Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

ARGOMENTO: Non sono in grado di dimenticare

Re: Non sono in grado di dimenticare 02/01/2020 22:49 #46

Ciao, cari volontari.
Sono qui per l'ennesimo aggiornamento, in preda alla rabbia e alla tristezza. Che bel modo di iniziare l'anno!
Questo capodanno l'ho passato molto bene. Devo confessare, però, di aver bevuto molto (tipo 10 bicchieri di alcol) e di averlo retto molto bene, dato che ero molto sobria. Questo, ovviamente, lui lo sa. Questo è l'argomento più scottante nel mio gruppo. Certo, non ne parliamo troppo spesso, ma quando lo facciamo ci divertiamo molto!
La goccia che ha fatto traboccare il vaso è il fatto che mia madre mi ha detto che alla festa di compleanno vuole portare pure la bottiglia di spumante. Le ho chiesto di non farlo, dato che c'è questo amico (in realtà non sa che siamo stati insieme) che ha problemi di alcol. "Dai, su, è solo un cin-cin. Non succederà nulla".
Purtroppo, la sottoscritta, qui presente a scrivere, è una stupida e l'ha comunicato a tutti i suoi amichetti. Dopo un paio di commenti da parte di amici e amiche, è arrivato il mio ex che mi ha accusata di starmi montando la testa. Poi ha aggiunto anche che sono troppo piccola per parlare di queste cose (abbiamo mezzo anno di differenza...) e che se divento un'alcolizzata sono c***i miei. Poi, in tono provocatorio, mi ha detto di prendermela con lui, tanto che importa. E io, orgogliosamente "No. Mi dispiace, non ho voglia di litigare con te... Ancora". Non ho più risposto.
Sono uscita da questa discussione ferita. Va bene, forse con le battute ho un tantino esagerato, ma erano battute! Non è che divento realmente alcolizzata come lo è lui, mamma mia!
Non ho voluto nemmeno giustificarlo dicendo che si preoccupa per me. Devo smetterla di illudermi che potrebbe nascere qualcosa. Devo immediatamente smettere di provare questo sentimento. Mi sto facendo troppo male.
Prometto che dopo il mio compleanno ci metterò una pietra sopra, dirò quello che devo dire quando lo vedrò e dopo vaffa... a tutto! Dimenticherò tutto. Come dice il titolo di questo topic. Perché, se non ammetto quello che provo, se non sputo il rospo, lui vivrà sempre dentro me, anche a costo di tormentarmi.
Adesso, scommetto che vi chiederete: cosa gli vorrai dire?
"Devo smettere di fingere. Forse hai già capito perché ti ho isolato da tutti per parlarti. E non importa se vengo ricambiata o meno, ti volevo dire solo che sono ancora innamorata di te e che non riesco a dimenticarti. E spero che avertelo detto mi aiuti a liberarmi di questo peso e a dimenticarti, proprio da progetto. Vuoi aggiungere qualcosa?"
Cosa ne pensate? È un'ottima idea? Il discorso è troppo crudo? ^^"
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 04/01/2020 23:29 #47

Eccomi di nuovo, con tanto di festa di compleanno terminata.
In realtà non ci sono state dinamiche particolari tra me e il mio ex. Abbiamo parlato tra noi di cose normali, senza aggiungere nulla sui miei sentimenti. Il solo pensiero di farlo mi faceva venire un attacco di panico assurdo.
E poi, lui, dopo quel discorso sull'alcol dell'altra sera, ha lasciato andare tutto alla normalità. Ha chiesto luogo e data della festa come se non fosse successo niente. Evidentemente, non volevo mai ammetterlo quella sera, ero presa dalla rabbia, ma in realtà... Forse si stava davvero preoccupando per me. E allora... Perché mi invita ad uscire se poi non vuole vedermi bere? Non riesco a capire...
La cosa che mi preoccupa ancora di più è che quando gli devo parlare mi sale il panico. Siamo in buone condizioni per farlo. Posso dirgli senza alcun problema quello che provo io e chiedergli se è così anche per lui, se davvero ha una cattiva opinione su di me, ecc. Ma, l'ansia mi blocca. Anche se ho pronto il "copione". È peggio delle interrogazioni in fisica, in cui la professoressa mi fa domande assurde, facendomi sentire incapace di rispondere anche dopo ore di studio e facendomi venire fortissimi attacchi di panico. Non è che ho paura delle domande assurde che potrebbe farmi lui. A dir la verità non so nemmeno io di cosa ho paura... Forse devo prendere ancora più tempo e continuare a vivere questa piccola grande amicizia così com'è, senza danneggiarla con i miei problemi e dubbi.
Scusate tutti quei post. Non scriverò più dopo questo...
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 05/01/2020 10:24 #48

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao therealunicorn33!
Allora la festa è terminata ieri sera, però il compleanno è oggi, giusto? E allora buon compleanno! [:D] Come ti senti ad avere 17 anni?

