Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1

ARGOMENTO: tradimento

tradimento 28/09/2020 18:32 #1

ciao a tutti,
oggi sento il bisogno di raccontarvi la mia storia.
Mi chiamo Pola ho 24 anni e per 6 anni ho avuto una relazione con un uomo,che pensavo sarebbe stato l'uomo della mia vita. Ma le favole non esistono, almeno la mia favola ancora deve arrivare. La nostra storia non è mai stata come le altre, era un ragazzo molto sensibile e la sua sensibilità lo portava a stare male , vedeva il mondo con gli occhi di pochi, è l'unica persona che abbia conosciuto che riusciva a vedere la verità dietro ogni cosa. era capace con una sola conversazione di entrare nelle anime delle persone. Per me era una specie di supereroe e io per questo suo super potere lo ammiravo e a volte lo invidiamo. Pero era talmente tanto sensibile che verso se stesso era sempre molto duro, non si piaceva, cercava ogni piccolo difetto per migliorarsi, cercava di vedersi dal di fuori per cambiare e diventare migliore. Pensavo che lui sarebbe stata la mia forza, con lui mi sentivo invincibile. mie cari siamo stati insieme sei anni e vi giuro che tante sono state le emozioni che abbiamo provato, emozione che non riesco manco a spiegare. Devo essere sincera nonostante tutto litigavamo molto spesso, anche perchè io sono il suo opposto, infantile superficiale e per niente incline ad ascoltare gli altri e molto egoista. In un periodo che lui stava male non sono stata capace di stargli vicino, però lui che fa? si bacia con una persona che ero convinta che fosse mia amica, la cosa brutta è che lo saputo da un'altra persona dopo tre settimane dall'accaduto. Appena lo saputo sono corsa da lui e gliene ho date di santa ragione, non ne vado fiera, mi sono pentita, non capivo più niente, speravo con tutto il cuore che lui smentisse, che fosse tutto un sogno. E invece non lo è sono qui che scrivo, di una cosa che pensavo che a me non sarebbe mai accaduto, mi fidavo di quella persona più di me stessa. Gli ho chiesto scusa per la mia reazione e gli ho augurato il meglio lontano da me. Ma ragazzi miei quando si ama una persona la si amerà per sempre, l'amore ci sarà sempre forse muterà ma ci sarà. Sono spaventata per lui ho abbandonato i miei amici, mi sento sola e con lui avevo progettato una vita. Ora non ho il coraggio di farmi vedere in giro, mi sento sporca anche se so che la colpa non è mia, ma mi da fastidio anche che gli altri parlino male di lui che possano ferirlo. Io fra 10 giorni devo laurearmi, volevo affrontarlo con uno spirito diverso, volevo poter festeggiare con il mio fidanzato e le mie amiche ma ora sono rimasta io insieme all'unica amica che avuto il coraggio di parlarmi. il cuore mi fa davvero tanto male. mi fa male il petto e vi giuro che avrei solo voglia di dormire e non svegliarmi più. Un pò mi chiedo perchè a me e un pò mi sento in colpa, come se la colpa fosse tutta mia. Fa tanto male.
Ultima modifica: Da .

Re: tradimento 29/09/2020 06:09 #2

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara Pola ciao e benvenuta sul forum del sorriso

Ti trovi secondo noi nella situazione di uno che non sa se deve vivere aggrappato alle sue ragioni e alla sua rabbia e mantenere la sua decisione sofferta, oppure se dovrebbe ascoltare il suo cuore e fare dei passi indietro su ciò che è stato, con intenti conciliatori.
È così?

Tu stessa ti assumi la colpa per essere stata distante da lui proprio nel momento del bisogno, e anche se certamente il fatto che lui si sia baciato con un'altra avrebbe dato problemi a chiunque, - viste le conseguenze - ti stai chiedendo se valeva veramente la pena, per un bacio, di andare lì a dargliele (o dirgliele?) di santa ragione e di piantarlo. Considerato che poi hai anche perso le amicizie che a quanto pare si sono schierate dalla parte sua.
Puoi raccontarci meglio questo momento, cosa è successo, lui cosa diceva, tu cosa dicevi? Lo hai picchiato o avete bisticciato? Quali sono le ultime parole che vi siete detti?

