Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Problemi adolescenza

Problemi adolescenza 12/08/2019 20:40 #1

Ciao a tutti, io sono Vanessa ho 17 anni e sono calabrese mi sono iscritta qui perché ho un po' la vita incasinata e anche la mia testa non saprei cosa fare con cui parlare. Non so chi sono e mi sento inutile certe volte, non so ora che tra tre mesi faccio 18 anni vorrei essere libera di vivere ma non so se è possibile. Vivo in una comunità da tre anni quelle comunità dove vanno tutti i ragazzi che hanno problemi in famiglia. La notte non riesco a dormire e in più non ho nessuo perché man mano tutti si sono allontanati ho incontrato di nuovo un anno fa il mio ragazzo che è molto più grande di me e cerco a volte in lui sicurezza o qualcosa del genere ma anche lui ha i suoi problemi e quindi come ho già detto mi sento molto sola. Non mi considero una ragazza molto fortunata e forse per tutto quello che ho passato mi rende più forte ma il fatto è che questa forza non la sento più e sto molto male emotivamente sono moltissime cose che tenendole x me ogni giorno mi fa scoppiare e siccome non ho con cui parlare o da cui avere qualche consiglio be ecco spero di trovarlo qui. Ovviamente so che dovreste sapere tutta la mia storia perciò aspetto non so che voi mi rispondiate e qualsiasi cosa vogliate sapere io dirò tutto con sincerità. Non scrivo tutto adesso perché non so, ho tanto da scrivere e vorrei farlo dopo essere certa che qualcuno ci sia come ho visto leggendo il resto
Ultima modifica: Da .

Re: Problemi adolescenza 13/08/2019 07:45 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Pia, benvenuta!
Eccoci qua' pronti ad ascoltarti! Ti va di raccontarci la tua storia o quello che ti fa stare male? Ci spiace molto che tua abbia avuto problemi e debba vivere in una comunità, ma come già anticipato faremo il possibile per aiutarti e consigliarti al meglio.
Ti aspettiamo.
Ultima modifica: Da .

