Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Un problema piu' grande di me

Un problema piu' grande di me 13/02/2018 04:16 #1

Mi chiamo Luca. Sono un ragazzo di quasi 30 anni laureato in ingegneria. Scrivo per esporre il mio dramma da cui non so piu' uscire. Non ho molte speranze di trovare qualcuno che sappia dirmi qualcosa di utile, o qualcuno che abbia avuto una esperienza simle alla mia, ma del resto non costa nulla fare un tentativo.
Guardando alla mia vita fino ai 25 anni credo che nessuno potrebbe trovare punti particolarmente oscuri: ho sempre fatto il mio dovere dando il massimo nello studio, ho fatto il liceo scientifico e, come dicevo sopra, mi sono laureato in ingegneria. Ho tutt'ora una buona famiglia alle spalle con cui ho un rapporto normale (forse economicamente parlando i miei mi han sempre viziato troppo). Ho amici, sono una persona discretamente socievole e amo stare a contatto con gli altri. Non mi sono mai drogato, non ho mai fatto a botte, nè altre cose strane.
L'unica scheggia impazzita nella mia vita, sin da quando sono un ragazzino, è sempre stata una sola: il fatto che facessi schifo esteticamente (sia in base a cio' che dicevano amici e ragazze sia in base a cio' che vedevo io allo specchio) e, collegata, la sfera sentimentale. Reputandomi brutto ho sempre puntato a un target bassissimo. La mia prima ragazza ufficile era una mia compagna di corso universitario. Una tipetta alta un metro e mezzo per 70 kg, capelli crespi, denti storti, occhietti piccoli. Dopo notevoli sforzi incluso l'averle regalato un anello di Bulgari da 1500 euro, l'ho convinta a fidanzarsi con me. Sono stato con lei 3 anni. Mentre stavo con questa ragazzina a volte la notte sognavo persino che io e lei avessimo un figlio, e che al momento del parto uscisse un mostro. Arrivato ad un certo punto della mia vita ho capito che non potevo piu' fare finta di niente, perche' mi sembrava di essere arrivato al limite, considerando che la mia infelicita' in questo campo stava inficiandone anche altri, come il rendimento scolastico.
Quindi mi è balzata in testa l'idea di dare un taglio a questa situazione: mi sono iscritto in palestra (il mio problema e' sempre stato solamente il viso, ma ho pensato che un po' di muscoli in piu' non avrebbero guastato). E poi... Ho preso alcuni appuntamenti da dei chirurghi maxillo-facciali per sentire il loro parere sul mio caso. Credo che il calvario vero e proprio sia iniziato di qui. Gia', perche' con mio estremo stupore, tutti i medici da cui andavo dicevano che non avevo nessun problema e che ero io a vedermi brutto. Questa cosa cozzava nettamente con le mie esperienze di vita, e quindi decisi di insistere. Alla fine ho trovato un medico, un vecchio docente universitario famoso nel suo settore. Aveva un modo di fare schifoso a livello umano. Sosteneva che fossi un pazzo dismorfofobico (cioe' che si vede brutto) ma accetto' di operarmi. Cosi' effettuai tre interventi: uno al mento, uno al naso, e uno molto pesante che consiste nel dividere in due la faccia ed abbassare la zona inferiore del viso (dal naso in giu') da quella superiore (dal naso in su) per creare un allungamento del viso. Il risultato di questi interventi fu deludente. Ero quasi uguale a prima eccetto che per il fatto che avevo i denti perfettamente dritti. Ero demoralizzato ma mi dissi: "e se fossi davvero io a vedermi cosi brutto? Perche' allora non posso avere anche io una ragazza normale, che non sia un mostro?". Cosi' lasciai la mia ragazza dell'epoca e iniziai a uscire con moltissime ragazze, quasi tutte conosciute su internet... E inevitabilmente iniziai a collezionare una sfilza inifinita di due di picche. Praticamente queste uscivano con me, spesso venivano anche a letto con me una volta, e infine sparivano dopo il primo incontro sostenendo che ero diverso dalle fotogerafie. Ho anche trovato una ragazza con cui sono stato due anni. Che pero' ho mollato nel momento in cui lei, candidamente, senza immaginare nulla del mio trascorso, mi ha detto che quando mi aveva visto la prima volta non gli piacevo fisicamente, e che non sapeva spiegarsi neanche lei come avesse potuto innamorarsi di me. Il bello e' che questa si era davvero innamorata, infatti si dispero' quando la lasciai. Comunque,lasciata questa, ripresi a uscire con altre: sempre la stessa storia. Una uscita di qualche ora, spesso venivano a letto con me, e poi sparivano sostenendo che ero diverso dalle foto. Esasperato, nel gennaio 2016, feci un ultimo interventino, minimo, ma che mi diede un bel risultato, forse il migliore di tutti. Ed ebbi 7/8 mesi in cui finalmente ero soddisfatto e ho potuto provare l'ebbrezza di avere anche io una vita sentimentale normale. Mi sono rifidanzato con una ragazza normale, carina, a cui piacevo davvero. Purtroppo pero' dopo 7/8 mesi l'idillio è finito: ho iniziato a lavorare (primo lavoro serio dopo la laurea) e mangiando male (io ero abituato a seguire una alimentazione da palestra, non da mensa d'ufficio) per via di una cicatrice del vecchio intervento, si e formata una bolla d'acqua nella guancia destra che determina un gonfiore notevole. Inoltre, forse per l'invecchiamento e per le troppe lampade, mi è peggiorata molto la pelle. Insomma sono nuovamente peggiorato e,per questo fatto, unitamente allo stress del lavoro che facevo, ho iniziato a soffrire di attacchi d'ansia, che ho ancora ora.
Ho dovuto mollare il lavoro per questi attacchi e ho lasciato la ragazza che avevo trovato perche' non stavo bene. Attualmente non riesco a lavorare per questi attacchi d'ansia, e sto aspettando di fare un intervento per togliere l'edema dalla guancia, sperando che abbia un esito positivo.
Io credo che il mio reale dramma sia nato dal fatto che, oltre al danno (una vita sentimentale pari a quella di un portatore di handicap) ho sempre avuto anche la beffa (ovvero i miei genitori, i chirurghi, e i consulenti estetici a sostenere che fossi solo io a vedermi brutto). Se mi avessero detto subito, dalla prima visita: "guarda che sei irrecuperabile, meglio che stai cosi'",io non mi sarei impuntato in questo modo.Probabilmente avrei deciso o di stare da solo o di stare con la prima ragazza che dicevo sopra, anche se non mi piaceva. Invece ora non riesco a rinunciare all'idea di avere una vita normale, che mi sembra un traguardo vicino, avendolo raggiunto per 7/8 mesi nel 2016. Ma c'è un'altra beffa: per rendere l'idea io ho una media di 100 uscite all' anno con 100 ragazze diverse conosciute su internet, delle quali molte vengono a letto con me la prima sera saltandomi praticamente addosso, e poi dopo 1/2 uscite spariscono sostenendo che dal vivo non sono bello come in foto. Curioso e' che molte prima di incotrarle le vedo persino in webcam. Loro accettano di uscire, alcune facendo ore di treno per raggiungermi,poi vegono a letto con me, e dopo spariscono sostenendo che sono diverso persino dalla video cam.
Sono gia' andato da diversi psicologi, i quali sostengono che non ho disturbi psichiatrici o psicologici eccetto i forti attacchi d'ansia. Ho provato a curare questi attacchi con dei farmaci, ma invano. L'unica speranza che ho è che questo intervento per asportare l'edema, unitamente a un altro piccolo intervento che ho in mente, mi consentano di migliorare nuovamente e di rasserenarmi un po', ma non so piu' cosa dire.
Ultima modifica: Da .

