Benvenuti nel Forum del Sorriso

Avviso per gli utenti già iscritti al forum del Sorriso Telefono Giovani:

Accedi al nuovo forum utilizzando la procedura "password dimenticata" e segui la procedura fino alla fine... grazie!
Dovrai inserire il tuo indirizzo mail di registrazione: se l'indirizzo mail non è più valido oppure non lo ricordi scrivi a primoaccesso@sorrisotelefonogiovani.it indicando il tuo nick.
Riceverai una password provvisoria per il tuo primo accesso.

Nome Utente
Password
 
  Ricordami

  • Pagina
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: .

Re: . 26/05/2015 16:43 #16

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao cara Silvia

Grazie per averci raccontato del rapporto con i tuoi genitori. Come dici tu ci pare di capire che vivete fasi alterne, a volte va bene mentre altre volte litigate. Pensiamo che ogni rapporto fra persone che si vogliono bene vive di alti e bassi, e sono soprattutto i momenti difficili che se affrontati nella maniera giusta legano ancora di più le persone, sei daccordo? Quando litighi con i tuoi genitori cosa fa scatenare il diverbio? Come concludete di solito la discussione? Cerchi ogni tanto di metterti nei loro panni per capire il loro punto di vista?E loro lo fanno con te?

Per quanto riguarda il tuo bisogno di farti del male, ci dici che le ragioni sono cambiate, e forse ciò ci fa capire che il motivo non è esterno, ma più interiore. Questo secondo noi è importante perchè vuol dire che è una scelta che puoi cambiare, non è facile lo sappiamo benissimo, ma è possibile e siamo sicuri che puoi farcela! Ti andrebbe di provare a cercare con noi delle alternative? Magari cose che ti aiutano a rilassarti e pensare ad altro quando senti il bisogno di ferirti. Il tuo cane ad esempio. Oppure la musica, c'è qualche cantante o gruppo che ti tira su di morale e ti fa stare meglio? Che ne dici di provare a sostituire i tagli con una cosa piacevole?

A presto carissima Silvia, noi siamo qui per sorridere insieme a te
Ultima modifica: Da .

Re: . 26/05/2015 20:19 #17

Io penso che i miei genitori mi vogliano bene, ma che spesso non lo dimostrano. Quando litigo con loro spesso e per colpa di qualsiasi cosa abbia fatto o della scuola. La discussione non la concludiamo mai. Infatti finisce sempre che io me ne vado in camera mia e loro sono contenti così non litigano più. Inoltre capisco che loro lavorino, che abbiano molte cose a cui pensare e che quindi è protabile che sia per quello che litighiamo. ma secondo me almeno in quell'ora in cui ci vediamo potrebbero mettere da parte i problemi lavorativi. Anche se però so che sono più importanti.
Non volevo essere scortese. Ma se mi bastasse ascoltare la musica per evitare di farlo avrei già Smesso. Il fatto è che penso sia una cosa più mia. Che dopo un po ne sento semplicemente il bisogno. E comunque ci avevo provato scrivendo e non ha portato a grandi risultati.
ho una domanda.. ci stavo pensando ieri... e molto stupida.... ma la cicatrici vanno via dopo un pò o rimangono?
Ultima modifica: Da .

