Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: Le festività...

Le festività... 14/11/2018 01:10 #1

Ho 22 anni e ormai da qualche anno non sopporto più le festività. Crescendo si prende consapevolezza che le festività portano solo nuovi stress. Credo di essere diventata il Grinch. Non odio le festività ma le persone: gli impegni e i doveri verso queste persone. Gli inviti prematuri e i doveri da fare per non sembrare scortesi ma intanto ti logori dentro perché non vuoi vedere nessuno, non vuoi dare conto a nessuno, non vuoi sentirti in obbligo di festeggiare. Poi arriva la tua mezza famiglia disastrata che passa il Natale come può e la famiglia del tuo lui all'apparenza perfetta che non smette di sorpassare paletti che non deve sorpassare ancora e che mette solo pressione. Non voglio più dare e/o ricevere amore. Voglio solo alienarmi. Questo senso di magone allo stomaco che non ti fa essere serena vorrà pur dire qualcosa.
Ultima modifica: Da .

Re: Le festività... 15/11/2018 17:36 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Arya,
sono diverse le persone che quando arrivano le feste si sentono nervose, agitate, intolleranti.
Si potrebbe dire che si sentono a disagio perché sembra che arrivi qualcosa di miracoloso, dove tutti sembrano più fratelli, più sinceri, più amici e si spera che i sogni si avverino, e poi tutto torna come prima.
Purtroppo è così! Le festività servono ad offrire un'occasione, se si desidera, di stare insieme, alimentando alcuni valori che la tradizione o la fede ci indicano, ma non per risolvere i nostri problemi.
Siamo noi che dobbiamo rimboccarci le maniche e fare pace con noi stessi perdonandoci i nostri fallimenti, le nostre delusioni e alimentando la speranza in qualcosa di buono, ma i protagonisti siamo noi.
Cara Arya, se sei invitata, dove non ti piace andare, puoi non andare, ma valuta se c'è anche qualcosa che irrita te, perché altrimenti, potresti andare comportandoti educatamente e nella tua piena autenticità lasciar scivolare le cose che tu vedi non autentiche. Non chiuderti, anzi cerca di capire il tuo disagio, senza pretendere altro che di saperlo gestire.

Noi comunque siamo sempre qui, pronti a capire insieme a te!
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.