• Questo topic ha 887 risposte, 35 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 1 mese, 1 settimana fa da Maria Pia.
Stai visualizzando 15 post - dal 871 a 885 (di 888 totali)
  • Autore
    Post
  • #37068
    FURIOSO
    Partecipante

      Oltretutto per finire stavo dimenticando che la casa è costata appena 7500 euro compreso di mobili e si trova pure a 200 metri da tutti i servizi ed è anche ben collegato con i mezzi pubblici..

      #37069
      FURIOSO
      Partecipante

        Ho incontrato anche oggi quella donna alla quale mi ha detto quanti anni ho, appena gli e lo detto lei ha cambiato totalmente espressione… Quasi sconvolta, e mi ha detto che sembravo più grande e credeva che avevo 40 anni… E io le ho risposto fortunatamente non c’è lo.. e le ho un po’ raccontato la mia vita e lei mi ha risposto che ha 39 anni è separata e che ha avuto anche lei una lunga storia e che sua madre sta venendo casa e se ne vogliono andare da quel quartiere… Poi ho fatto vedere la casa a mio zio è gli e piaciuta… Ho trovato anche altre persone gentili e ho notato che a qualcuno del quartiere gli interessava sapere chi era il proprietario… Ho parlato pure con la polizia municipale e con il sindaco per il problema dei rifiuti che ho sotto casa è ho trovato in entrambi persone gentili…il sindaco mi ha detto che posso andarlo a trovarlo quando voglio basta che lo avviso un giorno prima…..

        #37070
        Volontario
        Moderatore

          Caro Furioso, lo vedi com’è più bella la vita quando cominci a muoverti? Affronti le difficoltà, le superi, incontri persone, queste sono gentili, e tutto questo processo non solo risolve il problema abitativo, ma ti fa crescere, ti dà fiducia e soddisfazione. Ti apre al mondo, ti fa capire che non sono tutti orrendamente cattivi. Che nessuno ha detto che tu ti devi per forza isolare, e che se invece ti butti nella vita, la vita ti viene incontro positivamente.
          Fai del tuo meglio per mantenere buoni rapporti col nuovo vicinato!

          Solo un dubbio, sei proprio sicuro che il prezzo totale di acquisto sia 7500€?
          Sei sicuro che tutte le carte siano in regola? Avete un notaio che ha verificato l’atto di provenienza e che registrerà il rogito oppure come state provvedendo a questa compravendita?
          Avete presente che ci sono anche delle tasse da pagare?

          Caro Furioso non è per dubitare di te, ma al contrario, come faremmo con un amico alla prima esperienza, ti menzioniamo queste cose per darti degli spunti, come una check list per verificare se hai pensato a tutto. 😊

          In ogni caso sappi che siamo molto orgogliosi di te!
          Un caro abbraccio


          #37071
          FURIOSO
          Partecipante

            Forse è come dici tu ma ho imparato che per niente non fa niente nessuno, e quando una persona e troppo gentile e mi fa tante domande presumo ci sia un secondo fine… Per quanto riguarda la casa ormai mia madre ha l’atto di proprietà… Abbiamo già pagato la casa e il notaio e i documenti sono tutti regolari… Lo so bene che i documenti che servono sono certificazione Energetica, visura catastale aggiornata, contratto di proprietà, planimetria, e di anche agibilità e certificazione di idoneità urbanistica…. Dimentico forse qualcosa? Io non credo ma la mia casa è stata costruita nel 1930… Come già detto il solo immobiliare in buono stato è completamente arredato mia madre la preso solo 7500… Altre domande…. credo mi avete sottovalutato…

            #37072
            Volontario
            Moderatore

              Caro Furioso,
              ma perché dici sottovalutato? Se ti abbiamo detto che siamo orgogliosi di te? 😇
              Siamo contenti che questo capitolo sia stato risolto o sia in via di risoluzione, visto che ci sembra di capire che entrerete in casa appena ci sarà l’acqua, ad aprile, giusto?
              Era una cosa che ti dava tanto cruccio, eppure vedi come in breve tempo sei riuscito a domare il drago.

              Se tu riuscissi a conservare questo atteggiamento per la ricerca di un lavoro, faresti bingo! Con un lavoro, anche se pagato poco, ma essendo ospitato dalla mamma, anche tu potresti in breve tempo risparmiare per comprarti una casa tutta tua.

              Quali sono i tuoi progetti per il 2024?
              Facci sapere!