Il fatto che tu ammetta di cosa ti incolpi qui nel forum, è molto importante perché è il primo passo. Forse ci vorrà ancora un po' di tempo ma il passo successivo migliore che potresti fare, per te, per lui, per le amiche, sarebbe quello di assumerti le tue piene responsabilità e chiedere scusa innanzitutto a te stessa, con impegno a non rifarlo mai più, per quello che riconosci di avere sbagliato, per esempio l'essere stata distante nel momento del bisogno, avendo quindi facilitato la scivolata, esserti dimostrata infantile e superficiale in varie occasioni... insomma l'esito di un esame di coscienza in cui focalizzi interiormente tutto quello che senti che vorresti migliorare.
Fatta questa analisi, spontaneamente emergerà come potresti muoverti nei confronti degli altri. Se capiamo bene per ora hai già chiesto scusa per i "modi" poco civili della chiusura. Di quali altri fatti senti una tua responsabilità?
La vita di per sé non è affatto statica. Quando qualcosa si blocca solitamente è tenuto artificialmente bloccato da un conflitto nei nostri sentimenti. La vita è fluida, incessante, deve continuamente essere in movimento e quindi vivere bloccati nella rabbia, nel senso di colpa, nella vergogna e nella frustrazione, diciamo che è un comportamento molto spontaneo, ma meno sano e "naturale" per un essere umano, di quello di capire, sentirsi in colpa e poi assumersi la responsabilità e chiedere scusa per la propria parte di errori, chiedendo naturalmente anche conto agli altri degli errori loro. Ma su un piano emotivo affettivo e conciliatorio, anziché arrabbiato e divisivo! Con l'obiettivo di ricucire i rapporti invece che voltarsi le spalle!

Visto che siete stati insieme 6 anni, siete ancora innamorati, e il fatto sembra piuttosto recente, perché dài tutto per perso?
Interrogati nel profondo: se tu ora avessi la bacchetta magica, se non avessi limiti psicologici, sensi di colpa e di ingiustizia da difendere, se guardassi dall'alto tutta questa situazione, quale sarebbe la migliore soluzione che potresti adottare con la bacchetta magica?

Pensaci e torna a trovarci!
Ti aspettiamo!
Ultima modifica: 29/09/2020 07:11 Da Volontario del Sorriso