Leggiamo sempre con molto affetto i tuoi messaggi che ci aggiornano. Siamo molto contenti che alla fine non sia successo niente di grave e che tu ti sia goduta la serata, senza però riuscire a parlargli dei tuoi sentimenti.

Ci ha colpito il fatto che tu abbia accomunato il panico che ti prende all'idea di parlare con lui, a quello che ti prende quando ti interroga la professoressa di Fisica, pure se hai studiato e dovresti poter rispondere in tranquillità.

Siccome sono già due le circostanze in cui ti trovi impotente in preda al panico, e ricordiamo anche i tuoi incubi notturni, ci piacerebbe se ne hai voglia approfondire un attimo questo sentimento che tu provi. Sapresti spiegare il motivo per cui ti senti così in apprensione anche quando "hai pronto il copione"?
Tu dici che non sai di che cosa hai paura a parlare con lui però ti viene in mente il panico delle interrogazioni. Ma se uno è preparato perché deve avere paura? E se non è preparato perché deve avere paura? A scuola la vita è semplice, tutto procede per gradi, nessuno ti interrogherà mai su un capitolo che non hai ancora studiato, quindi tu vieni accompagnato in uno sviluppo cronologicamente coordinato. Mentre nella vita succedono cose impreviste e tu puoi essere messo alla prova su questioni improvvise alle quali devi imparare a far fronte senza avere avuto prima il modo di prepararti. La vita è improvvisazione cioè saper reagire a quello che succede. Questo non significa che il copione non sia utile, anzi! Il copione ti dà una base, una matrice, che però ognuno è in grado di adattare alle circostanze che via via si sviluppano. La chiamano "l'arte di vivere" e ognuno di noi è chiamato a impararla!

Reputiamo quindi che sia importante non trascurare questa sensazione che si impadronisce di te anche quando oggettivamente non ce ne sarebbe motivo.

Tu dici che non sai perché, ma in realtà se ti fermi a pensare e ad ascoltare te stessa, ti accorgerai che emerge qualcosa. Cosa potrebbe essere? Paura di fare brutta figura? Paura di fallire? Paura di non combaciare con le aspettative che hai su te stessa? Mancanza di fiducia nelle tue capacità? Pessimismo? Senso di inferiorità? Paura di essere giudicata, rifiutata e quindi "non amata"... questi sono solo esempi di quanto possono essere diverse le motivazioni che stanno dietro le nostre paure.

Prova a pensarci con calma, prova a vedere se tra i due tipi di panico, quello scolastico e quello con lui, ci sono delle note di fondo simili.

Tu cosa vuoi fare con questo panico? Vuoi lasciarlo lì che faccia quello che vuole e magari cresca, oppure vuoi provare a gettargli sopra delle belle secchiate d'acqua fredda per piano piano riuscire a dominarlo? Chiediti, come ti vedi a 25 anni? Una ragazza felice realizzata, che si muove a suo agio nel mondo oppure una ragazza un po' spaventata che avrà paura anche di essere felice? Lo sappiamo che esistono anche le vie di mezzo, ma quando ci si proietta nel futuro, le cose si tendono a vedere in modo netto o di qua o di là. Sarà la Vita poi a darci la sfumatura, però la direzione, l'intenzione la dobbiamo avere dentro noi.