Re: Un problema piu' grande di me 13/02/2018 20:33 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Benvenuto tra noi Luca7739!

Il tuo post è molto intenso e fa trasparire sicuramente una tua grande sofferenza.

Il primo suggerimento che vorremmo darti è di trovare un bravo psicoterapeuta che possa sostenerti ed aiutarti ad uscire dal tuo "problema più grande di te" come tu stesso lo hai definito.
Perchè questo suggerimento?
Perchè il tuo vederti brutto, non adeguato ad uno standard di bellezza stereotipato, viene da come ti senti e non da come sei esteticamente. Infatti, i ripetuti interventi estetici continuano a non farti sentire adeguato e a non soddisfarti ...

Altro elemento di riflessione che vorremmo condividere è questo: nella relazione con le persone, con le ragazze, oltre all'aspetto fisico, quello che prevale è sicuramente il sentimento ed il feeling emozionale che si instaura. Cosa ne pensi?
Le innumerevoli ragazze che hai frequentato negli ultimi mesi ti hanno lasciato qualcosa? E invece tu cosa hai dato a loro?
Come ci spieghiamo le relazioni (anche stabili) che vi sono tra alcune coppie con uomini che non rispondono a canoni di bellezza standard?
Ci vengono in mente, ad esempio Woody Allen, Maurizio Costanzo, Giancarlo Magalli ....
Questa constatazione la facciamo affinchè tu possa riflettere su quanto detto prima, e cioè che l'aspetto fisico non è l'elemento principale nella relazione con le persone.
E' sicuramente più importante la nostra sicurezza interiore, la stima che abbiamo di noi stessi più che la bellezza fisica che, ad un certo punto, con gli anni, svanisce.

Ci colpisce il titolo che dai alla tua discussione e, dopo questa riflessione, ci viene da suggerirti che tu, così come sei, dovresti riuscire ad essere più grande e più forte del tuo problema.

Un grande abbraccio,

Ultima modifica: Da .