              #37073
              FURIOSO
              Partecipante

                Io mi sono da sempre sentito sottovalutato da voi, anche se ho fatto i miei errori… Ormai la Sicilia mi ha stancato…. In questa terra non esiste la parola futuro… Esattamente come non esistono donne SERIE… Ma solo IMMONDIZIA…… Sono single e sto bene così… Peccato che sono eterosessuale altrimenti starei TUTTA LA VITA SENZA VOI DONNE… MI FATE SCHIFO……. Sono ci sono rimasto malissimo quando quella donna pakistana mi ha bloccato e odio voi donne più che MAI… 🤬🤬🤬🤬🤬🤮🤮🤮🤮… Umanità di merda meno male che esiste la morte…. Mi auguro soltanto di godermi il più allungo possibile mia madre l’unica GRANDE DONNA della mia vita….. Tutto il resto mi disgustate MATERIALISTE DI MERDA…. Qual’e il mio progetto del 2024? Credo sarà lasciare l’Italia… Paese di MERDA e di RACCOMANDATI….. Ormai è arrivato il momento di usare la forza…. Una volta che avrò finito del tutto di aiutare mia madre me ne vado e tolgo il disturbo da sto cesso di paese fallito…… Per il resto grazie per avermi ascoltato per tutti questi anni con grande pazienza… Anche se sono sicuro che il desiderio che sparissi dal forum è alto…. Una cosa ve la prometto se un giorno dovessi uscire dalla povertà a voi donne vi tratterò solo come OGGETTI SESSUALI… FINE….

                #37074
                Volontario
                Moderatore

                  Ciao Furioso, abbiamo poco da dire rispetto al messaggio che ci hai mandato, allora abbiamo pensato di condividerti un testo interessante che abbiamo trovato sul web, facci sapere cosa ne pensi! A presto!

                  “Maestro, come si fa a mandare via la paura?”
                  “Prima bisogna riconoscerla. La paura si traveste spesso da fastidio, da rigidità muscolare, da arroganza, da noncuranza, da odio. Sceglie maschere sempre nuove, si diverte a indossare abiti diversi e a prendersi gioco di noi. Il nostro compito è smascherarla, denudarla e guardarla negli occhi. E’ l’unica via per innamorarsi di lei”.
                  “Innamorarsi maestro?”
                  “La paura è come una dea che ama nascondersi, vuole essere conquistata, corteggiata, afferrata con decisione. Se fuggiamo da lei perdiamo l’occasione di vederla con i suoi abiti più eleganti e sontuosi. Indossati solo ed esclusivamente per noi.”
                  “Come si fa a vedere la paura in questo modo?”
                  “Ogni volta che senti un fastidio dentro di te, vuol dire che la paura è venuta a trovarti. Paura di fare, di cambiare, di essere te stesso fino in fondo. Visualizzala come una donna d’altri tempi, fuggita da chissà quale prigione per venire da te. Ha in mano un messaggio segreto che solo tu puoi decifrare. Porgile la mano, afferra la pergamena e leggi il codice. Che può capire solo il tuo cuore.”
                  “Non sono sicuro di riuscire a fare questo.”
                  “Perché non vuoi guardarti dentro. E preferisci scappare. La paura è un’alibi che stai raccontando a te stesso. E’ ora di essere coraggioso e di andare ad esplorare il luogo dei veri eroi: la tua interiorità.”


                  #37075
                  FURIOSO
                  Partecipante

                    Potevate risparmiaverla…….ormai la vita lo capita, niente soldi= niente sesso e niente tutto in generale…

                    #37076
                    FURIOSO
                    Partecipante

                      Chi dice il contrario è un ipocrita…ciao..

                      #37077
                      FURIOSO
                      Partecipante

                        Purtroppo se sono povero oltre al destino e anche colpa mia… Non ho mai capito che ero costretto a stare in Germania…. Altrimenti posso rimanere povero a vita…….. E io adesso sono sempre più nervoso della mia situazione….. Un uomo povero e una nullità completa….

                        #37078
                        Volontario
                        Moderatore

                          Caro Furioso,
                          Se ti senti nervoso, povero e addirittura una nullità completa, non sarà perché stai passando questi ultimi anni a tirare in lungo? A vivacchiare, in attesa dell’ineluttabile, ma sempre rimandato, momento dell’assunzione di responsabilità? Scartata qualsiasi ipotesi di formazione, quale risulta, da alcuni anni, la tua unica prospettiva? Un lavoro di lavapiatti in Germania.

