• Questo topic ha 51 risposte, 10 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 14 anni, 6 mesi fa da mapi.
Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 52 totali)
  • Autore
    Post
  • #9108
    angelo_della_nebbia
    Partecipante

      Scusate ma ho avuto da studiare e ho letto le vostre risposte solo adesso…

      Dunque, comincio col ringraziarvi tutti perchè è vero, e lo dite voi stessi, che alla fine sono soltanto frasi scritte e lette, e che di sicuro le cose non cambieranno così facilmente, però credetemi una frase semplice come un abbraccio può davvero evitare che una giornata finisca nel sangue. Mi fanno piacere sul serio i vostri consigli e il modo in cui non vi vergognate di raccontare ciò che avete passato in modo che anche gli altri possano imparare qualcosa dalla vostra storia.

      In altri forum non sono riuscita a trovare sostegno, o forse è stata colpa mia che non sono riuscita a trovarlo nelle loro parole. Semplicemente mi mettevano a tacere classificando i miei pensieri come paranoie adolescenziali, che certo detto da una persona lo potevo anche sopportare, da due anche, ma quando tutti cominciano a dire così…e parlo di persone adulte, quindi con una certa esperienza e da cui mi aspettavo un briciolo di sensibilità…
      però si vede che un granellino di dignità mi è rimasta quindi me ne sono andata.

      Certo so che non tutti sono così, lo so benissimo, anche se a volte lo dimentico, e forse questo posto ne è già una prova ^^

      Per quanto riguarda lo sport o il coltivare altre passioni sono certa che sarebbe utile, ma temo non sia possibile per il momento. Non saprei esattamente come spiegarlo, ma ogni volta che comincio a fare qualcosa, a costruire progetti, dopo poco tutto perde senso e mi sembra tutto inutile e alla fine non concludo niente. Ogni tanto prego, anche se non con molta convinzione, ecco questa è l’unica variante alle mie solite giornate.

      Infine, per quanto riguarda euphralia, sono contenta che tu ce l’abbia fatta, posso solo immaginare il coraggio e la fatica che ci hai messo, ma sei qui, e sei una prova del fatto che ne possiamo uscire tutti e questo mi fa davvero piacere.
      Vadim ho letto anche il tuo post e vi posso solo mandare un abbraccio non dobbiamo permettere al dolore di vincere siamo tutti più forti e siamo qui, ogni giorno a lottare e ogni singola mattina che ci alziamo dal letto e apriamo gli occhi è stata una nostra piccola vittoria. Penso che un giorno, quando tutto sarà finito davvero per tutti, potremmo dire di essere persone speciali e uniche per questo motivo, perchè non abbiamo avuto la lotta facile, perchè abbiamo sofferto in modo terribile abbiamo sudato ma ne siamo usciti, magari un pò ammaccati…ma ce l’abbiamo fatta.

      Grazie ovviamente anche a tutti gli altri, siete anime grandi, con un cuore vero.

      #9109
      Anonimo

        caro angelo della nebbia,
        noi tutti umani abbiamo un bricciolo di sensibilità, solo e che tutti non riescono a dimostrarlo e non sono in grado di capire i veri e propri problemi.

        in questo forum oltre a sara ci sono anche tante altre persone che ne stanno uscendo orgogliosi di aver combatutto verso quello che vogliono ottenere, naturalmente tirando fuori le unghie.
        inoltre tutte le persone che trovi in questo forum, sono tutte persone che sono maturate prima degli altri che ancora non lo sono.
        in fine questo bellissimo e clamoroso forum, come vedi non e fatto solo di adulti, ma anche di persone che ti sono coetanee e che ti sanno comprendere.

        per concludere posso chiederti il tuo giorno di compleanno?
        sarebbe un onore aggiungerti nella lista come tutti gli altri del forum.

        a presto

        Semino gioia, son figlio del vento,
        menzogne conosco eppure non mento.
        Due ali purtroppo non mi hanno donato,
        perciò di sorrisi mi sono dotato,
        poiché è un emozione che mi sazia il cuore,
        far ridere tutti e donar buonumore.