Ti va di dedicare qualche post a queste ansietà che provi dentro di te?
Ci sembra un bellissimo modo per festeggiare un altro anno su questo pianeta, andare un po' più in profondità nei propri sentimenti!
Torna presto a trovarci noi ti aspettiamo!
Ultima modifica: 05/01/2020 10:50 Da Volontario del Sorriso

Re: Non sono in grado di dimenticare 06/01/2020 01:55 #49

Ciao!
No, il compleanno era ieri, ma grazie comunque!
Ho appena realizzato di aver messo una data di nascita falsa nel mio profilo. Questo perché avevo paura che la mia identità poteva essere facilmente riconosciuta da chi ha avuto a che fare con me almeno una volta. Soprattutto, se una persona qualsiasi conosce la storia tra me e il mio ex e va a vedere i miei post, riconosce immediatamente che sono io! Poi, piano piano, ho realizzato che nessuno potrebbe beccarmi e, anche se accadesse, è impossibile che avrebbe la buona volontà di leggere tutto quello che ho scritto... Quindi, i post sono diventati progressivamente più personali. E i miei segreti vengono fuori
Mi sento terribilmente vecchia ad avere 17 anni. E la storia che è l'ultimo anno da minorenne da un lato mi emoziona, dall'altro mi lascia ansiosa, perché ancora non ho idea di cosa mi aspetta!

Ho analizzato attentamente la situazione. In realtà, non è la prima volta che provo questi attacchi di panico così forti ed esagerati. Oltre al fatto che affianco al mio ex mi sento così, ma penso sia normale. Le paure che sento in quel contesto in realtà sono tante: paura di non piacere, paura di fare brutta figura, paura di danneggiare l'amicizia che con tanta fatica sono riuscita a ricostruire. Invece durante le interrogazioni di fisica ho paura di mostrarmi in ansia e di... Prendere un brutto voto! (è l'unica materia in cui faccio veramente pena. Soprattutto con una professoressa che prende teoria ed esercizi da libri universitari incomprensibili ^^"). Oppure, una volta credevo di aver fulminato una scheda Arduino per aver collegato male dei fili. Avevo paura di aver danneggiato persino la porta USB del mio PC, che in quel momento era più accaldata che mai. Dovevo presentare un progetto all'open day, e proprio la sera prima era successo tutto quel casino! Avevo paura di fare brutta figura, soprattutto vedendo gli altri che avrebbero presentato qualcosa e io no, e poi avevo paura di aver rovinato uno strumento importantissimo per la scuola. Alla fine, si era scoperto che era il cavo USB che dava problemi, quindi il mio progetto era... Salvo! Oppure, quando dovevo scoprire il voto della verifica di storia, appena ho sentito il mio cognome sono caduta dalla sedia! Ammetto che vedere tutti quei voti insufficienti prima di me mi hanno fatta credere di essere andata male a mia volta, anche se in realtà non è stato così. E poi, odio parlare in pubblico durante gli open day o i laboratori. Tutti quegli occhi puntati su di me, tutti quei pensieri che potrebbero farsi... Mi rendono insicura e desiderosa di finire il prima possibile. E potrei elencarli centinaia di contesti in cui sono troppo ansiosa, ma scriverei così tanto che questo post potrebbe diventare un romanzo. Per farla breve, a volte l'ansia diventa talmente invadente che non riesco a dominarla, danneggiando anche piccole azioni. Adesso che sono in vacanza le occasioni di ansia sono un po' di meno. Anche se gli incubi notturni mi spaventano davvero tanto.
Ho addirittura cercato un aiuto all'interno delle chat di MyHelp (ormai frequentato da pochissime persone, e gestito talmente male che lo uso poco). Gli unici consigli che ho ricevuto sono, o di andare da uno specialista o di prendere degli ansiolitici. Mi hanno preso per una persona con un disturbo d'ansia, e non come una persona in cerca di modi per darsi una calmata!

A 25 anni mi vedo come una persona felice, realizzata e sicura di sé. Sicuramente una persona diversa da quella che sono adesso. Le difficoltà nella vita ci saranno sempre nella vita, ma devo imparare a gestirle, così come devo gestire questo piccolo pasticcio.
Il mio ex ha persino notato questa ansia, ma mi sono sempre giustificata dicendo che bevevo troppo caffè. Ah, ultimo dettaglio: è stata proprio la professoressa di fisica ad aver fatto quasi l'infame ai colloqui. Anche se dubitavo che l'avesse ammesso, ha detto che sono sempre in ansia e che devo stare tranquilla.

Rileggendo il post, ho realizzato che è la cosa più simpatica che io abbia mai scritto qua dentro! XD
Ci sentiamo presto. Grazie per l'ascolto ^-^
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 07/01/2020 20:24 #50

Ho appena realizzato che più passa il tempo, più realizzo che la ferita che mi ha fatto il mio ex si sta ricucendo sempre di più. L'amicizia con lui mi ha guarita. E mi ha migliorata sotto ogni punto di vista.

