• Questo topic ha 78 risposte, 11 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 11 mesi fa da Volontario.
Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 79 totali)
  • Autore
    Post
  • #14387
    principe di maggio
    Partecipante

      grazie caro vadim…mi fa davvero piacere quest’osservazione :-) cerco di fare del mio meglio per scrivere consigli sensati, e spero che risultino utili alle persone che li leggono…

      #14388
      principe di maggio
      Partecipante

        Tralasciando i sabati sera di cui non me ne frega più nulla al momento, il problema di fondo cioè la mancanza di dialogo con i miei. Il problema attuale riguarda la macchina.
        Vi illustro la situazione fino allo scorso semestre. Io studio a genova, mia madre lavora a 15 km da casa, mio padre a milano. In famiglia mia mamma ha una macchina e mio padre un’altra. Al mio paesino (!!) non c’è la stazione, sia io che mio padre prendevamo il treno in un paese vicino, io x genova e lui x milano. Ovviamente orari diversissimi x cui la norma era che io mi alzavo prestissimo con lui, lo portavo in stazione poi tornavo a casa e se avevo lezione al pome tornavo a dormire e ci riuscivo…in tutto ciò mia mamma andava al lavoro con la sua macchina e io quindi usavo quella di mio padre. Al ritorno mi veniva a prendere lei e quindi mio padre si trovava la macchina in stazione; se ciò non era possibile (raramente, xk lavora solo al mattino essendo insegnante) tornavo con la macchina e poi riandavo a prendere mio padre. Uno sbatti, ma era necessario, si fa come si può.
        Ora le cose sono cambiate. Scaduto il contratto a milano di mio padre, ha trovato (x fortuna) un altro lavoro dove guadagna anche meglio, solo che è più lontano e si è dovuto trasferire là, torna qui nei we. La macchina se la porta via lui, e l’altra serve a mia mamma…per cui io sono senza ma finora c’era la pausa dalle lezioni quindi non c’era il problema dell’uni..
        Inizialmente si era parlato di farmi portare dai miei zii (mia zia lavora ma mio zio è pensionato) e a me già sembrava una stronzata….poi però mia mamma ha iniziato a parlare di prendermi una macchina usata, addirittura aveva anche detto che me l’avrebbero pagata loro e che io mi sarei pagato la benzina (d’accordissimo)e non mi sembrava vero….e infatti non se n’è più parlato e come se nulla fosse sono tornati a parlare dei miei zii, io sono già d’accordo con loro x farmi portare!!! Come al solito nessuno mi ha interpellato, nessuno mi ha informato dei cambi di programma ne tantomeno dei motivi!!! E io sono un inetto, l’inerzia pervade la mia esistenza, non ho nemmeno chiesto spiegazioni!!!! Non mi vengano a dire che abbiamo problemi economici, non più, mio padre lavora da due o tre anni, ora guadagna pure bene, mia madre fa due lavori, nell’ultimo anno abbiamo pure ereditato (purtroppo :(( ) una più che discreta somma dai miei nonni più due immobili. E un’UTILITARIA (il mio sogno sarebbe una panda, pensate che pretese ho!!) USATA ce la possiamo eccome permettere. Inoltre ci faciliterebbe tutti xk ora dobbiamo sempre fare i turni (e lo svantaggiato sono sempre io) e pure d’estate se io voglio andar via qualche giorno con la macchina non posso xk le macchine servono ai miei!!
        Tutto ciò calpesta la mia già inesistente libertà, vi pare che ora devo dipendere non solo dai miei genitori ma pure dai miei zii???? Ok che non hanno figli e lo fanno volentieri, ma non è cmq giusto, né nei loro confronti né nei miei.
        Voglio piangere dal nervoso e dalla frustrazione. E l’idiota più grande sono io perché sono incapace di esternare i miei pensieri e di esigere più libertà e considerazione.