        #9110
        morpheus
        Partecipante
          Quote:
          angelo_della_nebbia
          Scusate ma ho avuto da studiare e ho letto le vostre risposte solo adesso…

          Dunque, comincio col ringraziarvi tutti perchè è vero, e lo dite voi stessi, che alla fine sono soltanto frasi scritte e lette, e che di sicuro le cose non cambieranno così facilmente, però credetemi una frase semplice come un abbraccio può davvero evitare che una giornata finisca nel sangue. Mi fanno piacere sul serio i vostri consigli e il modo in cui non vi vergognate di raccontare ciò che avete passato in modo che anche gli altri possano imparare qualcosa dalla vostra storia.

          In altri forum non sono riuscita a trovare sostegno, o forse è stata colpa mia che non sono riuscita a trovarlo nelle loro parole. Semplicemente mi mettevano a tacere classificando i miei pensieri come paranoie adolescenziali, che certo detto da una persona lo potevo anche sopportare, da due anche, ma quando tutti cominciano a dire così…e parlo di persone adulte, quindi con una certa esperienza e da cui mi aspettavo un briciolo di sensibilità…
          però si vede che un granellino di dignità mi è rimasta quindi me ne sono andata.

          Certo so che non tutti sono così, lo so benissimo, anche se a volte lo dimentico, e forse questo posto ne è già una prova ^^

          Per quanto riguarda lo sport o il coltivare altre passioni sono certa che sarebbe utile, ma temo non sia possibile per il momento. Non saprei esattamente come spiegarlo, ma ogni volta che comincio a fare qualcosa, a costruire progetti, dopo poco tutto perde senso e mi sembra tutto inutile e alla fine non concludo niente. Ogni tanto prego, anche se non con molta convinzione, ecco questa è l’unica variante alle mie solite giornate.

          Infine, per quanto riguarda euphralia, sono contenta che tu ce l’abbia fatta, posso solo immaginare il coraggio e la fatica che ci hai messo, ma sei qui, e sei una prova del fatto che ne possiamo uscire tutti e questo mi fa davvero piacere.
          Vadim ho letto anche il tuo post e vi posso solo mandare un abbraccio non dobbiamo permettere al dolore di vincere siamo tutti più forti e siamo qui, ogni giorno a lottare e ogni singola mattina che ci alziamo dal letto e apriamo gli occhi è stata una nostra piccola vittoria. Penso che un giorno, quando tutto sarà finito davvero per tutti, potremmo dire di essere persone speciali e uniche per questo motivo, perchè non abbiamo avuto la lotta facile, perchè abbiamo sofferto in modo terribile abbiamo sudato ma ne siamo usciti, magari un pò ammaccati…ma ce l’abbiamo fatta.

          Grazie ovviamente anche a tutti gli altri, siete anime grandi, con un cuore vero.

          Ciao Angelo della nebbia… che belle parole hai per tutti noi, dico sul serio! Sei molto carina e sono felice che seppur in pochi post tu abbia comunque trovato un minimo di sollievo e ti sia sentita capita e accolta. Noi siamo qui per questo, per ascoltare e nel nostro piccolo cercare di darti qualche suggerimento su come migliorare la tua situazione.
          Un abbraccio sincero

          firmaforum2e.jpg
          Un giorno senza un sorriso è un giorno perso :-).(Charlie Chaplin)