È solo una piccola analisi psicologica che stavo facendo al momento. Nessun aggiornamento particolare!
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 09/01/2020 16:06 #51

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara therealunicorn33,

dalle situazioni che descrivi ci sembra di capire che come spesso accade la tua ansia dipenda dall’insicurezza e dall’idea che hai di te stessa, che in realtà conta molto più di qualsiasi opinione esterna e influenza profondamente il tuo comportamento e la relazione con gli altri.

Sentirsi in colpa, provare vergogna, avere paura di ricevere un giudizio negativo, di venire rifiutati o di fallire sono tutti stati d’animo che riflettono l’idea che tu non vai bene.

Ma anche se ti senti già vecchia [:D] in realtà stai ancora crescendo e costruendo la tua bella personalità; ci sono ancora tante cose che cambierai, butterai via quello che non ti serve, aggiungerai qualcosa che ti piace di più, l’importante è farlo con consapevolezza, è scegliere e non lasciare che le cose semplicemente accadano.

Sei positiva, vitale, piena di buona volontà, che altro serve??
Per essere felice non devi far altro che permetterti di esserlo.
Come dici anche tu le difficoltà ci saranno sempre nella vita, devi solo imparare a gestirle, e il modo migliore per imparare è mettersi alla prova, non dire mai di no a una nuova sfida, chiedersi sempre qualcosa di più, senza però chiedersi troppo, e pian piano acquistare fiducia andando incontro ai propri desideri.
Proprio a partire dalle piccole cose, come l’amicizia che sta nascendo con il tuo ex e che speriamo saprai goderti il più possibile!

Un abbraccio e tanti sorrisi
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 10/01/2020 21:24 #52

Ciao!
Si, ho la sensazione che la mia ansia mi stia letteralmente divorando. Ho analizzato in questo paio di giorni quando mi sento particolarmente ansiosa, cosa penso nel frattempo e come riuscire a controllarla al meglio.
Ho tanta ansia quando sono vicino al mio ex. Ultimamente mi sta prendendo per una caffeinomane cronica . Quando ci vediamo, ho sempre paura di illudermi che mi pensa e che in realtà non è così, che ha sparato troppe cazzate da ubriaco. Ho paura che lui si faccia del male con l'alcol. Ho paura che la mia amicizia non serva a un tubo a lui e che ne potrebbe tranquillamente farne a meno. Provo sempre ad essere all'altezza davanti ai suoi occhi, e ho sempre l'ansia di avere ansia. Che poi alla fine si tratta sempre di ansia che mi renderà ansiosa ancora di più! (che scioglilingua, ahahahah).
Poi, provo ansia durante le interrogazioni. Non ho fiducia in me stessa nemmeno se mi metto a studiare per ore, forse l'avevo già detto. Oggi, per esempio, ho affrontato un'interrogazione in storia dell'arte. È andata super bene, ho avuto 9, ho studiato tanto, e allora perché mi sentivo così "soffocata" quando parlavo? Forse perché non riuscivo a puntare a un 10? Forse perché pretendo troppo da me stessa a tal punto da uscirne instabile? Forse si. Pretendo davvero troppo dal rapporto col mio ex così come a scuola. Pretendo persino di parlargli della mia super cotta quando in realtà ho bisogno di qualche settimana in più. E ho bisogno di tempo per imparare ad accontentarmi di quello che potrebbe venir fuori dopo la nostra discussione (perché prima o poi devo tirar fuori il rospo. Non posso sentirmi meglio se continuo a tenermi dentro tutto). Cosa ne pensate? Potrebbe essere corretta la mia ipotesi? ^^"
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 13/01/2020 17:21 #53

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Tesorino bello
ma i tuoi genitori sono al corrente di tutta questa ansia che provi a 16 anni, che ti sveglia di notte, che ti fa temere per un'interrogazione in cui poi prendi 9, ma resti con l'ansia di avere l'ansia? I tuoi genitori sono tipi ansiosi? Non sarebbe il caso di parlargliene?

Non vorremmo peccare di superficialità però te lo chiediamo, tu quante ore di attività fisica fai alla settimana?
A parte stare china sul banco, poi sui libri, sul pc e sul telefonino, fai sport? Corri, balli, salti, giochi a qualche gioco a palla, nuoti, pattini, vai in palestra?
A tutte le età, ma in particolare in adolescenza, una regolare attività fisica quotidiana, è fondamentale! Ed è la migliore cura per ogni possibile ansia! Durante e dopo l'attività fisica si scatenano tutta una serie di ormoni che altrimenti dormono, e ti fanno stare bene!