Re: . 30/05/2015 15:23 #18

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Silvia,
ci dici che a volte il litigio coi tuoi genitori parte dal discorso scuola. Ti va di raccontarci qualcosa di più? Cosa studi? Come va? Ti piace ciò che fai? Cosa pensano i tuoi genitori del tuo percorso scolastico?
La discussione non la concludiamo mai. Infatti finisce sempre che io me ne vado in camera mia e loro sono contenti così non litigano più. Inoltre capisco che loro lavorino, che abbiano molte cose a cui pensare e che quindi è protabile che sia per quello che litighiamo. ma secondo me almeno in quell'ora in cui ci vediamo potrebbero mettere da parte i problemi lavorativi. Anche se però so che sono più importanti.
Sarebbe importante che una discussione abbia anche una conclusione: lasciare le cose in sospeso e senza una definizione (un chiarimento), crea un senso di poca chiarezza, confusione, rinuncia a comprendersi e senso di mancanza di riferimenti e, potrebbe quindi portarti di conseguenza a ricercare una "definizione delle cose in solitudine" in modo brusco e violento. Cosa ne pensi?
E se la prossima volta provassi a rimanere con loro fino alla fine della discussione per cercare insieme di chiarirvi?
Hai tutto il diritto di desiderare che almeno il poco tempo che state insieme loro mettano da parte i loro problemi e diano a te tutta l'attenzione di cui hai bisogno, di cui ogni figlia ha bisogno.
Ci chiedi se le cicatrici vanno via dopo un pò oppure rimangono.
Se ti riferisci alle cicatrici fisiche non possiamo darti una risposta: dipende dalla profondità e dal tipo di cicatrice.
Per avere una risposta su questo potresti fare una visita da un dermatologo che in base alle caratteristiche delle cicatrici, sarà in grado di indicare i trattamenti più indicati per farle regredire nella maniera migliore.
Quanto invece alle ferite interiori, quelle, dipende da come vengono affrontate... Ma prima di poterle affrontare occorre provare a definirle... Ti va di provare a farlo?
Un abbraccio
Ultima modifica: 30/05/2015 15:26 Da Volontario del Sorriso

Re: . 31/05/2015 20:16 #19

Studio in un istituto tecnico economia. Vado abbastanza bene a scuola. Nel senso che non ho insufficienze o cose varie. I miei genitori hanno praticamente scelto loro cosa dovevo fare. Ma in ogni caso a me ora non dispiace. non discutiamo mai di cose importanti, spesso e solo per dei voti non abbastanza alti, mai niente che necessiti di una conclusione.
Io intendevo quelle fisiche, non ho idea di che cosa siano le cicatrici interiori e di conseguenza non intendevo quello scusate/scosa.
Ultima modifica: Da .

Re: . 03/06/2015 17:49 #20

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Silvia, come va?
Volevo chiederti questo: cosa succede poco prima di tagliarti, cioè prova a descrivermi cosa succede prima del taglio. Ad esempio, non so, provi noia, un senso di vuoto? centrano i tuoi genitori o amici?

Partiamo da questo per trovare altre soluzioni.

Un abbraccio
Ultima modifica: 03/06/2015 17:50 Da Volontario del Sorriso

Re: . 03/06/2015 20:10 #21

Prima di farmi del male non succede niente. Nel senso che spesso cerco di evitare di farlo, ma poi dopo un po che continuo a pensare a ciò che è successo non riesco ad evitarlo. E non posso nemmeno cercare di non pensarci perché ne sento proprio la necessità. Non so se si capisce ma ho fatto del mio maglio per spiegarlo. Comunque ho pensato che non importa Non c'è disegno di trovare una soluzione.
Ultima modifica: Da .

Re: . 04/06/2015 18:33 #22

  • Volontario del Sorriso (moderatore)
Ciao Silvia,
perché dici che non c'è bisogno di trovare una soluzione?
Forse è vero, non dobbiamo focalizzarci su una soluzione, ma devi
darti la possibilità di riflettere su quello che sta accadendo, quello che provi
e che cerchi di superare in questa maniera.
Vorremmo dirti che è importante non sminuire quello che senti e che potrebbe
farti stare male. Noi siamo qui per aiutarti in questo

Avresti voglia di raccontarci un po' come è andata questa settimana?
E' andata bene o ti è capitato di tagliarti? Quali emozioni hai provato?
Positive o negative?
Che ne pensi di ripartire da qui?

Un grande abbraccio:-)
Ultima modifica: Da .

Re: . 04/06/2015 18:38 #23

Io intendevo che state facendo fin troppo e che non me lo merito. Grazie mille comunque per l'aiuto. Non mi sembra il caso di disturbarvi o comunque di farvi sprecare tempo.
Ultima modifica: Da .

Re: . 10/06/2015 13:31 #24

  • Volontario del Sorriso (moderatore)

ciao silvia
siamo qui e ti aspettiamo
Ultima modifica: Da .
  • Pagina
  • 1
  • 2
Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.
Navigando sul sito accetti di esserne al corrente.