          #9111
          Volontario
          Moderatore

            Ciao Angelo,
            anch’io ti sono vicina nella tua sofferenza. Non si vorrebbe mai sentir dire da una ragazza della tua età che è triste e sola, ma purtroppo capita, e quando succede è una cosa molto dolorosa. Mi associo a tutto quello che ti è stato detto finora; anch’io sono convinta che tu abbia grandi capacità, intelligenza, sensibilità, cultura. Non sono proprio per niente convinta che i tuoi genitori possano essere delusi da una figlia come te; sicuramente, conoscendoti, penseranno che tu sia timida e riservata, ma poichè ti vogliono bene, non pensi che per loro sarebbe una gioia grande se tu confidassi loro anche solo una briciola dei tuoi pensieri e dei tuoi desideri? Prova a pensarci, prova ad uscire da te stessa solo per un momento ed a metterti nei loro panni, tu che li conosci bene. Potrebbe funzionare? Leggo anche un’altra cosa, nel tuo ultimo post:
            dici che ogni tanto nella tua giornata preghi, anche se non sempre troppo convinta. Non sei invece convinta che se Dio ti vuole viva, ha sicuramente un progetto di felicità su di te e che la tua vita non è certo inutile? Come tutti i ragazzi di Milano, hai certo ricevuto i Sacramenti da poco tempo. Non hai mantenuto amicizie nell’ambito dell’oratorio? E’ un ambiente i che ti potrebbe accogliere e in cui ti troveresti a tuo agio?
            Ti saluto, carissimo Angelo, con tanti sorrisi.


            #9112
            Anonimo

              caro angelo della nebbia,
              molti dei ragazzi che vogliono farsi del male, prima di farlo, si chiedono ma qual e il senso della vita?
              La risposta alla domanda “Che senso ha la vita?” è stata ricercata da tutti i più grandi filosofi, letterati e pensatori. La risposta però è del tutto personale, e dipende da come l’individuo la vita la vive, quindi essa dipende dalla intensità con cui è vissuta. Io considero la vita come un susseguirsi di esperienze, sensoriali o intellettuali, che portano alla felicità: ogni individuo fa delle esperienze, diverse da ogni altro, e con lo scambio di queste si può arricchire. Attraverso i vari modi di concepire la vita però permangono alcuni valori comuni e assoluti come il diritto alla vita e la libertà di ricercare la felicità con ogni mezzo nel rispetto però degli altri. La felicità che ognuno cerca di raggiungere delinea la personalità dell’individuo, quindi la vita è la possibilità di essere se stessi.

              con questo ultimo mio pensiero chiudo questo tipo di argomento, perche credo di essermi spiegato bene.
              leggi attentamente quello che ho scritto e facci sapere. ok?
              ci conto.

              a presto

              Semino gioia, son figlio del vento,
              menzogne conosco eppure non mento.
              Due ali purtroppo non mi hanno donato,
              perciò di sorrisi mi sono dotato,
              poiché è un emozione che mi sazia il cuore,
              far ridere tutti e donar buonumore.

              #9113
              angelo_della_nebbia
              Partecipante

                sì certo ho letto i vostri post grazie mille mi fa piacere conoscere i vostri pensieri e le vostre esperienze ma vi prego non disturbatevi per rispondere a me…
                comunque scusate ma stasera sono in crisi e non voglio scrivere molto.
                torno domani magari Vi rileggerò con un pò più di attenzione.

                #9114
                Holly
                Partecipante
                  Quote:
                  angelo_della_nebbia
                  sì certo ho letto i vostri post grazie mille mi fa piacere conoscere i vostri pensieri e le vostre esperienze ma vi prego non disturbatevi per rispondere a me…
                  comunque scusate ma stasera sono in crisi e non voglio scrivere molto.
                  torno domani magari Vi rileggerò con un pò più di attenzione.

                  Non scrivere se non vuoi non è importante, stà tranquilla per questo ok tesoro? Non è un disturbo sciverti è un piacere farlo e starti vicini, non preoccuparti per noi, per favore.
                  Ma non farti del male ok?, Mi dispiace sia una brutta sera.
                  Ti abbraccio con tutto il cuore[:X]

                  iovalgo.jpg
                  ..Dal tuo cuore mi sono giunte le tue parole… (N.Hikmet – Le fate Ignoranti)

                  #9115
                  mapi
                  Partecipante

                    Grazie Angelo della nebbia per il tuo bel post.
                    Resta fiduciosa come in questo tuo ultimo post. Vedrai che, anche con il nostro aiuto, la nostra compagnia, il tuo malessere passerà prima.
                    Io insisto perché tu inizi qualcosa di sportivo. Pallavolo, pallacanestro (se sei alta), ecc. A Milano ci sono varie opportunità, credo tutte valide e con piccoli contributi per l’iscrizione.
                    Io conosco il centro Sportivo SNAM di San Donato, arriva la Metropolitana gialla (la 3), che accetta anche esterni al gruppo ENI.