Re: tradimento 29/09/2020 11:34 #3

Sono molto confusa, chi deve prevalere il cuore o la mente? Nel mio cuore l'ho perdonato, quello che ha fatto è sbagliato però era arrivato al limite un gesto di disperazione per farmi capire che soffriva e io non ero in grado di guardare e affrontare il suo dolore.Ho perdonato anche lei, all'inizio le ho un mandato un messaggio dove la "ringraziavo" per aver diffuso la notizia, dopo una mezz'ora mi sono pentita le ho chiesto scusa le ho detto che la perdonavo, ma che non sarebbe stato mai più come prima.
Quando sono andata da lui ho solo urlato rotto, oggetti, schiaffeggiato e lui urlando mi ha detto che sta male che soffre e io non riuscivo a farlo stare bene perchè secondo lui non lo consideravo. Poi sono corsa a casa,la sera ho provato a mardargli messaggi anche perchè c'erano cose che voglio sapere dalla sua bocca. Se questa è stata l'unica volta, se il motivo era fare un gesto così duro perchè non era in grado di chiudere con me e solo facendo così entrambi ci saremmo allontanati perchè non me lo ha detto subito, lo scoperto dopo tre settimane e dalla bocca di un'altra, e se non me l'avessero detto avrebbe continuato con la sceneggiata?. Non mi ha risposto, mi ha bloccato ovunque dopo aver mandato un messaggio dicendo che l'avermi ferita lo faceva stare troppo male, che insieme ci facciamo del male e che mi ama e mi amerà sempre. Io ho chiesto ad una mia amica di contattarlo per chiedergli come sta, perchè è solo, vive da solo e mi preoccupo voglio che stia bene. Ho chiesto a questa persona di stargli vicino costantemente, mi dispiace sapere che ora le persone lo giudicheranno per questo gesto, io so che in fondo è buono. Sapete forse tutto questo me lo sono meritato, da sempre si è lamentato della mia superficialità e mai ho fatto niente per cambiare, forse questo mi servirà da lezione. Non capisco perchè ancora una volta lui invece di pensare a me, pensa a se, volevo parlare con lui e invece si è chiuso nel suo silenzio, un confronto lo farebbe stare molto male, ma farebbe stare bene me, allora perchè per una volta non metti me davanti, perchè? Ma l'ha mai fatto?. A modo mio gli ho dato il mondo, forse devo accettare il fatto che insieme per quanto ci amiamo no stiamo bene, cosa che lui probabilmente ha già accettato. M a come faccio? Avevo messo in questa relazione tutta me stessa e ora è tutto rotto. Ma per quanto l'abbia perdonato non potrò mai più stare tra le sue braccia, braccia che pensavo che non mi avrebbero mai ferita in questo modo. E pensare che fra dieci giorni mi laureo, mi ha tolto anche la gioia di festeggiare. Dovevo compiere diciotto anni morì mia zia e ora dopo tanto tempo di sofferenza per prendere una triennale(ho avuto molti problemi di autostima e ho scoperto di essere lievemente dislessica, quando sono in ansia o stanca non riesco a leggere le parole assumono una forma loro e quando scrivo uu faccio un sacco di errori e scrivo le parole al contrario)era il momento di festeggiare e anche questo mi è stato tolto. Ho un vuoto dentro di me, sono così confusa e stanca, non dormo, non sento il bisogno di mangiare. Sono stanca e sinceramente mi aspettavo qualcosa da lui, di più di un semplice messaggio.
Se vedessi la situazione dall'esterno direi, guarda quella poverina è una stupida se lo perdona, se lo cerca con lui non sarà felice. Se avessi la bacchetta magica vorrei tornare ai nostri momenti felici e vivere lì. Io e lui occhi negli occhi, che ci raccontiamo senza dover proferire parola,
è davvero brutto trovarsi in questa situazione, nella mia vita non me lo sarei mai aspettato, non lo accetto, lo perdono ma non lo accetto. Rimarrei bloccata li e non riuscirei più ad andare avanti con lui, per continuare ci vorrebbe davvero tanto coraggio e per ora non ce l'ho, non ho le forze manco per perdonarmi e darmi una scossa e andare avanti.
Ultima modifica: Da .

Re: tradimento 29/09/2020 11:37 #4

Mi sento stupida parlare in un forum dedicata a ragazzi, ho anni e agisco proprio da bambina. Ma voi siete stati gli amici che all'età di 15 anni mi ha aiutato molto.
GRAZIE
Ultima modifica: Da .

Re: tradimento 29/09/2020 16:10 #5

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara Pola,

capiamo il tuo malessere e non devi assolutamente sentirti stupida per esserti confidata con noi.
Ci fa molto piacere della fiducia che ancora oggi riponi nel SORRISO.

Il tuo perdono anche nei confronti della tua amica è stato un gesto di grande amore, soprattutto verso te stessa. Con il perdono riuscirai a rimuovere i blocchi del tuo cuore e a liberarti dal dolore passato.
Un gesto di grande maturità e consapevolezza che ti porterà ad affrontare questa situazione in modo diverso!

Ci scrivi che lui in questo momento non vuole rispondere ai tuoi ulteriori messaggi e che ti ha bloccato ovunque.
Ha però scritto che soffre per l'averti ferita e che ti ama. Forse ha bisogno del tempo per riflettere un po' sull'accaduto, che ne pensi?

In tutte le relazioni di coppia ci sono momenti "down", ma per quanto dolorosi ci permettono di crescere e, confrontandosi, di conoscersi più profondamente.
Dagli un po' di tempo e poi riprova a stabilire un contatto. Siete insieme da tanto tempo e innamorati. Non credi che valga la pena di dare al vostro rapporto un'altra chance?