Te lo aveva mai detto nessuno?
Facci sapere che cosa fai di sport e se non fai granchè, che ne pensi della nostra idea di darti un programmino sportivo che ti aiuti a stare bene superando una a una tutte le tue ansie!

A presto
Ultima modifica: 13/01/2020 17:34 Da Volontario del Sorriso

Re: Non sono in grado di dimenticare 13/01/2020 21:57 #54

Ciao!
I miei genitori sanno di alcune cose riguardo la mia ansia, ma non tutto. Mia madre soprattutto, dato che era presente ai colloqui. Per lei, avere ansia durante le interrogazioni significa solo una cosa: non aver mai aperto il libro.
Parlarle è quasi inutile. A volte dice che dovrei darmi una calmata, dato che qualche attacco di panico ce l'ho anche in sua presenza, ma... No, non mi aiuta affatto, mi mette ancora più ansia!
Mio padre invece non mi vede ansiosa, mi vede solo meno allegra del solito (forse più pensierosa del solito, ma non sono affatto triste...). Lui non è per niente ansioso, mentre mia madre lo è, ma non troppo. Lei va in agitazione per piccole cose, ma riesce a dominare le sue emozioni quando desidera!
Non sanno nemmeno che sono sveglia la notte, anzi, quando sono sul punto di beccarmi fingo sempre di dormire! L'unica eccezione è stata stanotte: ho dormito e ho fatto un sogno un po' strano, ma non inquietante come tutti gli altri. Il significato, al posto di mettermi agitazione, mi ha fatta sorridere (sono piuttosto strana su questo): ho una serie di problemi irrisolti, in particolare col mio ex, che devo immediatamente risolvere. Ne ho persino parlato con lui stamattina, ma non gli ho detto la sua interpretazione o cose simili. Ho provato semplicemente ad autoconvincermi che il problema irrisolto è il fatto che è sempre presente nei miei sogni. Anche se in realtà sappiamo tutti di cosa si tratta

Dopo questa piccola parentesi, rispondo subito alla vostra domanda. No, non faccio alcun tipo di sport. Sia perché le palestre sono piuttosto costose, almeno dalle mie parti, e non ho intenzione di far spendere troppi soldi ai miei genitori, sia perché non ho abbastanza tempo tra corsi scolastici e studio. Nei fine settimana però faccio lunghe passeggiate con le mie amiche, così lunghe che il mio cellulare conta come minimo 30.000 passi ogni volta, oppure se possiamo andiamo a pattinare sul ghiaccio, ma non lo pratichiamo proprio come sport: lo facciamo solo per vedere chi è quella che cade più volte! XD. Oppure, durante le ore scolastiche di educazione fisica faccio qualcosina. Non è però troppo utile per sconfiggere la tensione: per esempio, mi imbarazzo a fare certi movimenti avanti ai miei compagni di classe, soprattutto se mi fissano! ^^`
Un tempo mi muovevo leggermente di più, passeggiavo o andavo a correre in base alle mie possibilità. Ma ho bruscamente smesso all'inizio dell'estate, non so per quale motivo, ora che ci penso. Ho persino la terribile sensazione di aver preso un po' di peso in più, ma sono talmente assillata da altri pensieri e problemi che questa storia è assolutamente in secondo piano! ^^"
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 14/01/2020 17:03 #55

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
ciao cara
ho letto che ci scrivi
Oggi, per esempio, ho affrontato un'interrogazione in storia dell'arte. È andata super bene, ho avuto 9, ho studiato tanto, e allora perché mi sentivo così "soffocata" quando parlavo? Forse perché non riuscivo a puntare a un 10? Forse perché pretendo troppo da me stessa a tal punto da uscirne instabile? Forse si. Pretendo davvero troppo dal rapporto col mio ex così come a scuola.