                    Non conosco i o il forum dove sei approdata e non sei stata capita. Da quello che ci dici, ti hanno riferito luoghi comuni che hanno sempre fatto male agli adolescenti, perché non si sentono capiti, anzi alcune frasi li fanno anche sentire in colpa.
                    Sicuramente non era un forum per giovani.

                    Proprio per questo, nel 1993 alcune persone adulte hanno fondato l’Associazione Il Sorriso Telefono Giovani perché si sono accorte che il disagio giovanile era molto diffuso e non c’era nessuna Associazione, con volontari appositamente formati, che se ne occupasse nel più assoluto anonimato e con un mezzo, il telefono, che invita ad aprirsi e che è a portata di mano.
                    Lo scorso anno abbiamo pensato che occorreva fare un passo importante per andare dove sono i ragazzi ed abbiamo avviato uno studio per realizzare l’ascolto mediato.
                    Ecco come è nato questo forum.
                    Se vuoi sapere di più della nostra Associazione trovi tutto, o quasi sul Sito.

                    Ciao cara, un forte abbraccio e tanti :-) :-) :-)

                    un post può far tornare il sorriso

                    #9116
                    euphralia
                    Partecipante

                      Boh, Mapi. Lo sport non sarebbe una cattiva idea, ma in momenti come quelli che la ragazza descrive (e che ho passato in prima persona) non hai la forza di fare niente, figuriamoci uno sport.
                      In quei momenti è come se fossimo finiti nel centro esatto di una ragnatela, non ci riesce a muovere o a schiodare dalla nostra situazione…manca la voglia di uscire, di veder gente, di fare qualsiasi cosa. Più si è soli e più vien voglia di isolarsi. E’ assurdo, ma è così.

                      Non so tu che ne pensi angelo della nebbia, magari sei più in gamba di me e lo sport potrebbe rappresentare una valida valvola di sfogo per te… però ci tenevo a ricordare che non tutte le volte si ha abbastanza forza per affrontare uno sport o qualche attività particolare, a volte si ha solo voglia di chiudere i battenti per un pò, di isolarsi nel proprio mondo e di restarci per un tempo indefinito…felicità in progress mi verrebbe da dire, ci vuole tempo per ritrovare la propria via e mentre si riflette si vorrebbe il meno baccano possibile in giro.

                      Per quanto riguarda i forum, ne ho frequentati parecchi anch’io… specie quelli che giravano su forumfree.
                      Sono gruppi di ragazzi con storie più o meno simili che si fanno coraggio a vicenda, si scambiano consigli o si sfogano scrivendo post… diciamo che sono forum un pò particolari in cui girano pesanti preferenze e anche umiliazioni, se ti prendono in antipatia non c’è niente che tenga e ti fanno stare solo peggio con le loro risposte.

                      È grave sforzarsi di essere uguali: provoca nevrosi, psicosi, paranoie. È grave voler essere uguali, perché questo significa forzare la natura, significa andare contro le leggi di Dio che, in tutti i boschi e le foreste del mondo, non ha creato una sola foglia identica a un’altra. Ma tu ritieni che essere diverso sia una follia, e perciò hai scelto di vivere a Villette. Perché qui, visto che sono tutti diversi, diventi uguale agli altri.
                      Paolo Coehlo
                      #9117
                      Anonimo
                        Quote:
                        Boh, Mapi. Lo sport non sarebbe una cattiva idea, ma in momenti come quelli che la ragazza descrive (e che ho passato in prima persona) non hai la forza di fare niente, figuriamoci uno sport.
                        In quei momenti è come se fossimo finiti nel centro esatto di una ragnatela, non ci riesce a muovere o a schiodare dalla nostra situazione…manca la voglia di uscire, di veder gente, di fare qualsiasi cosa. Più si è soli e più vien voglia di isolarsi. E’ assurdo, ma è così.