Questo momento di riflessione può servire anche a te per mettere tutte le tue energie alla laurea che stai per conseguire. Un traguardo di cui devi essere molto fiera!

Noi siamo sempre qui ad ascoltarti!

Un abbraccio e un grande SORRISO
Ultima modifica: Da .

Re: tradimento 29/09/2020 17:56 #6

Anche se ho scritto alla mia amica di averla perdonata dentro di me un pò la odio, forse la mia è gelosia perchè è riuscita a strappare il bacio al mio amore. Avevo bisogno di parlargli no potevo lasciare le cose così anche perchè dalla sua bocca non è uscito nulla, ho trovato il modo di contattarlo onestamente sono rimasta delusa dalle sue parole mi aspettavo altro. Ha detto che il gesto è stato uno sfogo, che dentro di lui sapeva che mi bastava un suo errore per dimenticarlo e che ora sono libera. Ma come fa a pensare una cosa del genere, come può continuare a fare la vittima, ma cosa pretende che ieri lo saputo e che subito lo perdoni senza che lui non abbia fatto alcun gesto nei miei confronti? come può pensare che io subito lo possa dimenticare o che ora sia libera, dentro sono morta. Dopo avergli parlato sto meglio e alla fine dopo un paio di ore dall'ultimo messaggio gli ho scritto che la colpa è di entrambi che non deve incolparsi e voglio che stia bene. Ancora una volta ho messo lui davanti a me, anche se sono sincera se so che sta bene io davvero sto bene perchè gli voglio molto bene. Questo però sarà il mio ultimo messaggio, poi ho bisogno di tempo, non nascondo che mi aspetto qualcosa da lui,non so cosa, non so forse spero che voglia ricominciare daccapo, che voglia iniziare di nuovo a ricostruire piano piano. Però non so se riuscirò a superare questo bacio, forse glielo rinfaccerei a vita. ho bisogno di tempo e di una forte analisi che spero possa fare con voi, purtroppo non mi ritengo in grado di fare le cose da sola, penso sempre che sbagli, è dovuta alla mia forte insicurezza che ho in ogni cosa, causata anche dalle mie difficoltà a leggere e scrivere. Mi prendo del tempo per me stessa e spero che lui un giorno lotti per me, io non posso farlo già contattarlo,perdonarlo tutto così in breve tempo è davvero troppo per me.
Ultima modifica: Da .

Re: tradimento 01/10/2020 18:15 #7

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Cara Pola,
In generale, nelle discussioni, ci sono delle volte in cui è necessario affrontare le situazioni di petto mentre altre volte no ed è, invece, necessario prendersi del tempo.
Da quanto ci hai raccontato, secondo noi è molto importante che voi vi prendiate entrambi del tempo, far sedimentare le cose, riflettere, valutare quali sono stati i propri errori e quali quelli altrui per poi perdonare e perdonarsi. Altrimenti si è solo in balia delle proprie emozioni che rischiano di far dire o far fare delle cose di cui alle volte ci si può pentire.
Ci preme anche sottolineare che, nell’auspicabile e futuro incontro di chiarimento tra di voi, non è giusto presentarsi con delle aspettative su quello che l’altro ci dirà o farà perché se poi la realtà non coincide con le aspettative il rischio è di restare delusi.
Dobbiamo ricordarci, invece, che ognuno è responsabile delle proprie parole e delle proprie azioni e quindi l’altro potrebbe non dire o non fare quello che noi vorremmo.
Bisognerebbe, invece, affrontare il chiarimento con apertura di mente e di cuore, comprendere nel profondo ciò che ha mosso l’altro sapendo che fragilità e colpe sono proprie di ognuno.
Cara Pola, cosa ne pensi del fatto di prenderti (e prendervi) del tempo ? E del fatto di non crearsi aspettative sull’altro ?
Un grande abbraccio e a presto !
P.S.: Quanto abbiamo espresso vale sia per la relazione tra te ed il tuo ragazzo che tra te e la tua amica.
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.