Re: Problemi adolescenza 13/08/2019 23:39 #3

Allora tutto inizia da prima che io nascessi mia madre era una prostituta e i suoi fidanzati la picchiavano sempre ma lei non mollava mai nulla un giorno conobbe mio padre che faceva il carabiniere ed era lunico che voleva aiutarla oltre mio nonno ma il suo scopo era quello di mandare in aria tutta la sua vita sapeva che era sposato e continuava a stuzzicarlo ma lui ci stava mio padre aveva 18 anni lei una ventina così lui tradì sua moglie con mia madre e non appena scoprì di aver quasi messo al mondo una vita di nuovo scappò andò via e non volle riconoscermi. Sono nata grazie all'aiuto di mio nonno e diciamo che io facevo da mamma mentre mia madre da bambina ogni singolo giorno vedevo i suoi amici che la usavano x il suo aspetto e a lei stava bene e quando alzavano mani io le prendevo per difenderla ma a lei non bastava mai. All'età di 5 anni insieme a mia sorella siamo state mandate dal tribunale in collegio da suore e siamo state li sei mesi perché nessuno ci voleva e questo mi fa ancora male tutto ciò perché crescendo scopro sempre di più delle mie origini. Poi siamo state affidate ad una famiglia che per un po' ci hanno trattate bene poi hanno iniziato a fare preferenze ovvero mi trattavano diversamente e ancora lo fanno. Le punizioni le regole che dovevano dare a lei volevano darle solo a me e lei infatti comanda una famiglia si può dire io a 14 anni iniziavo a chiedere uscite ma i miei lo negavano spesso, mi chiudevano in casa quando accumulavo tanto e poi scoppiavo in una volta e senza dirmi nulla mi hanno messa in comunità e lì stesso vedo la differenza tra me con l'avere una famiglia e le altre ragazze con la lodo. Loro si sentono tutti i giorni sono sempre presenti mentre a me nemmeno il primo giorno mi hanno chiamata per chiedermi come stavo e se avevo ragione su moltissime cose per loro era giusto pagare anche se non ero in torto e così sono da tre anni li non vedo mia madre non la vedo da tre anni quasi ma mi ha sempre cercato per i suoi sporchi comodi. Ome trovargli un posto dove stare, lavorare x dàdle soldi e nessuno ha mai capito come stessi male tutti questi anni per questa situazione crescendo ho rafforzato il carattere ma con la scusa della comunità ho perso tutti gli AMICI VERI che avevo e ho chiuso la cosa che mi piaceva di più fare video su YouTube e sono sempre stata considerata dalla comunità e dalle mie famiglie una stupida perché mi hanno sempre valutata e quando ho dimostrato di valere trovavano sempre un qualcosa per mandarmi giù così mio padre affidatario un giorno mi ha presa dal collo sbattuta al muro e non respiravo quasi più e ho incominciato a fare calci a menare x difendermi ma nessuno poteva aiutarmi mi hanno chiusa in stanza e in casa e ho iniziato a chiedere aiuto in comunità e mi hanno risposto che un genitore fa bene ad alzare mani per educare il fatto è che non lo aveva fatto per quello e così sono cambiata ho iniziato a scappare via di casa quando stavo li e dalla comunità e il peggio l'ho preso sempre io. Poi dopo aver frequentato persone che avevano solo uno scopo che non ho mai fattoo. E da un anno che sto con una persona di 12 anni più grande di me che mi ha vista crescere e in quest'anno ha scoperto tutto di me all'inizio mi capiva di più ora lui sta male emotivamente perché pure lui però non sono riuscita mai a fidarmi tanto di qualcuno e con lui l'ho fatto è per questo che mi ferisce quando usciamo e llo attirano troie, certe volte i suoi commenti ma pure il fatto che sbava quasi quasi certe volte me lo fa apposta ma io poi cambio letteralmente inizio a non farmi baciare abbracciare perché lo vedo come mancanza di rispetto che essendo che è bello tutti ci provano e lui da retta. Per esempio oggi a mare mi ha detto guardavo le tette di quella perché sono grosse poi gli ho iniziato a fare la predica e la sua risposta è stata noi maschi guardiamo sempre e poi se una ha quasi tutto di fuori è femminile e io non riesco a capire se è vero che lo pensa oppure no perché se da me pure per sbaglio si vede dalla maglietta qualcosa (non nuda perché non è da me comportarmi da troia perché questo mi ricordaia madre naturale e tutto anche quando mi dice e a me dicevano che i tuoi erano bravi che dovevo lasciarti stare che posso sembrare un depravato e lì m'incazzo lui mi risponde ma io ci passo di sopra o non gli rispondo e fa finta che non mi ha detto niente e in queste cose che mi danno fastidio se mi ingelosisco x il fatto che un anno fa lui era un puttaniere perché solo quelle si filava solo per portarle a letto quando guarda o messaggi con ragazze che vanno sul sesso pesantemente o che mette like a ragazze che fanno vedere tutto mi dà fastidio e si giustifica con non fare la.bambina ma con un like che può succedere ma tanto non le conosco finiscila dai vieni qua e sempre la solita storia certe volte ho pensato se mi voleva solo x quello però mi ha dimostrato di tenerci ma molte volte anche con queste piccole cose non riesco a passarci di sopra e in più ora hanno tutti l scusa che per ogni cosa che succede ha sempre colpa lui, il fatto che tra tre mesi faccio 18 anni influisce a volte e lui mi dice che non può darmi niente che non posso Vere un futuro con lui che sono un scema perché non lo capisco e poi dopo un po' si pente e inizia a scherzare ma a me poi non va perché i casini a casa o in comunità più i casini con lui sono troppi per.me e mi sento soffocare molte volte e inizio a chiudermi in me come una volta e a piangere e a ricordare tutto il male di questi anni e in più il mio futuro hanno cercato di distruggerlo sempre e ora sto dando del tutto ma non mi sento all'altezza mi sento inutile come se non valessi nulla perché anche da parte sua quando guarda un'altra io lo associo a quello e quando una volta gliel'ho detto sì è incazzato con me dicendo che non era vero che sono esagerata ma intanto quando gli dico ti amo mi abbraccia e poi però ha paura di perdermi so che mi ama ma crrt3 volte anche per il fatto di ste femmine sto male non mi sento abbastanza come anni fa e in più il fatto che il mio futuro forse di nuovo verrà bloccato per il fatto di non aver un posto dove stare e ne un lavoro perché la comunità fa in modo che io non guadagni nulla e i miei genitori e ho accettato di tornare a casa perché non si dove andare e speravo in un appoggio ma nulla e quindi poi per il discorso di mio padre naturale mi ha presa in giro si può dire mi ha detto che avrebbe fatto di tutto ma voleva ceh facessi tutto io in modo da riconoscermi ecc e lui inventava scuse su scuse si è dimenticato di me ma io dico per tutti questi anni è possibile che non mi abbiano mai pensato per loro non conto nulla? Poi un mesetto fa ho scoperto quanto davvero facesse schifo mia madre naturale che ha rubato non so quanti mila euro che mio nonno aveva lasciato a noi nipoti per spenderli per droga e x maschi, che ha fatto andare in galera tre anni mio nonno dicendo che aveva abusato di noi nipoti ma non era vero e in più insieme al suo compagno alzava mani ai nonni e mi fa schifo ver avuto tutto ciò anche se quando le cose vanno bene con il mio ragazzo certe volte tutto ciò lo dimentico ma il fatto che mi abbiano fatto prendere fin'ora pillole perché scappavo perché mi sono difesa e che abbiano cercato di fare arrestare il mio ragazzo dicendo che mi aveva violentara ma non era vero è che tutti credono loro e mai me be mi fa stare male soprattutto perché lo scopo loro è di farmi tenere ste pillole che quando none prendo sto benissimo ma nessuno mi crede quindi a 18 anni cercherò di toglierle e se ho un impedimento cercherò dove stare e spero di lavorare ma per ora non so che fare
Ultima modifica: Da .