Re: Un problema piu' grande di me 14/02/2018 02:21 #3

Ciao. Innanzitutto grazie per il tempo che hai deddicato per rispondere al mio sfogo.

Il mio non essere adeguato agli standard di bellezza stereotipati nonostante gli interventi non e' legato al fatto che il problema lo vedo solo io, magari fosse cosi'. Ma e' legato al fatto che i primi tre interventi che ho effettuato mi hanno lasciato praticamente uguale a com'ero, probabilmente per incompetenza del medico che li ha fatti, e probabilmente perche' i miei difetti sono difficilmente correggibili (al contrario di un naso storto o di un seno poco prorompente).

Sul fatto di quello che possono avermi lasciato le ragazze con cui sono uscito beh, ti garantisco che la media delle ragazze dai 20 ai 30 anni hanno purtroppo molto poco da offrire emozionalmente parlando (per lo meno dove vivo io). Considera che i loro principali argomenti di discussione durante le uscite sono: locali da ballo e serate, alcol, canne,quante volte sono finite in coma etilico ecc... Ho io per primo un lato frivolo per cui a volte ho voglia di andare a ballare o fare cose non 'impegnate', ma cio' non occupa la quasi totalita' del mio cervello.

Per quanto riguarda invece le coppie mal assortite non so cosa dire. Woody Allen e Costanzo sono personaggi pubblici, e forse in quell'ambito entrano in gioco dinamiche particolari. Ammetto che mi capita di vedere spesso in giro coppie mal assortite, ma, considerando che io non ho mai avuto la fortuna che una bella ragazza si interessasse a me, solitamente ipotizzo che lui sia 'peggiorato' dopo aver conosciuto la ragazza in questione, magari trascurandosi, ma che prima fosse meglio di me. Poi sicuramente le eccezioni che confermano la regola ci sono, c'è anche chi vince al superenalotto...

Sul fatto dello psicoterapeuta... sto andando attualmente da una dottoressa. Lei mi ha fatto capire che e' abbastanza inutile che continuo ad andare da lei perche' mi rifiuto di accettare come sono. Sono andato anche da una psichiatra che mi ha dato un farmaco per gli attacchi d'ansia, farmaco che ha avuto come effetto quello di farmi mettere 3 o 4 chili, che ho dovuto perdere mangiando per due mesi solo carne e insalata. Eventualmente valutero' di cambiare psicoterapeuta...
Ultima modifica: Da .

Re: Un problema piu' grande di me 14/02/2018 20:03 #4

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
ciao Luca7739, noi siamo qui per ascoltare e ti puoi sfogare ogni volta che ne senti il bisogno!
Nel tuo post, riguardo alle ragazze che hai incontrato, ci dici che hanno molto poco da offrire emozionalmente e poi aggiungi:

Ho io per primo un lato frivolo per cui a volte ho voglia di andare a ballare o fare cose non 'impegnate', ma cio' non occupa la quasi totalita' del mio cervello.


pero' non ci racconti cosa occupa il tuo cervello... vuoi aggiungere qualcosa?
Vuoi raccontarci cosa ti piace? cosa ti appassiona?

Certo dai tuoi scritti si sente il tuo disagio, la tua sofferenza per il tuo aspetto fisico, il tuo bisogno di essere esteticamente attraente, cosa che sicuramente piacerebbe un po' a tutti.
Sono tante le cose che hai affrontato, e non ultimo cio' che ci hai raccontato riguardo quella ragazza con cui sei uscito e che si era innamorata da te, ma ci permettiamo di chiederti in tutto questo, che cosa sentiva il tuo cuore, riesci ad ascoltarlo? e se ti va di raccontacelo!

Hai mai pensato come sarebbe incontrare una ragazza, ma conoscerla e frequentarla per un po', in modo che si possa creare il desiderio di starci insieme prima di finire direttamente a letto?

Sull'efficacia della terapia
Sul fatto dello psicoterapeuta... sto andando attualmente da una dottoressa. Lei mi ha fatto capire che e' abbastanza inutile che continuo ad andare da lei perche' mi rifiuto di accettare come sono, valuterò se cambaire terapeuta
... la conosci la barzelletta, "Quanti psicologi ci vogliono per cambiare una lampadina? Uno, basta che la lampadina sia motivata a cambiare!"???

Tanti sorrisi



PS: in un precedente post Hai detto una frase tipo Sliding Doors:
Se mi avessero detto subito, dalla prima visita: "guarda che sei irrecuperabile, meglio che stai cosi'",io non mi sarei impuntato in questo modo.

Hai mai pensato sul serio a questo scenario? Se davvero ti avessero detto così a suo tempo, ti vengono in mente delle cose che avresti potuto fare, delle qualità che avresti potuto sviluppare, per superare lo svantaggio di non essere "bello", per avere comunque una vita ricca di relazioni?
Ultima modifica: 22/02/2018 10:46 Da Volontario del Sorriso
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.