        #14389
        Anonimo

          Ciao principe di maggio, visto la mia notata, ti rispondo ben volentieri, o almeno esprimero il mio parere a riguardo.
          Devo dire che i sacrifici gli hai fatti tante volte, andando e tornando con tuo padre, ma anche i tuoi fanno tanti sacrifici.
          Questo non giustifica pero questa loro indiferenza nei tuoi confronti, di non aggiornarti o almeno chiedere il tuo parere a riguardo, o almeno di decidere o meno se andare o no con i tuoi zii.
          Hai provato a chiedere del perche comprarti una macchina usata e passato in convento?
          Fagli presente che tu non devi dipendere dagli altri, ma che anche tu devi sentire libero, e che la macchina ti serve per andare all’universita, e che come promesso pagheresti tu la benzina.
          Cmq principe, sono d’accordo con te.

          #14390
          principe di maggio
          Partecipante

            no non gliel’ho chiesto, perché non ho voglia di discussioni e perché lo sapete come sono fatto.. So di sbagliare e infatti me la prendo pure con me stesso..cmq grazie :-)

            #14391
            Volontario
            Moderatore

              Ciao principe!
              Da quello che mi pare di capire il discorso macchina usata l’hanno tirato fuori i tuoi (tua mamma?), in quel caso ne avete parlato? Cioè anche tu hai detto la tua?
              Forse sarebbe meglio riprendere il discorso. Alla fine comprare una macchina è una bella spesa a prescindere da ciò che si guadagna (cioè non è come prendere un televisore che finisce lì, poi c’è l’assicurazione ecc ecc), quindi è una menata a livello sia di denaro che di tempo. Magari i tuoi hanno recepito che per te non era una cosa di grande importanza e hanno lasciato cadere la cosa, trovando la facile sistemazione con i tuoi zii.
              Sta a te ora fargli capire che invece no, la macchina ti sarebbe utilissima! Ne hanno parlato loro per primi quindi non vai sicuramente contro un muro, ma verso una porta semiaperta… Forza principe! :-)

              sorrisi!


              #14392
              principe di maggio
              Partecipante

                Ne ha parlato mia mamma e mio padre era presente ma non sembrava molto partecipe, infatti lei gli ha anche chiesto se non fosse dell’idea, ma lui non ha dato una risposta precisa…come sempre del resto, lui non prende quasi mai una posizione netta e spesso lascia decidere tutto a mia mamma.
                Che razza di ventenne non sarebbe entusiasta di avere una macchina sua??è logico che mi sarebbe utile e che io ne sarei felice…..poi scusate intendono sfruttare l’aiuto dei miei zii per tutti gli anni in cui faccio l’università??? Ma non se vergognano n pochetto??

                #14393
                Volontario
                Moderatore

                  Il papà è sempre poco partecipe alle discussioni o conversazioni varie?
                  E’ logico che a un ragazzo piacerebbe avere la macchina, anzi ti dirò di più, sfido chiunque a trovare qualcuno che rifiuterebbe un’auto in regalo :-) Però appunto forse si aspettavano più entusiasmo da parte tua?
                  Se come dici, i tuoi zii lo fanno con piacere, non hanno figli ecc, probabilmente sono stati proprio loro a proporsi con molto entusiasmo! Non credo cmq che tua mamma la pensi come una situazione che possa andare avanti per sempre, ma per ora…
                  Caro principe, l’indipendenza va rivendicata a gran voce, in generale e soprattutto con le mamme, che alla fine ci vorrebbero sempre un po’ bambini :-)

                  Mettendo da parte il discorso macchina e tornando alla non comunicazione con i tuoi, tu hai qualche idea al riguardo? Cioè perchè non riesci a parlare apertamente con loro delle tue necessità? Cosa ti blocca?
                  Ci avevi detto che non volevi discutere con loro, ma c’è qualcos’altro? Magari ci hai riflettuto o sono successe cose nuove…

                  un abbraccio e tanti sorrisi!! :-)


                  #14394
                  principe di maggio
                  Partecipante

                    In generale è poco partecipe alle discussioni, è più solitario. Solitamente preferisce accodarsi alle decisioni di mia mamma. Quando non è d’accordo con lei lo dice raramente in modo chiaro, è più facile che eluda il discorso o che prenda tempo nel senso che non oppone un rifiuto per non andare contro a mia madre, però si vede che non condivide molto la cosa. Non so se poi ne riparlano da soli, ma in generale la tendenza di mio padre di fronte a una cosa che non vuole fare è rimandare, forse nella speranza che il tempo cambi le cose. In questo mi ci riconosco molto.
                    Mia madre è l’opposto, le cose le vuole fare e decidere subito, e se una proposta non le piace manifesta subito il suo rifiuto. L’aspetto positivo (per lei) è che l’ha praticamente sempre vinta, ma è troppo impulsiva. Se da una parte mi dispiaccio di assomigliare a mio padre nell’inerzia, dall’altro non vorrei mai essere come mia madre, perché dubito che si stia bene cercando di tenere tutto sotto controllo e facendo di ogni pietruzza un castello. Anche per questo dico sempre che non voglio essere come loro, perché disapprovo entrambi i loro modi di fare, non vedo un modello in nessuno dei due.