                        Non so tu che ne pensi angelo della nebbia, magari sei più in gamba di me e lo sport potrebbe rappresentare una valida valvola di sfogo per te… però ci tenevo a ricordare che non tutte le volte si ha abbastanza forza per affrontare uno sport o qualche attività particolare, a volte si ha solo voglia di chiudere i battenti per un pò, di isolarsi nel proprio mondo e di restarci per un tempo indefinito…felicità in progress mi verrebbe da dire, ci vuole tempo per ritrovare la propria via e mentre si riflette si vorrebbe il meno baccano possibile in giro.

                        Per quanto riguarda i forum, ne ho frequentati parecchi anch’io… specie quelli che giravano su forumfree.
                        Sono gruppi di ragazzi con storie più o meno simili che si fanno coraggio a vicenda, si scambiano consigli o si sfogano scrivendo post… diciamo che sono forum un pò particolari in cui girano pesanti preferenze e anche umiliazioni, se ti prendono in antipatia non c’è niente che tenga e ti fanno stare solo peggio con le loro risposte.

                        Semino gioia, son figlio del vento,
                        menzogne conosco eppure non mento.
                        Due ali purtroppo non mi hanno donato,
                        perciò di sorrisi mi sono dotato,
                        poiché è un emozione che mi sazia il cuore,
                        far ridere tutti e donar buonumore.

                        #9118
                        mapi
                        Partecipante

                          Grazie delle vostre risposte.
                          Non so a che punto è angelo della nebbia con il suo desiderio di isolarsi e di non trovare motivazioni per fare qualche movimento per uscire dalla ragnatela, come la chiami tu Euphralia.
                          Ma è giusto non provare neppure a dare qualche indicazione?
                          Vedi angelo della nebbia e tutti gli altri, noi non ce la prendiamo affatto se non sentite la voglia, la capacità, le forze per uscire dal vostro guscio, ma lì state soffrendo tremendamente e noi cerchiamo di buttare qualche seme, poi….ciascuno ha i suoi tempi.
                          Caro angelo della nebbia, non siamo delusi se non ti leggiamo per qualche giorno…, ma vorremmo tanto poterti aiutare di più.

                          Un forte abbraccio. :-)[:X] :-)[:X]

                          un post può far tornare il sorriso

                          #9120
                          angelo_della_nebbia
                          Partecipante

                            ri-eccomi qui.
                            ho letto tutti i vostri post, e vi ringrazio, ma come avete già pensato non posso iniziare qualche sport. Certo, è anche la voglia che manca, ma il problema maggiore è quello di cui parlavo qualche post prima, la paura di venire giudicata da chiunque, anche da persone che probabilmente non mi noteranno nemmeno, però è un cosa più forte di me, che si impone nella mia testa e io mi ritrovo bloccata.
                            Vi faccio un esempio: due anni fa avevo cominciato un corso di nuoto, sotto obbligo dei miei genitori, ma comunque quello sport non mi dispiaceva. Ecco il punto era che mentre nuotavo avevo bisogno di guardarmi dietro per vedere se c’era qualcuno, e se era così allora il mio cervello si metteva in moto: Adesso sarà lì a pensare che sei una buona a nulla, che non sai nuotare e quindi chissà per quale ragione sei qui con quelli più bravi, penserà che però deve starti dietro perchè è vietato sorpassare e ti maledirà di sè. Poi quando arriverete at bordo vasca e vi fermerete per riprendere fiato ti guarderà ridendo e si complimenterà per la tua bravura, ovviamente in modo ironico. Tu ti metterai a piangere, se non qui nello spogliatoio, e ti sentirai di nuovo uno schifo Ecco questi erano, e sono, i pensieri che mi assalgono quando sto con la gente, con la gente in generale, magari sono persone buonissime che non sanno neanche della mia esistenza eppure non posso non pensare.
                            Preferisco stare da sola perchè in quel modo non ce la faccio, è davvero lacerante. Lo è anche lo stare da soli, ma quando sei solo e stai male, sai con chi prendertela.

