• Questo topic ha 11 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 8 anni fa da Volontario.
Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
  • Autore
    Post
  • #5871
    MRSara
    Partecipante

      Sono sempre stata trattata da bambina. Nonostante mi si dicesse che ero molto più intelligente di tutti gli altri, i miei genitori “per proteggermi” mi hanno sempre allontanato dalla società e dai brutti incontri che si possono fare… all’età di 18 anni non ho neanche un amico e sono incapace di stare fisicamente con altre persone che non sia il mio santo ragazzo (sono a disagio perfino con la mia famiglia).

      Il problema sorge nel momento in cui mi accorgo che l’anno prossimo dovrò iniziare l’università e avrò tutta la libertà che mi è stata negata e una serie di responsabilità finora a me nascoste.
      Il primo segnale allarmante mi è giunto dalla paralisi che mi prende nel momento in cui devo guidare: presi la patente con tanto entusiasmo e decisa che quello sarebbe stato il mio “rito di iniziazione”, l’evento che avrebbe segnato finalmente la mia crescita e invece…paralisi totale!

      Vedo i miei coetanei con i loro gruppo di amici divertirsi, ballare il sabato sera, non vedere l’ora di incontrarsi, fare il viaggio di maturità … ma io no, sono piccola e resto nella mia casa di bambole.

      Mi hanno cresciuto per 18 anni come se ne avessi 12, adesso mi gettano nella vita adulta ed io non ho fatto nessun allenamento, sono totalmente inerme.
      Come si cresce?

      #26316
      Volontario
      Moderatore

        Cara Sara,
        quella che ci poni è una delle domande più difficili che potessi farci!

        “Come si cresce?”

        Di sicuro non può esistere LA risposta definitiva a questo interrogativo. Crescere è un percorso che portiamo avanti per tutta la vita ed è tanto difficile quanto meraviglioso :-)
        Ti trovi in un momento della vita in cui si aprono infinite possibilità e inizi ad assaporare l’idea di una sconcertante libertà. Possiamo immaginare quanto questa cosa possa spaventarti.
        Si potrebbe cominciare ponendosi dei piccoli obiettivi intermedi, accorciando le distanze di quella che potrebbe sembrare la cima di una montagna irraggiungibile.

        Da cosa vorresti partire? Cosa pensi possa essere un obiettivo prioritario per te in questo momento?

        Noi siamo qui pronti ad iniziare l’allenamento insieme a te ;-)

        Un abbraccio e un sorriso!


        #26396
        MRSara
        Partecipante

          Probabilmente si dovrebbe iniziare dall’avere degli amici che a me mancano del tutto e suppongo sia alquanto difficile instaurare rapporti stando in casa.
          Allora forse dovrei frequentare un qualche cosa per stare a contatto con gente ma purtroppo questa noiosa estate tarda a finire e, pur volendo, non posso iscrivermi a nulla.
          Penso poi che, nonostante la desolazione, le uscite serali potrebbero servire, magari supportata anche dal mio ragazzo …tuttavia ho orari ristretti e quando torno a casa, gli altri escono dalla loro. Chiedere ai miei di ammorbidire il loro atteggiamento spiegando le mie ragionui? Già fatto ed è stato inutile… Far notare loro che coi miei fratelli più piccoli si stanno comportando MOLTO diversamente? Ho ottenuto l’accusa di invidiosa.

          #26400
          Volontario
          Moderatore

            ciao MRSara
            Cosa fanno i tuoi fratelli che a te è vietato?
            quanti anni hanno?

            e il tuo ragazzo cosa pensa, cosa propone?

            quali opportunità di uscite proporresti ai tuoi genitori, quali orari tu vorresti avere e quali orari loro ti concedono?

            ti aspettiamo presto


            #26482
            MRSara
            Partecipante

              Hanno 17 e 15 anni, innanzitutto a loro è permesso uscire di casa, cosa che a me a 15 anni era vietata, ma la cosa più grave è che il loro orario di rientro è uguale al mio.
              Le miei uscite sono alquanto noiose e monotone perchè non avendo amici e non essendomi permesso di uscire in macchina col mio ragazzo non faccio altro che camminare in paese con lui fino alle 23, orario di rientro…ok magari non è male come orario, ma sta di fatto che il tutto si anima dopo quell’ora e io mi sento sempre più esclusa da un mondo che non mi appartiene.

