#37089
Volontario
Moderatore

    Però Furioso tu non ti comporti come uno a cui premono sul serio i beni materiali, perché chi è nato povero e non vuole più esserlo, ha in mente e fa una cosa sola: lavora giorno e notte per fare soldi.

    Tu invece pensi, ma non fai, e quindi non ti si può credere quando dici che tu vivi solo per la soddisfazione da beni materiali. Cioè li vorresti se qualcuno te li regalasse. Ma se te li devi procurare da te, rinunci. Perciò continui a lamentarti.
    Sei in un circolo vizioso da cui non riesci a uscire.

    Ti ricordi anni fa quando ti dicevamo, ti aiutiamo a cercare un aiuto psicologico per smettere di odiare il mondo? Ora vai piano piano verso i 30 anni e chiaramente non hai più voglia di darci ascolto, ti senti grande, adulto, un uomo. E esteriormente lo sei e siamo contenti che la signora vicina di casa ti mostri gentilezza; approfitta di questa situazione per imparare ad essere a tua volta gentile e premuroso, innescando quella reciprocità cui parlavamo e che è essenziale per stare al mondo.

    Ma le ferite che hai subito da bambino e da ragazzo ti condizionano ancora, perché non sono guarite e quindi tu sei un uomo esteriormente, ma interiormente, sei ancora giovanissimo, perché hai mancato un sacco di esperienze e in più non hai messo mano alle ferite cercando di superarle positivamente. Non sei mica l’unico sai, è una condizione generale, comune a tutti (chi più chi meno) abbiamo tutti una parte infantile, irrazionale, emotiva, che in certe circostanze ci domina. Ma non è così invalidante: gli altri, che non sono ricchi, hanno una vita, escono, hanno amici, fidanzate, casa, palestra, fanno vacanze, comprano vestiti, guidano la macchina e tutto questo dipende da una cosa sola: il lavoro. Perché i soldi escono dal lavoro e da nessun’altra parte: chi non lavora, non mangia, dice il proverbio.

    Se tu da quando ti conosciamo avessi lavorato per guadagnare diciamo 600 al mese, quanti soldi avresti da parte? E quante cose ti saresti potuto comprare?
    Ma come si fa, se un mese è fatto di 30 giorni e tu al secondo giorno sei già stufo e molli il lavoro?

    E che cos’è che ti fa ritrarre dal lavoro?
    La mancanza di volontà, quella che riesce a trattenerti mentre qualcosa dentro di te vorrebbe scappare. Tu non hai sviluppato un genitore interiore positivo di te stesso (che tutti abbiamo interiorizzato, e che è che è la nostra autorità interiore) che ti sia utile. Siccome questo genitore interiore si sviluppa sul modello di familiari e insegnanti che abbiamo avuto, non è colpa tua, però il risultato è che tu sei pieno di desideri, ma privo della volontà per realizzarli. E questo genera frustrazione. Anche la frustrazione può diventare il motore per uscire dalla propria condizione: quando uno proprio non ne può più, fa uno scatto di reni (uno sforzo enorme) e cambia. Imbocca “la retta via”.

    Quindi scartato l’aiuto psicologico, scartata la possibilità di fare formazione, visto che la voglia di lavorare non si presenta, questa è la possibilità sulla quale noi abbiamo puntato nel rivolgerci a te in questi ultimi tempi. Che possa finalmente arrivare quel giorno in cui, esaurito dalle mancanze e dalle privazioni, tu, (come tutti) troverai la forza per cambiare questa condizione.

    I nostri non sono mai giudizi colpevolizzanti Furioso, sono osservazioni della realtà, con spunti per migliorare. Se tu avessi avuto la fortuna di una famiglia in grado di darti questo tipo di input fin da bambino, tu ora saresti una persona completamente diversa.
    Ma ogni giorno tu puoi decidere di essere un migliore genitore di te stesso.

    Noi ti vogliamo bene Furioso, anche se non te ne frega niente e non ci crederai mai! Abbiamo pensato a te così tanto, parlato tra noi di te così tanto, e speso così tanto tempo a risponderti, che è come se tu fossi un nostro parente che vive lontano. Ci teniamo a te E continueremo finché tu lo vorrai a cercare di essere quel grillo parlante cioè la voce della coscienza, che possa un giorno aiutarti a trovare la tua strada.


    • Questa risposta è stata modificata 1 mese, 2 settimane fa da Volontario.
    Scrivici su WhatsApp
    Scan the code
    Ciao!
    Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
    Come possiamo aiutarti?