                            #9121
                            Holly
                            Partecipante

                              Ciao Angelo ho provato una stretta al cuore nel leggere il tuo post, spieghi benisimo ciò che provi e si riesce a sentire questa tua paura ed il senso di inadeguatezza che vivi.
                              Io mi sento inadeguata a rispondere tesoro mi sembra che qualsiasi parola possa essere inutile, ma ci provo ugualmente.
                              Immagino quanto sia difficile per la passività in cui sei immersa,che ti blocca come hai ben spiegato, ma gioia devi in qualche trovare la chiave che ti permetta di lavorare su te stessa per togliere questa paura di essere giudicata dagli altri in tutte le tue azioni.
                              E’ chiaro che gli altri non vivono giudicandoti continuamente, ma TU non lo credi e qualsiasi cosa detta da me/noi non cambierà magicamente questa tua sensazione che ti impedisce di vivere ed essere serena e che soprattutto ti porta a farti del male.
                              Non so cosa consigliarti Angelo, so che sarà un lavoro lungo e doloroso ma anche che puoi farcela e che devi aver fiducia e stima di te.
                              Non hai nulla di meno rispetto agli altri e gli altri non sono perfetto o infallibili ma esattamente spaventati e spesso inadeguati come ti senti tu.
                              Credo che Sara ti abbia parlato e spiegato bene; mi auguro tu possa sentirla ancora.
                              Ti abbraccio con tanto affetto[:X]

                              iovalgo.jpg
                              ..Dal tuo cuore mi sono giunte le tue parole… (N.Hikmet – Le fate Ignoranti)

                              #9122
                              morpheus
                              Partecipante
                                Quote:
                                angelo_della_nebbia
                                ri-eccomi qui.
                                ho letto tutti i vostri post, e vi ringrazio, ma come avete già pensato non posso iniziare qualche sport. Certo, è anche la voglia che manca, ma il problema maggiore è quello di cui parlavo qualche post prima, la paura di venire giudicata da chiunque, anche da persone che probabilmente non mi noteranno nemmeno, però è un cosa più forte di me, che si impone nella mia testa e io mi ritrovo bloccata.
                                Vi faccio un esempio: due anni fa avevo cominciato un corso di nuoto, sotto obbligo dei miei genitori, ma comunque quello sport non mi dispiaceva. Ecco il punto era che mentre nuotavo avevo bisogno di guardarmi dietro per vedere se c’era qualcuno, e se era così allora il mio cervello si metteva in moto: Adesso sarà lì a pensare che sei una buona a nulla, che non sai nuotare e quindi chissà per quale ragione sei qui con quelli più bravi, penserà che però deve starti dietro perchè è vietato sorpassare e ti maledirà di sè. Poi quando arriverete at bordo vasca e vi fermerete per riprendere fiato ti guarderà ridendo e si complimenterà per la tua bravura, ovviamente in modo ironico. Tu ti metterai a piangere, se non qui nello spogliatoio, e ti sentirai di nuovo uno schifo Ecco questi erano, e sono, i pensieri che mi assalgono quando sto con la gente, con la gente in generale, magari sono persone buonissime che non sanno neanche della mia esistenza eppure non posso non pensare.
                                Preferisco stare da sola perchè in quel modo non ce la faccio, è davvero lacerante. Lo è anche lo stare da soli, ma quando sei solo e stai male, sai con chi prendertela.