quindi il punto non sono i risultati che raggiungi ma come tu hai chiaro, è il tuo atteggiamento verso te stessa.
Sei molto esigente e anche un ottimo risultato dovrebbe essere per te "ancora di più".
Se riesci a lasciare perdere le valutazioni degli altri, tu hai piacere nel fare quello che fai? Quanto?
Quali cose ti fanno sentire bene ed in pace con te stessa?
Lo studio rientra fra queste?
Ti faccio tutte queste domande per chiederti se questo tuo stato di ansia sia legato alle valutazioni. Il pensare prima di tutto a quanto invece tu ti possa sentire realizzata, porterebbe questo disagio in secondo piano.
Cosa ne dici?
Nei post precedenti ti abbiamo consigliato un'attività fisica che possa aiutarti a sfogare e poter ritrovare energia.
Forse per una poco sportiva come ti descrivi, seguire una disciplina come lo yoga, potrebbe aiutarti
su più livelli.
Il primo e molto importante è quello che riguarda il respiro, che è strettamente legato, nella maggior parte dei casi, agli stati ansiosi.
Avere una buona consapevolezza del proprio respiro ed essere in grado di monitorarlo può addirittura risolvere gli stati ansiosi anche durante le altre attività della vita.
Perché non provare?
Puoi trovare tutorial su internet o su YouTube. Prova e tieni aggiornati su come ti trovi.
A presto
Ultima modifica: 14/01/2020 18:11 Da Volontario del Sorriso

Re: Non sono in grado di dimenticare 15/01/2020 19:46 #56

Ciao!
Si, anche confrontarmi con gli altri è uno dei motivi della mia esigenza. Tuttavia, studiare mi piace abbastanza, soprattutto se si tratta di materie scientifiche in cui la pratica è fondamentale.
Le cose che mi fanno sentire bene sono, innanzitutto, programmare al pc. È un hobby, e perché no, un'attività scolastica, che mi diverte moltissimo. Poi a volte canto. Solo che non posso seguire questa passione per mancanza di tempo e per i miei genitori che odiano il chiasso in generale (infatti casa mia è sempre terribilmente silenziosa, a tal punto da costringermi a mettermi le cuffiette per non sentirmi troppo inquietata). Poi, mi piace uscire con gli amici. Anche se questa cosa dipende da quali amici sono, perché con alcuni posso essere me stessa, mentre con altri vado nel panico per paura che pensino male di me.
Poi avevo altre attività che mi facevano stare bene e che ho interrotto ad un tratto: scrivevo romanzi e poesie, suonavo il pianoforte e disegnavo. La prima l'ho finita per mancanza di idee, la seconda per il silenzio in casa e la terza per i troppi impegni.

Per quanto riguarda lo yoga, penso che vada bene. È uno sport che penso non mi dovrebbe rubare tanto tempo ed è pure leggero! ^^"
Certo, vi farò sapere come andrà. Sperando che andrà bene!
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 16/01/2020 21:18 #57

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao therealunicorn33!
come è andata oggi?

Nella tua ultima risposta siamo rimasti colpiti dal fatto che metti le cuffiette per non sentirti troppo inquieta, ti va di spiegarti un pò meglio?

Ci racconti che programmare al PC ti fa stare bene. Ti va di dirci cosa suscita in te questa attività?

Ti appassiona cantare,ti piace suonare il pianoforte, disegnare e scrivere,ci sembri una ragazza creativa e vorremmo spronarti a non lasciar perdere ciò che ti sta a cuore! Per esempio se in casa non puoi cantare hai mai pensato di trovare un altro luogo dove poter coltivare questa passione magari accompagnata dal pianoforte?

Cosa ne pensi? Hai altre idee?

Ti aspettiamo!
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 17/01/2020 17:17 #58

Ciao!
Ieri ed oggi è andato tutto nella media. Non dovrei avere episodi di ansia o qualcosa del genere perché questa è la settimana dello studente (se non lo sapevate, è una settimana in cui si organizzano laboratori vari nella nostra scuola, e in cui gli studenti frequentano quelli che preferiscono. Anche una settimana di pausa didattica dallo studio...). E ieri la mia ansia si è quasi completamente placata quando ho sentito il mio ex farmi un complimento sulla mia abilità di debugging! Tuttavia, sto avendo un sospetto inconscio, che in realtà non vorrei avere. Temo proprio che a lui piaccia davvero una delle mie amiche. Parlavano molto al mio compleanno e parlano anche ogni volta che si vedono. Hanno tante cose in comune, anche più cose rispetto a me. Lui mi vede perciò come l'amica della mia amica, e tra noi in realtà non c'è questo rapporto solido come c'è con loro. Ho appena parlato con un amico strettissimo del mio ex, e lui pensa la stessa cosa, che a lui piace lei (anche se non ne è sicuro, ma vabbè). E poi, stamattina, stavo parlando con questa amica del mio ex. E lei si è irritata, dicendo che tanto io a lui non piaccio, che mi vede come un'amica e che non ho alcuna possibilità. Sotto sotto, sono rimasta ferita. Da un lato per la terribile risposta dell'amica, dall'altro per il suo atteggiamento analizzato in maniera più dettagliata. Sento la necessità di parlare a lui, di dirgli tutto quello che devo dire e di riuscire a svuotarmi per dimenticare meglio. Eppure, sono ancora bloccata. Odio questa situazione...

