23 anni e una vita vuota

  • Questo topic ha 1 risposta, 2 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 mesi, 3 settimane fa da Volontario.
Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • #3288
    Hannoverliebt
    Partecipante

    Buon pomeriggio a tutte e tutti. Da tempo pensavo di iscrivermi a un forum di questo tipo e, pur sapendo che giustamente fregherà molto poco di quanto vi dirò, ho deciso di farlo finalmente. Mi presento con qualche parola. Ho 23 anni, sto per iniziare l’ultimo anno di magistrale all’università e contemporaneamente faccio un lavoretto legato sempre all’ambito di studi che frequento. Sono ‘di buona famiglia’, se quest’espressione vuole ancora dire qualcosa, ho un buon rapporto coi genitori e mi trovo in una situazione tutto sommato decisamente agiata. E di cosa ti lamenti?, direte giustamente. In effetti mi vergogno abbastanza di dire che mi trovo in uno stato di malessere sapendo che molte persone, tanto più dopo la pandemia, soffrono per ragioni di salute e/o economiche che non posso neppure immaginarmi; allo stesso tempo, mi trovo proprio oggi, sabato 31 luglio, nel giorno più triste della mia vita. Ho pochi amici, una ristretta cerchia dove francamente sento di essere anche la persona che potrebbe essere sostituita con la maggiore facilità. Non ho mai avuto, alla mia veneranda età, alcuna storia sentimentale, ho subito già più di un rifiuto e proprio quello che poteva sembrare l’inizio di una possibile bella relazione si è trasformato nel mio peggiore incubo. Da ottobre mi sento con un ragazzo per il quale, nel corso del tempo, ho sviluppato un sentimento che non saprei definire se non come amore: cuore pulsante, voglia di scrivergli, testa fra le nuvole nel mentre… Al che ho organizzato un piccolo viaggio a 700 km da casa per vederlo e incontrarlo finalmente, cosa di cui lui non ha neppure voluto sentire parlare. Mi trovo qui, solo in una stanza d’albergo a fine luglio, a rimuginare su tutta la mia vita. Sono giovane ma mi sento senza alcuna prospettiva di realizzazione affettiva a livello personale. Sono una persona inutile, che non fa stare meglio gli altri né con la propria presenza né con il proprio lavoro. Non servo a nessuno, nessuno ha interesse nei miei confronti e il mondo girerebbe in modo più che uguale se anche non ci fossi. Ho perso quella capacità di stare da solo che tante volte mi era tornata utile per colpa del ragazzo di cui vi ho parlato. Non nascondo che più di una volta solo il mio timore religioso mi ha trattenuto dal compiere un gesto irrazionale che però, di tanto in tanto, torno fra me e me a vagheggiare. Da quando questa mezza storia di fatto è terminata, neppure ciò che mi rendeva più felice, il calcio e il mio ambito di studi, riesce sostanzialmente a farlo. Mi chiedo che senso abbia una vita grigia, sola e assolutamente priva del benché minimo effetto sugli altri. Mi sento sbagliato da cima a piedi e l’idea che i miei moriranno prima di me, lasciandomi sì definitivamente solo, è un incubo che mi accompagna ogni notte prima di addormentarmi.
    Vi chiedo scusa per la lunghezza del mio messaggio e per essermi addentrato così pesantemente nel personale, ma avevo la necessità di comunicare con qualcuno in questo momento così brutto.
    Vi ringrazio per la pazienza se siete arrivati sino a qui e auguro a tutti un buon fine settimana.

    #36294
    Volontario
    Moderatore

    Ciao Hannoverliebt,

    scusaci per il ritardo nel risponderti e benvenuto al Sorriso! :-)

    Dal tuo messaggio percepiamo il tuo malessere, il trovarti in un periodo di difficoltà.
    Noi ci siamo e ogni volta che vorrai potrai rivolgerti a noi ;)

    Ci scrivi che ti senti triste per via dei pochi amici e che senti di non avere prospettive di realizzazione affettiva.
    Ci colpisce quando dici che all’interno della tua ristretta cerchia di amici hai la sensazione che potresti essere sostituito con facilità. :dry:
    Ti andrebbe di raccontarci un po’ meglio? come hai conosciuto queste persone e che tipo di rapporto avete?

    La tua relazione sentimentale non è andata come prevedevi e il tuo viaggio è stato un viaggio a vuoto.
    Successivamente hai avuto la possibilità di riparlare con questa persona, chiedendogli come mai non abbia voluto incontrarti?

    Forza Hannoverliebt, non sei solo!

    Un abbraccio e speriamo di rileggerti presto :-) :-)


Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
Scrivici su WhatsApp
Scan the code
Ciao!
Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
Come possiamo aiutarti?