li, sul piano materiale, sembra una catastrofe e una sciagura.
Forse non è sul piano "materiale" che noi possiamo battere il "sistema".
Forse è combattendolo su un piano dove il sistema non c'è, quello nostro personale, il nostro mondo interiore, sul quale abbiamo o possiamo acquisire il pieno dominio.
Se non possiamo controllare la realtà esterna, possiamo invece diventare liberi di reagire nel migliore dei modi, possiamo imparare a conoscere e sviluppare noi stessi, le nostre risposte emotive, le nostre paure, la rabbia, il risentimento, l'odio, tutto questo è parte di ognuno di noi, ma noi siamo anche amore, fratellanza, empatia. Semplicemente facendo un percorso psicologico, tutte queste emozioni in noi, tutto quello che inconsciamente ci fa soffrire, può essere compreso, integrato e superato.
Tu sei giovane Lupo, ti sei mai soffermato su questo tipo di approccio alla vita?
Ti aspettiamo e intanto un bel sorriso
Ultima modifica: 11/07/2019 11:51 Da Volontario del Sorriso

Re: DELUSIONE E RABBIA 12/07/2019 06:18 #84

  • Lupo
  • Messaggi: 146
"Caro Lupo dicci, tu perchè sei nato? A cosa serve la vita?". Non lo so, come non lo sa nessuno! Qualunque risposta a dette domande sarebbe una risposta artefatta! Un'invenzione. Il ché non è, certamente, un male. Per il resto, prendere la vita, per cosi dire, con filosofia è positivo, lo è ancor di più se prima si chiude il cerchio. So per certo una cosa, tuttavia, e cioè che ci sono dei diritti innati all'uomo, ce lo ricorda il giusnaturalismo, il Processo di Norimberga, et similia. Ma non voglio addentrarmi in argomenti di tale natura. Volente, o nolente, è da qui che debbo partire.....
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 13/07/2019 11:27 #85

  • Lupo
  • Messaggi: 146
E' da molto tempo che non riflettevo su "noi siamo anche amore, fratellanza, empatia". Come avete capito, sono una persona estremamente razionale (lo dimostrano anche i miei articoli), pertanto l'amore, la fratellanza e l'empatia sento di non poterli/doverli usare a chi non lo merita. Un razzista? Non merita alcuna forma di rispetto, da parte mia, men che meno amore, fratellanza ed empatia. Mi è capitato di rompere totalmente i rapporti con un conoscente con cui avevo un rapporto di viva cordialità, da anni, per questo motivo. Per i suoi pregiudizi razziali. Pregiudizi sdoganati dal quel farabutto che ci governa (de facto). Sui diritti umani e l'uguaglianza, dinanzi a tali diritti, non transigo. Zero rispetto, lotta continua a coloro che fanno propria la feccia razzista. Quindi, a mio avviso, la domanda, interessante da pormi è: i sentimenti positivi possono produrre ugualmente un effetto positivo nella vita di una persona (nel caso di specie io)finanche se rivolti a categorie selezionate di esseri umani?
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 15/07/2019 19:36 #86

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Buonasera Lupo!

Noi siamo anche Amore...fratellanza.....empatia..............
Cavoli qui si parla del cuore della vita, o no?
Amore e amare, che cosa significa?

E poi la lotta.....,lottare per la vita, lottare per dare un senso alla vita,lottare per degli ideali o per i diritti umani e l'eguaglianza.

Qui c'e' veramente qualcosa che puo' riempirci di senso?

E per finire ....quali sono le tue fonti?
A cui attingere per scoprire qualcosa di piu' della vita,del mistero della vita, della sua saggezza, della sua profondita' e della sua ricchezza...

Pero'... , niente male come argomento serale, anche se pensiamo che forse una vita non basti per ricevere tutte queste risposte, ma la vita e' un cammino e durante questo percorso possiamo metterci in ricerca.

Che ne dici Lupo...ti va di condividere con noi qualcuna delle tue riflessioni al riguardo?

un abbraccio e tanti sorrisi
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 16/07/2019 10:01 #87