                                Capisco bene quello di cui parli Angelo, sul serio.. non c’è niente di più bloccante della paura del giudizio degli altri (ma scappare sempre rinunciando a tutto non è una soluzione tesoro). Hai una paura folle che tutti ti stiano a guardare, che il mondo sia pieno di gente pronta a sparare giudizi negativi..ma sappi che non è così, o almeno non sempre è così. L’insicurezza in se stessi porta a vedere il mondo come lo vedi tu adesso e come ho detto a Vadim molto tempo fa l’autostima è una cosa che si costruisce un passo alla volta..piano piano..partendo da piccole cose quali l’andare bene a scuola ad esempio (o in qualunque attività che ti piace fare naturalmente). Un piccolo successo personale può aumentare la tua autostima giorno dopo giorno, e così comincerai a pensare che… CHI SE NE FREGA SE QUELLO DIETRO DI ME IN CORSIA DEVE ASPETTARMI PERCHE’ SONO UN PO’ PIU’ LENTA..CHE CAMBI CORSIA SE VUOL CORRERE IO NUOTO COSI’..AL DIAVOLO! (questo è solo un esempio basato sul tuo racconto naturalmente). Vorrei tu cominciassi a pensare un po’ più in positivo (o almeno prova a farlo), il mondo è pieno di gente crudele che si diverte a farti vedere i tuoi difetti..ma ci sono anche tante persone che ti stimeranno e ameranno per quello che sei piccolo Angelo (e come si dice.. chi non mi ama non mi merita!!! :-D).
                                Un forte abbraccio!! [8D]

                                firmaforum2e.jpg
                                Un giorno senza un sorriso è un giorno perso :-).(Charlie Chaplin)

                                #9123
                                Anonimo

                                  cara angelo della nebbia,

                                  La solitudine , quando non è una scelta volontaria, incide molto negativamente sul nostro benessere psicologico più di quanto possiamo immaginare.

                                  La sensazione di non essere importanti per nessuno è la causa di molte depressioni e persino di molti suicidi. Eppure, triste a dirsi, la solitudine è una condizione che si sta diffondendo sempre di più, complici i ritmi frenetici della vita moderna che non agevolano i contatti umani.
                                  Timidezza, scarse abilità sociali , diffidenza verso gli altri , sono ulteriori fattori che possono contribuire a peggiorare la solitudine. La solitudine, però, può essere sconfitta, facendo lo sforzo deliberato di uscire dal proprio guscio e di aprirsi agli altri.

                                  Sarà più facile fare amicizia, se prenderai l’iniziativa nel contatto sociale. Fare il primo passo, però , può essere difficilissimo per un timido. Per ridurre l’ansia, può essere utile ripetere a se stessi che anche gli altri , anche quelli che sembrano brillanti e vincenti, hanno i loro timori e le loro insicurezze e magari, si sentono soli proprio te.
                                  Se sei timido/a, puoi avere il timore che le altre persone notino in te soprattutto i tuoi difetti: ma non è così, gli altri, se non sono gravemente frustrati, non sono lì per giudicarti negativamente, ma per cercare di star bene e divertirsi. Se sei timido, ti potrà capitare di sentirti a disagio o addirittura di arrossire, quando parli con qualcuno che conosci poco: non farne un dramma. I timidi sono caratterizzati da eccessiva consapevolezza di sé, ma più ti focalizzai sulle tue sensazioni di imbarazzo, più l’ imbarazzo aumenta, mentre se non ci dai più di tanto peso, il disagio scemerà gradualmente.

                                  Nei primi contatti con un potenziale amico, quello che conta non è tanto apparire interessanti , quanto mostrarsi interessati all’altro. L’interesse sincero per l’altro è la chiave di un’amicizia ben riuscita. A questo proposito, vorrei citare un detto di un mio caro amico che non c’e più, che trovo profondamente vero: Puoi trovare più amici in due mesi, interessandoti agli altri, che in due anni cercando di fare in modo che la gente si interessi a te

                                  Molte persone con una brillante vita sociale devono combattere contro la sensazione di sentirsi soli anche in mezzo ad una folla. Se anche tu, conosci un sacco di gente ma continui a sentirti solo, è perché instauri con gli altri dei rapporti solo superficiali. Con chi ti circonda non sei te stesso, reciti una parte, cercando di essere quello che gli altri si aspettano che tu sia.
                                  Quindi ti fingi più forte, più brillante, più sicuro di te di quanto tu non sia realmente, ma in questo modo non puoi sperimentare una vera intimità. Da qui nasce la penosa sensazione di solitudine, l’impressione che nessuno possa capirti ed esserti vicino. Smettere di fingere di essere la persona che gli altri si aspettino che tu sia ,e farsi vedere per quello che sei, è il mezzo migliore per trasformare dei conoscenti in amici.