La mia casa sembra un cimitero, quasi buia per le tapparelle abbassate e totalmente silenziosa. Mia madre la maggior delle volte dorme e per non disturbarla facciamo silenzio, mio padre è sempre a lavoro e mia sorella quasi sempre con le sue amiche. Mi inquieta il silenzio perché realizzo che sono sola, anche se in realtà non lo sono. Le cuffiette automaticamente mi danno quella compagnia che in casa non sono in grado di darmi!

Programmare mi rilassa, quando non ho particolari problemi con quello che sto lavorando. Altre volte mi innervosisce, e mi riferisco a quelle volte in cui devo scervellarmi per risolvere eventuali problemi. Eppure, quando riesco finalmente a trovare i bug e i codici vanno come dico io, mi sento sempre realizzata e soddisfatta. È un hobby che unisce la mia creatività alla logica. E pensare che dopo il liceo ho il grande desiderio di diventare ingegnere informatico. A scuola, poi, informatica è la mia materia preferita in assoluto!

Ricordo quante volte ho provato a cantare in casa, senza successo. In realtà cantavo solo quando facevo un corso alle medie. A casa una volta ho provato a cantare, ma ho ricevuto una grossa ramanzina da mia madre. Non voleva ricevere lamentele dai vicini, e, non so come, ha fatto un discorso in cui è arrivata a collegare quel fatto con i suoi problemi economici. Oppure, una volta ho provato a fare un corso di canto. Ma purtroppo è un po' distante da casa mia e il professore tende più a fare complimenti falsi piuttosto che a insegnare le tecniche principali come vorrei che facesse, quindi ho lasciato stare. Poi, un tempo, frequentavo un'amica con cui cantavo ogni volta a casa sua. Abbiamo fatto pure un paio di video su YouTube! Purtroppo, oltre al karaoke con gli amici, non mi viene nulla in mente...
Per il resto, posso seguirlo tranquillamente. Compreso il pianoforte. Dato che ho un pianoforte elettronico, posso tranquillamente collegare le cuffie e suonare senza disturbare! Ora che mi
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 17/01/2020 18:06 #59

E' stato un piacere parlare con voi in chat. Mi farò sotto e gli parlerò! (dopo una tazzona di camomilla e 30 ore di yoga XD).

Ne uscirò sicuramente sopravvissuta. E sicuramente vi aggiornerò sulla questione!
Ultima modifica: Da .

Re: Non sono in grado di dimenticare 20/01/2020 16:31 #60

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao therealunicorn33,

in attesa che tu ci racconti com'è andato il vostro sospirato incontro chiarificatore, restiamo qui con le dita incrociate per te augurandoci che tu trovi presto la forza di affrontare questo cruccio.

Siamo sicuri che qualsiasi sarà l'esito di questo incontro, avrà il merito di fare chiarezza su come stanno le cose e quindi liberarti di quest'ansia che ti lascia nell'incertezza (almeno 7 mesi da quando ci scrivi) e andare avanti!

Ci dici anche che
La mia casa sembra un cimitero, quasi buia per le tapparelle abbassate e totalmente silenziosa. Mia madre la maggior delle volte dorme e per non disturbarla facciamo silenzio
Avresti voglia di raccontarci di più, di come mai a casa ci sono queste condizioni? è una situazione che vivi bene o che trovi penosa? abbiamo comunque apprezzato che sei riuscita a trovare un ottimo equilibrio con il computer e il piano, per svagarti, senza disturbare in casa.

Relativamente al cantare ci è venuta un'idea! ma il coro della chiesa? certo, il repertorio è limitato ma è sempre un'occasione possibile e spesso comoda, vicino casa.

Ti aspettiamo con le novità, a presto! e su con la vita!
Ultima modifica: 20/01/2020 16:32 Da Volontario del Sorriso
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.