Re: Problemi adolescenza 14/08/2019 19:52 #4

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
buonasera Pia horan !
come ti e' andata oggi?

Ci dispiace molto per la grande quantita' di sofferenza che e' stata presente fino ad oggi nella tua vita.
Grazie della fiducia che ci hai accordato nel raccontarci la tua storia !
Siamo qui per ascoltarti, per confrontarci con te, e per fare un pezzo del cammino della vita insieme.

Ci hai raccontato della vita difficile della tua mamma che tu fin da piccola cercavi di difendere prendendo anche delle botte,e della vostra lontananza da tre anni, del tuo papa' naturale che non ti ha riconosciuto, e della famiglia che ha accolto te e tua sorella.

E poi ci hai raccontato di un episodio con il tuo papa' affidatario, che ti ha messo una mano alla gola e tu ti sei difesa a calci....
Ci dispiace molto, ti va di raccontarci un po' piu' chiaramente che cosa era successo?

Sono veramente tante le difficolta' che hai dovuto sostenere.
Abbiamo percepito la tua forza nell' affrontare tutte le difficolta' come meglio hai potuto.

Ci hai raccontato di tuo nonno, una figura molto importante per te, a cui pensiamo che vuoi molto bene, ci vuoi raccontare qualcosa di lui?

Pensiamo che tu sei molto giovane, ma gia' con una complessa esperienza di vita,e se sei d'accordo ci piacerebbe che ci raccontassi qualcosa riguardo le cose che ti piacciono, se hai qualche hobby, se ti piace leggere o fare qualcosa per rilassarti o divertirti.

Avere vicino un uomo a cui vuoi bene, e che come dici tu , che ti vuole bene e' molto importante!
Cosi' come e'molto importante, secondo noi,che tu possa parlare con lui e dirgli quali sono i suoi comportamenti che ti fanno soffrire.....

Che cosa pensi di quello che ti abbiamo scritto?