                                  Alcune persone respingono gli altri, adottando inconsapevolmente un atteggiamento troppo rigido e critico. Tendono ad aspettarsi troppo nelle relazioni con gli altri e ad avere una concezione idealizzata dell’amicizia : di conseguenza, vengono facilmente delusi. Quando l’ altro, come spesso succede, non soddisfa le loro aspettative, perdono la fiducia e preferiscono rompere l’ amicizia.

                                  A volte le persone con questo tipo di problematica, tendono a misurare quanto danno e quanto ricevono in cambio. Se per esempio, l’amico non ricambia, a breve, un invito, o una telefonata, si sentono ingannati e non apprezzati. Se ti sei riconosciuto in questo ritratto, devi imparare ad essere più tollerante e non pretendere dagli altri più di quanto non ti possano dare: dopotutto non esiste l’amico perfetto.

                                  Se ti mancano gli argomenti di conversazione, devi ampliare i tuoi interessi. Il modo più semplice è quello di tenerti informato: puoi leggere il giornale, andare a vedere qualche film appena uscito o dedicarti alla lettura di quel nuovo best seller di cui parlano tutti, oppure puoi trovarti un hobby.

                                  La qualità delle nostre relazioni con gli altri dipende molto dal nostro atteggiamento psicologico: siamo chiusi e ci aspettiamo sempre qualche delusione? Siamo aperti e sinceri?

                                  A questo proposito, vorrei riportare un brano, tratto dal libro: Vincere la timidezza .Questo brano tratta un intervista fatta ad una attrice famosa che è riuscita a superare la sua timidezza ed avere una vita sociale gratificante..

                                  Dico sempre alle mie figlie che è importante sapere che gli altri hanno i tuoi stessi problemi. Non bisogna essere così egocentrici da credere che il mondo giri intorno a quello che la gente pensa del tuo aspetto ,delle tue sensazioni e del tuo comportamento. Gli altri non stanno sempre lì a giudicarti e a valutarti negativamente. Pensano a se stessi ,e sei tu che devi uscire fuori dal tuo guscio e andare verso gli altri , perché quando entriamo in contatto con un’altra persona allo stesso tempo ci mettiamo in contatto con noi stessi : aiutiamo noi stessi. Sono fermamente convinta che siamo un tutto unico. Lo siamo veramente e più sorridi e ti protendi verso gli altri , tanto più riceverai in cambio: si raccoglie quello che si è seminato.

                                  Sì, lo so, è un clichè ma è un clichè proprio perché è profondamente vero. E allora coraggio, vai avanti e stabilisci un contatto con le altre persone. Se, per esempio, a scuola vedi un bambino un po’ timido, o che non si trova bene con gli altri bambini e sembra un pochino triste, ecco l’occasione di protendersi verso gli altri. Nel momento in cui lo farai, scoprirai qualcosa di stupendo.

                                  Sì le persone sono meravigliose e tutto quello di cui hanno bisogno è un po’ di TAA.: tenerezza, amore e attenzione: è il miglior antidoto contro la solitudine.!

                                  Spero di esserti stato d’aiuto e molto chiaro.

                                  A presto

                                  Semino gioia, son figlio del vento,
                                  menzogne conosco eppure non mento.
                                  Due ali purtroppo non mi hanno donato,
                                  perciò di sorrisi mi sono dotato,
                                  poiché è un emozione che mi sazia il cuore,
                                  far ridere tutti e donar buonumore.

                                Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 52 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                                Scrivici su WhatsApp
                                Scan the code
                                Ciao!
                                Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                                Come possiamo aiutarti?