  • Lupo
  • Messaggi: 146
Buongiorno. Cosa significa amore e amare? Significa incontrare l'altro, andargli incontro, mettersi a sua disposizione, aprire la propria vita a lui/lei/loro. Ebbene, ripeto, i miei (non solo i miei) nemici non meritano nulla di tutto questo. Chiunque si adegui a un sistema intrinsecamente ingiusto non merita alcuna forma di amore, chiunque implementi il razzismo, calpesti i diritti umani e via seguitando, non merita alcuna forma di amore. La lotta, per i diritti umani, per gli ideali (sani), per la vita, ecc, è necessaria. La mia rabbia deriva dall'essere solo in questa lotta, per cui la lotta stessa è inibita. I vili, i mediocri, gli egoisti hanno deciso che anche io debbo adeguarmi, come fanno loro. Quali sono le mie fonti? Non sono una persona religiosa. La mia concezione di "trascendente" è, tendenzialmente, teista. Non escludo che esista qualcosa per il semplice fatto che non posso dimostrare nulla al riguardo. Nemmeno mi interessa, tuttavia, dimostrare alcun ché al riguardo. Qualunque cosa esista, se esiste, non interviene nella storia. Allo dove attingo? Nell'introspezione. Nella filosofia, certamente, ma da utilizzare come mezzo per l'introspezione anzidetta. Ad ogni modo, siamo pragmatici: occorre chiudere il cerchio, altrimenti si finisce a vivere sotto i ponti. Pertanto, è necessaria la c.d. "lotta dura senza paura" come diceva "qualcuno"....ma come dicevo: c'è solo la rabbia che deriva dall'isolamento.....isolamento non voluto da me.
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 22/07/2019 20:09 #88

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Lupo!
Scusa se ti abbiamo fatto aspettare a lungo la nostra risposta!

Pensiamo che ognuno di noi abbia delle fonti ove andare a rifocillarsi,ad informarsi, ad imparare qualcosa di sempre piu' veritiero e profondo al riguardo della vita. La sensazione di sentirsi soli nella lotta l'hanno provata molti di noi,molto spesso e' per questo che si entra in una associazione, in un comitato, in un partito, per lottare insieme ad altre persone che hanno in linea di massima i nostri stessi valori!

Scusa l'ignoranza, chi sono i teisti?

Possiamo chiederti da dove nasce questo tuo desiderio di lottare con cosi' grande ardore per la giustizia,per i diritti umani e per degli ideali sani?

Cosa intendi per ideali sani?

a presto !
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 24/07/2019 06:36 #89

  • Lupo
  • Messaggi: 146
Mi pare di averlo già scritto, ma non importa; lo riscrivo. Fin dai tempi dell'Università, ho fatto attività politica con l'intento di operare per "cambiare le cose". Ebbene: tutti si sono dimostrati interessati SOLAMENTE ad esserci. Alla cosiddetta "poltrona". Ho fatto parte, da ragazzino, della Chiesa la quale si è rivelata un'associazione di marpioni, mondani all'ennesima potenza. Ho fatto parte per tre anni, fino a pochi mesi fa, di un'associazione che, guardacaso, si rifà agli ideali dell'illuminismo, e della Carboneria, e invece si è rivelata essere come la Chiesa. Faccio il giornalista da 4 anni (per iscriversi all'Ordine dei Giornalisti occorre collaborare per due anni quindi agli anni effettivi di esercizio vanno sommati gli anni di pratica) e non gliene sbatte un cxxxxxo a nessuno dei miei approfondimenti, delle mie inchieste. Tu per loro sei uno dei tanti, uno che si deve mettere in fila a quei "giornalai" che scrivono cazzate di cronaca locale, solo perché sono arrivati prima. Ergo: non riesci a condurre alcuna battaglia nemmeno con la tua arma, ossia la scrittura! Riguardo al Teismo è un refuso, intendevo scrivere Deismo. Il Deismo Il deismo assume a priori l'esistenza di un Essere Supremo, creatore e regolatore delle leggi dell'universo, indispensabile a spiegarne l'ordine, l'armonia e la regolarità. Nega però la necessità di una rivelazione. Un po la mia visione del trascendente. Da dove nasce il desiderio di lottare? Dal fatto che io, come tanti, sono una vittima dell'ingiustizia di questo sistema. Esattamente come i leader della resistenza al nazifascismo, all'appartheid, etc. Non è inevitabile sopportare tutto questo e vedere che per altri privilegiati non è così. Io, o meglio, noi pretendiamo le stesse possibilità. Le meritiamo. Gli ideali sani sono il contrario di quelli insani come il razzismo.
Ultima modifica: Da .

Re: DELUSIONE E RABBIA 24/07/2019 17:34 #90

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Lupo,
E’ bello il tuo impegno nel combattere per gli ideali sani e – credici – non sei solo.
Permettici di dire, però, che questa lotta è infinita nel senso che – purtroppo – nel mondo ci saranno sempre delle ingiustizie per cui sarebbe opportuno cambiare prospettiva ossia non sentirsi frustrato per non avere vinto la lotta contro tali ingiustizie ma essere consapevole ed orgoglioso del proprio impegno e che quello che tu stai facendo contribuisce al lato positivo del mondo.
Credo che nei tuoi anni di studio e di approfondimento hai potuto notare come siano sempre state presenti le ingiustizie ma come anche ci sono state grandi figure che hanno lottato contro di esse. Tra l’altro, la storia non ci racconta invece dell’impegno delle “piccole” figure.
Quindi t’invitiamo a vivere il tuo impegno serenamente consapevole che tu puoi solo agire per te e non per gli altri.
Buona serata !
Ultima modifica: 24/07/2019 17:35 Da Volontario del Sorriso
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.