Un' altra cosa che ci sta molto a cuore e ti volevamo chiedere perche' pensiamo che sia molto importante : "hai chiesto nella comunita' perche' stai prendendo le pastiglie?
ti sei fatta spiegare a cosa servono?"

Infatti nel primo messaggio che ci hai scritto ci raccontavi che la notte fai fatica a dormire,e questa e' una cosa importante e da non sottovalutare.
Se ti va ,raccontaci qualcosa di piu' su questa tua difficolta' a riposare.

Scusaci se non siamo riusciti a risponderti bene su tutto quel che ci avevi scritto, soprattutto sul rapporto con la tua mamma ed il tuo papa' naturale, cercheremo di farlo nei prossimi messaggi.

Se ti va,scrivici tutto quel che per te e' importante.

un abbraccio ed a presto
Ultima modifica: Da .

Re: Problemi adolescenza 14/08/2019 20:21 #5

Be tutto è iniziato quando sono entrata in comunità, mia sorella mi detestava non mi poteva vedere e questo mi faceva molto male, poi non venivo considerata in famiglia non mi contavano a tavola, ogni giorno mi ingiuriavano dicendo che non valgo nulla che sarei diventata come mia madre che frequento zingari perchè io faccio parte del gruppo e giorno per giorno ho deciso di abbandonare la scuola, volevo scomparire da questa città volevo trovare mio padre perchè da piccola lo sognavo come la mia msalvezza dopo la morte di mio nonno così iniziai a cambiare a sbandare ho allontanato i miei veri amici e ho iniziato a frequentare persone che stavano in giro per avere lo scopo di essere aiutata in qualche modo ad essere libera e così lo vivevo come una sicurezza perchè non mi sentivo sola con problemi seri in famiglia o in comunità però iniziai a fumare ogni volta che stavo in giro o il sasbato quandop mi mandavano a casa ma sigarette solo. Man mano in questa famiglia e con mia sorella iniziai a sentirmi esclusa tagliata fuori e ancora è così perchè la mia faccia molti l'hanno dimenticata e la voce che hanno messo in giro dove abita il mio ragazzo era quella che io combinavo danni e che loro non riuscivano a gestirmi, ogni singoolo problema dovevo pagarlo io, se mi trattavano male e rispondevo la comunità vedeva solo ciò che ho fatto io e non si chiedevano il perchè e con gli assistenti sociali mi hanno fatta passare per esaurita, bugiarda, non in grado di sapermi gestire, e che alzavo mani ai miei quando invece è sempre stata legittima difesa anche per mia sorella. Man mano dentro di me iniziò ad essaerci un vuoto, non sapevo più chi fossi ma volevo scomparire perchè ormai avevo perso tutto. Poi un giorno contattai mia madre vera per sapere di tutto su mio padre e iniziò ad usarmi per incanalare la sua rabbia contro di lui su di me il suo scopo era quello di scrivere alla compagna e dirgli della mia esistenza e dire che lui mi aveva abbandonata gli dissi di si che l'avrei fatto solo per farmi dare il nome poi ovviamente non feci nulla dopo due giorni mio padre capì che non lo avevo cercato x un compito a scuola ma x altro e mi guyrò che avrebbe fatto di tutto per riconoscermi e per recuperare tutti questi anni poi lo vidi solo quando scappai col treno con una ragazza della comunità e siamo andate a cosenza ma non voleva farmi andare da mio padre voleva i guai ed io per paura di stare e di lasciarla sola andai con lei e mi pentii tanto perchè forse quella sarebbe stata la mia opportunità per sbrigare le cose legali x stare con lui al ritorno fui portata in ospedale solo perchè piangevo per mio padre in stanza l'hanno usata come scusa di crisi e in più per il fatto delle pillole che ho detto prima che le prendo per nervosismo perchè inventano cretinate dicendo di menare ecc... mio padre mi raggiunse mentre mia madre no sua figlia stava male e il suo scopo era quello di mandare tutto all'aria nella SUA VITA
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.