              Il mio ragazzo ha perso le speranze, speriamo entrambi nell’università che mi attende l’anno prossimo, ci vediamo sempre meno per evitare di annoiarci…purtroppo io non ho amici e lui esce con i suoi quando io rientro a casa.

              #26494
              Volontario
              Moderatore

                ciao Sara,

                Ti capiamo benissimo quando dici che alla sera quando tu devi tornare a case, gli altri ragazzi escono e vanno a divertirsi. Tu stessa ci hai detto però che quel tipo di attività ti spaventano perchè non sei abituata a svolgerle: andare in discoteca ad esempio. Intanto vorremmo chiederti se hai già chiesto al tuo ragazzo se gli va di organizzare con te ed i suoi amici qualcosa da fare durante il giorno, ad esempio una gita al mare o in montagna o in piscina, o fare qualche sport tutti insieme. Che ne pensi? Magari così facendo riuscirai ad entrare in una compagnia di ragazzi e ragazze, e fra poco quando avrai più libertà non sarà così traumatico.

                Nel frattempo ti va di raccontarci un po’ di te? Ad esempio che università frequenterai? Sarà lontano da casa? Dovrai trasferirti o continuerai a vivere in famiglia?

                A presto Sara, un abbraccio! :-)


                #26808
                MRSara
                Partecipante

                  Non mi è permesso stare fuori casa per una giornata intera, a maggior ragione se sono in compagnia del mio ragazzo.
                  Quelle pochissime serate che ho trascorso coi suoi amici (in due anni saranno state non più di 5) sono state terribilmente strazianti: c era mutismo totale da parte mia, incapacità di intervenire o di inserirmi nella conversazione… diciamo che in questo il mio ragazzo non aiuta molto o forse a suo modo cerca di farlo lasciandomi “in balia di me stessa”, sono state le serate peggiori della mia vita.
                  Sarò una matricola in ingegneria a 60 km da casa, purtroppo non così lontano. Mi trasferirò ma sono stata ammonta di tornare tutti i fine settimana..spero di no ma sarà dura.

                  #26828
                  Volontario
                  Moderatore

                    ciao Sara,
                    questo ragazzo ti è vicino, lo senti vicino, e spesso ci hai raccontato della sua pazienza e comprensione: a proposito del fatto che ci hai raccontato (le serate con i suoi amici)… ne hai parlato con lui?
                    Hai provato a spiegargli che “lasciarti in balia di te stessa” non ti aiuta?
                    Potresti chiedergli di aiutarti in qualche modo?

                    Se non ci aiutano le persone che ci amano … chi può farlo?
                    kiss
                    :-)


                    #27477
                    MRSara
                    Partecipante

                      Lui sa delle serate non piacevoli ma sostiene anche che devo abituarmi a stare con la gente, anche quando non mi va a genio. E no, non gli ho mai detto che il suo atteggiamento di quasi sconosciuti peggiora la situazione, ma credo proprio che lo farò presto.
                      Grazie

                      #27491
                      Volontario
                      Moderatore

                        La giusta strada cara Sara sta nel compromesso: tu puoi cercare Di vincere la Tua timidezza e lui puö cercare di essere sempre piu comprensivo. La strada maestra é quella di comunicare e di comprendersi vicendevolmente. Questo é ciô che rende significative e speciale le relazioni.
                        Cosa ne pensi?


                        #28484
                        Anonimo

                          Ciao :) una curiosità.. come hai conosciuto il tuo ragazzo?

                          #28573
                          Volontario
                          Moderatore

                            Ciao,
                            è da un po’ che non scrivi qui MRSara, tutto ok?
                            Ti aspettiamo, se ti va!
                            Un abbraccio


                          Stai visualizzando 12 post - dal 1 a 12 (di 12 totali)
                          • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                          Scrivici su WhatsApp
                          Scan the code
                          Ciao!
                          Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                          Come possiamo aiutarti?