                          E come la mettiamo col rigetto che hai dimostrato nei 4-5 viaggi che hai fatto finora in Germania, da cui sei rientrato nell’arco di giorni o ore? Facciamo finta che il tipo di lavoro, il dormitorio, la promiscuità, il prendere ordini, il clima, la lingua, non siano un ostacolo insormontabile e continuiamo a far finta che tu possa davvero stabilirsi a lavorare in Germania?

                          A ben vedere, sembrerebbe che continuare ad avere come unica “prospettiva” il lavoro in Germania, sia solo un nuovo modo per tirare in lungo…
                          La scelta è obbligata se una delle due è una cosa che non si può fare, che non si riesce a fare, che tutte le volte che si è provato a fare non si è riusciti. Sembra la ricetta perfetta per continuare senza cambiare.

                          E senza cambiamenti in te, il tuo malessere, la tua rabbia, la tua frustrazione, il tuo senso di impotenza, l’odio che provi nei confronti dell’universo, non ti lasceranno in pace.

                          Tu non sei una nullità. Ti sei dato il permesso di comportarti in modo autoindulgente e inconcludente, senza valori, senza scopi, senza intenzioni… Ma puoi smettere quando vuoi.
                          Tu sei un ragazzo che ha avuto tante difficoltà e che per ora non ha ancora saputo/potuto/voluto esprimere delle qualità positive che possiede, ma che costa fatica far emergere. La buona volontà, la determinazione nel perseguire obiettivi, la capacità di sacrificio, la voglia di riscatto, il senso di responsabilità, … ci sono, ma non sono mai state esercitate, quindi sono deboli e cedono facilmente a quelle che in te sono più allenate: la pigrizia, l’abitudinerietà, il senso di impotenza, la tendenza a non concludere… (tutte cose che alla fine si trasformano nella rabbia e frustrazione continua che sperimenti nel tuo clima interiore). ☹️ non ha fatto bene al tuo cuore e alla tua autostima vedere con quanta scioltezza sei arrivato all’acquisto della casa? Ogni situazione dovresti affrontarla con quello spirito costruttivo e determinato.

                          Non sai quanto ti farebbe bene andare incontro alla vita, piuttosto che prenderla di traverso. Basterebbe cominciare con un piccolo cambiamento, magari nel cercare di stabilire rapporti cordiali col nuovo vicinato, chissà… da cosa nasce cosa, ma prima bisogna cominciare! 😉


                          • Questa risposta è stata modificata 3 mesi, 1 settimana fa da Volontario.
                          #37080
                          FURIOSO
                          Partecipante

                            Molto veritiero il vostro post ma in Sicilia non è una strada percorribile tranne se sei come minimo diplomato… Meglio se laureato… Per la formazione i corsi sono a pagamento e non costano poco… E sinceramente quei 4 soldi che ho me li devo tenere stretti…. Per quanto riguarda la Germania se potessi non ci andrei mai ma purtroppo non credo di avere altre scelte…. Ieri a casa sono riuscito a fare mettere il contatore della luce nuovo… Ma purtroppo la luce ancora a casa non c’è e domani deve venire il tecnico… Onestamente non mi dà nessuna soddisfazione ad aver avuto ben poche difficoltà per la casa… Perché sono rimasto assolutamente insoddisfatto del posto e della casa perché è troppo piccola… E anche questo mi sta mettendo un certo nervosismo…… Non sopporto impegnarmi per qualcosa che non mi piace ma continuerò ad andare avanti…. Purtroppo al momento a causa di questi problemi non posso partire oltre che il 5 di aprile ho una sentenza contro i riguardi di quel soggetto che mia madre ha sposato una vita fa…. Spero almeno di vincere la causa e di ottenere qualcosa perché dalla ricerca catastale che ho fatto non risulta nulla tenente…. Non sarà facile ma non mi arrendo dopo tutto ormai è una vita che ci vado dietro e non mi sono mai arreso….. La Sicilia ormai mi sta veramente molto stretta e mi sento sempre più nervoso giorno dopo giorno…. Ma suppongo che prima di fine aprile non credo riuscirò ad andarmene… Per quanto riguarda i valori, sinceramente non contano nulla… Solo i soldi danno tutto il resto non conta…..di difficoltà io credo di averne avuto anche troppe… E mi reputo il risultato…. Non mi interessa che mi diciate che non sono una nullità… Per me qualsiasi uomo povero e una nullità assoluta….senza i soldi non conti nulla… Ne per le donne ne per nessuno…. E sei obbligato a fare tutto quello che non ti piace per andare avanti a vivacchiare….

