Rispondi a: Sarà che….

#6992
atlas
Partecipante
Quote:
euphralia

Voi non immaginate nemmeno i rospi che ho dovuto ingoiare, la forza che ho dovuto farmi per lasciar correre tutto quanto.
Holly, la mia voglia di andarmene non è un capriccio adolescenziale tipico della mia età. Ma è frutto di una SOFFERENZA vera e propria che trascino da anni. E’ frutto di tutte quelle volte in cui mi chiudevo in camera a piangere abbracciando l’orso gigante da bambina che avevo sul letto sognando che tutto ciò un giorno potesse cambiare.
E’ frutto di tutte quelle notti passate a tagliare i miei polsi con una lametta, tutto il sangue che ho versato per la loro totale indifferenza.
E’ frutto di tutte quelle volte che non mangiavo, di tutte quelle volte in cui cercavo di scomparire giorno per giorno sotto i loro occhi con la speranza che prima o poi si accorgessero in tempo prima da poter diventare troppo leggera e per questo volare via….

Vi assicuro che in pochi capiscono ciò di cui parlo. Del dolore che si nasconde dietro gesti simili a questi.

Io ho ripreso in mano la MIA vita, ho messo fine a tutto quanto DA SOLA.
E mi fanno ridere tutti quegli strizzacervelli che non fanno altro che farti perdere tempo e soprattutto SOLDI in alcuni casi.
Ma credete davvero che studiare su dei libri e fare qualche test del cavolo possa davvero risolvere i problemi di una persona? Ma voi vi rendete conto che chi ci è a contatto tutti i giorni con grossi problemi non ne può uscire semplicemente parlandone?
Ho un tomo di psicologia di 700 pagine qui, me lo sono letto. Fa ridere.
Sono teorie tirate fuori da dove? ma soprattutto come? da una corrente di pensiero nata nell’800 e NON considerata ancora oggi una scienza?

No Euphralia, non è difficile capire quello di cui parli e nemmeno credere alla tue parole, anzi! Capisco bene il dolore, e non lo sottovaluto mai.
Basta leggere i post di altri utenti qui, o quelli in altri forum o libri sul tema, per capire il dramma di tutti quei figli non voluti e maltrattati da genitori incapaci e insensibili!
Stesso discorso vale per tanti psicologi/psichiatri che seguono regoline da manuale vecchie di 100 anni senza aggiornarsi o capire realmente ogni sigolo caso.

Ma in entrambi i casi c’è il rovescio della medaglia: psicologi attenti e impegnati per il bene dei pazienti, come genitori amorevoli che si curano davvero dei propri figli.
Questo per dirti che prima o poi si trova sempre qualcuno che pensa a noi, ci aiuta sinceramente e non ci sfrutta o inganna. Tu purtroppo non l’hai trovato in famiglia ma con Marco e forse con qualche amico di scuola… o qualcuno che aspetta proprio dietro l’angolo della tua vita, chi lo sa?

Per quanto riguarda tuo padre stringi i denti e sopporta, manca davvero poco alla tua libertà e se hai resistito finora sono certo che ce la farai ancora, l’importante è che non ricorri MAI più a stratagemmi che ti feriscano fisicamente o psicologicamente.
In quel modo non si risolve nulla, ma so che lo sai bene anche tu ormai…

Scrivici su WhatsApp
Scan the code
Ciao!
Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
Come possiamo aiutarti?