                            #37081
                            Volontario
                            Moderatore

                              Caro Furioso, è così.
                              Sei nato povero, odii essere povero, ma non hai ancora fatto niente per modificare questa situazione.
                              In questi 10 anni avresti avuto il tempo di prendere 3 lauree, o almeno fare la patente, un corso di bagnino, un corso di pizzaiolo. Avresti potuto cominciare a lavorare a 18-20 anni, ora avresti anni di esperienza, un tuo reddito e tutto sarebbe diverso.
                              Ma “non fare”, è la tua zona di comfort. Cioè tu preferisci non fare nulla. Come se nel non fare nulla tu ricavassi una soddisfazione, una sorta di compensazione per le ingiustizie subite. Anche se ti rendi perfettamente conto che non fare nulla significa rimanere poveri e quindi tutto il tuo sistema di valori basato sui soldi va in crisi e ti senti una nullità. Ma questo sentirti una nullità e capire che dipende da te non essere più povero, non si trasforma nella decisione di fare qualcosa per cambiare questo stato di cose.

                              Sei in questo tipo di ruota del criceto: sono povero, non è giusto, mi lamento, non faccio niente, resto povero, non è giusto, mi lamento, non faccio niente, …
                              In alternativa abbiamo anche: sono povero, non è giusto, mi lamento, provo andare in Germania a lavorare, mi trovo malissimo, torno subito indietro sicuro che non ci tornerò mai più perché non fa per me, resto povero, dopo un anno ripenso ad andare in Germania, ci riprovo e torno subito indietro…

                              Furioso, non è in Germania che tu troverai il tuo destino e se interroghi te stesso ne troverai la conferma: non sei sopravvissuto più di pochi giorni in tanti tentativi, per troppe ragioni. Non è che fosse solo per il clima freddo e la lingua ostrogota – che basterebbe andare in Spagna.

                              Tu hai un problema nel lavorare alle dipendenze di qualcuno, nel condividere una stanza con altre persone, nel farti dire continuamente Fai così, fai cosà, non ti basta mai lo stipendio che ti offrono. Ci sono tante cose che tu dovresti mettere a posto in te stesso prima di pensare di poter lavorare (ovunque nel mondo) con qualche speranza di successo.

                              Dovresti migliorare la capacità di relazionarti con le persone, non prendere subito in antipatia le situazioni, non farti venire immediatamente la mosca al naso, smettere di sentirti offeso per ogni nonnulla.. Insomma senza “curare” prima gli aspetti relazionali, potresti realisticamente solo fare il camionista da solo chiuso nel camion. Cioè un lavoro dove tu non devi avere relazione con nessuno, in cui sei libero di organizzarti come vuoi (ma visto che non prendi la patente…).
                              Caro Furioso, come al solito noi non possiamo che farti da specchio guardando spassionatamente la realtà, cercare di darti elementi per riflettere e attendere con pazienza insieme a te il giorno in cui questo stato di cose, che perdura da così tanto tempo, prenderà un’altra direzione. 😊

                              Per poter pensare seriamente al lavoro, occorrerebbe saper stare con altra gente, a lungo, senza farsi venire il nervoso ed essendo in grado di relazionarsi normalmente, saper sorridere, sapere qual è il proprio posto. Non ti sembra ragionevole? Sei troppo disabituato alla socialità: hai smesso di andare a scuola a 16 anni, non hai amici, più che la mamma (e la nonna) non hai frequentazioni… per poter lavorare in mezzo agli altri, bisogna saper stare in mezzo agli altri, conoscere il proprio posto, non credersi chissà chi… e andare avanti piano piano. Queste sono cose che non puoi imparare in Germania devi saperle prima di andarci. Se no per forza che continui a tornare indietro buttando montagne di soldi dalla finestra per niente…

                              Che ci dici?


                              • Questa risposta è stata modificata 3 mesi fa da Volontario.
                              • Questa risposta è stata modificata 3 mesi fa da Volontario.
                              • Questa risposta è stata modificata 3 mesi fa da Volontario.
                              #37085
                              FURIOSO
                              Partecipante

                                Mi hai dato veramente MOLTO sui nervi… Mi meriti un grosso vaffanculo per non dire di peggio, odio molto le persone come te, ti senti bravo a giudicarmi vero eroe da strapazzo! Sei per caso nato povero? Io non credo? All’età mia avere le famose 3 lauree per come dici che avrei potuto avere io? Sei mai uscito dalla tua zona confort? Facile nascere a Milano…. Nella città più ricca d’Italia… Perché non ti trasferisci qui in Sicilia e poi vedremo che sai fare… E normale che mi dà MOLTO FASTIDIO lavorare alle dipendenze degli altri tanto meno in Germania… Parla poco ma molto poco… Che ha giudicarmi qua siete tutti bravi ma i miei panni non li avete mai indossati e ora vi saluto…..

                                #37086
                                Volontario
                                Moderatore

                                  Ciao Furioso, lo sapevamo che ti saresti arrabbiato, ma il nocciolo della questione è lì.

                                  Se l’unico sentimento che tu hai per gli altri è l’odio, hai un problema invalidante a 360°. Amici, famiglia, soldi, lavoro, tutto gira intorno alla socialità. Se tu escludi gli altri completamente dalla tua vita e non riesci ad aprirti a rapporti positivi, gli anni futuri saranno purtroppo per te una triste replica degli ultimi 10. Isolamento e odio per il mondo (che si nutrono a vicenda).

                                  Questo era il senso pungolatore del nostro precedente post: quello di ricordarti quel che sai già da te, che per lavorare non basta saper fare qualcosa, bisogna avere rapporti con altri esseri umani, bisogna saper ubbidire al padrone, saper dire “sì, come vuole lei, scusi, ho sbagliato, grazie”, e saper sorridere ai colleghi, fare comunella, cose a cui tu non sei abituato.

                                  Sbagliamo se diciamo che, al di fuori della tua famiglia, siamo noi gli unici con cui tu hai dei rapporti continuativi? E come ti comporti tu con noi? Ci mandi a f****** a raffica. Ma se noi volontari siamo qua a prescindere da quel che dici e da come ci tratti, lo stesso NON vale per un amico o un datore di lavoro (figuriamoci una ragazza). Ci vuole reciprocità nella relazione.

                                  Questo è il tipo di click a cui dovresti aspirare Furioso: quello di riuscire a stare in una relazione usando gentilezza e buone maniere, sapendo esprimere il tuo dissenso in modo simpatico e non insultando, imparando a vedere il buono in ogni persona e non solo quello che non ti piace, imparando l’arte del compromesso, provando la gioia di dare qualcosa agli altri e non soltanto aspettandoti di ricevere…

                                  Nessuna relazione (amicizia, posto di lavoro, famiglia…) è precisamente come ognuno di noi la vorrebbe, ma si impara a stare insieme agli altri lo stesso con soddisfazione. Questo è il passaggio di crescita: riuscire a gestire la tua emotività nei confronti degli altri, senza volerli ammazzare tutti in generale o appena non sono d’accordo con te.

                                  Ma imparare a comportarsi con gli altri, non si può fare stando da soli. Bisogna farlo con qualcun altro, per iniziare basterebbe un passante con cui ti potresti fermare a chiacchierare.

                                  Fare amicizia non costa un soldo, quindi non venire fuori con la menata, Eh ma io sono povero.
                                  Sei povero, ma non sei l’unico. Se osservi, vedrai che intorno a te ci sono tantissimi ragazzi nella tua stessa situazione economica, disoccupati, figli di disoccupati, ma pieni di amici e di interessi. Che non si possono permettere lo Spritz al bar, ma non si chiudono in casa da soli a disperarsi e a maledire l’universo. Se esci e fai un giro, li troverai seduti su un muretto a ridere e scherzare.

                                  Alla tua età non è difficile attaccare bottone, farsi degli amici e recuperare il tempo perduto.
                                  Ma bisogna volerlo.
                                  E per volerlo bisogna capire che ti conviene, che è importante per te.

                                  Riesci a vedere la tua convenienza ESISTENZIALE a uscire dalla tua attuale isola solitaria?
                                  Riesci a vedere che senza un minimo di capacità relazionali, tutto nella tua vita resta bloccato, lavoro, soldi, famiglia, amici?

                                  Pensaci. Davvero.


                                  • Questa risposta è stata modificata 2 mesi, 1 settimana fa da Volontario.
                                Stai visualizzando 15 post - dal 871 a 885 (di 888 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                                Scrivici su WhatsApp
                                Scan the code
                                Ciao!
                                Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                                Come possiamo aiutarti?