                    #14395
                    avalon
                    Partecipante
                      Quote:
                      principe di maggio
                      In generale è poco partecipe alle discussioni, è più solitario. Solitamente preferisce accodarsi alle decisioni di mia mamma. Quando non è d’accordo con lei lo dice raramente in modo chiaro, è più facile che eluda il discorso o che prenda tempo nel senso che non oppone un rifiuto per non andare contro a mia madre, però si vede che non condivide molto la cosa. Non so se poi ne riparlano da soli, ma in generale la tendenza di mio padre di fronte a una cosa che non vuole fare è rimandare, forse nella speranza che il tempo cambi le cose. In questo mi ci riconosco molto.
                      Mia madre è l’opposto, le cose le vuole fare e decidere subito, e se una proposta non le piace manifesta subito il suo rifiuto. L’aspetto positivo (per lei) è che l’ha praticamente sempre vinta, ma è troppo impulsiva. Se da una parte mi dispiaccio di assomigliare a mio padre nell’inerzia, dall’altro non vorrei mai essere come mia madre, perché dubito che si stia bene cercando di tenere tutto sotto controllo e facendo di ogni pietruzza un castello. Anche per questo dico sempre che non voglio essere come loro, perché disapprovo entrambi i loro modi di fare, non vedo un modello in nessuno dei due.

                      buondì, parto dal presupposto che non conosco la liguria e la sua situazione stradale (15 km di rettilineo sono molto diversi da 15 km tutti a curve) ma per tamponare il problema del trasporto autonomo casa/stazione non puoi proporre (e magari contribuire in parte trovandoti un lavoro un paio di sere alla settimana) di uno scooter o simile?

                      un abbraccio

                      avalon
                      http://www.youtube.com/watch?v=T23S6m6mDR4

                      p.s.: il video di youtube non centra una mina ma oggi sono più nostalgico del solito :-)

                      focalizza il tuo obiettivo e non potrai che centrarlo

                      #14396
                      Volontario
                      Moderatore
                        Quote:
                        principe di maggio
                        Se da una parte mi dispiaccio di assomigliare a mio padre nell’inerzia, dall’altro non vorrei mai essere come mia madre, perché dubito che si stia bene cercando di tenere tutto sotto controllo e facendo di ogni pietruzza un castello. Anche per questo dico sempre che non voglio essere come loro, perché disapprovo entrambi i loro modi di fare, non vedo un modello in nessuno dei due.

                        Ciao Principe, i figli non sono come i genitori, soprattutto quando crescono e si delineano maggiormente le caratteristiche personali.
                        Tu stesso sai che sarebbe meglio trovare un dialogo, anche se fin’ora non è stato possibile. L’idea dello scooter non è male, potresti partire da quella, o chiedere se proprio devono essere coinvolti gli zii, se almeno possono prestarti l?auto al posto che accompagnarti loro…cosa dici?
                        :-D :-D :-D


                        #14397
                        principe di maggio
                        Partecipante

                          Non ho mai voluto uno scooter anche quando volevano comprarmelo perché non mi sento sicuro, non mi piace guidarli.. Sono un caso disperato, lo so, ma tenete conto che ho imparato ad andare in bicicletta a 11 anni laddove di solito a 5 tutti ci sanno andare.
                          E per quanto riguarda l’auto in prestito…bè sostanzialmente non cambia molto perché dovrei cmq riportargliela sempre e non potrei usarla a piacimento. Inoltre mi da fastidio guidare auto altrui xk finché faccio una cazzata con la mia il problema è mio o dei miei, ma se la macchina è di un altro avrei più ansia….e poi serve a mio zio la macchina, io in questo periodo esco di casa al mattino e torno per cena, perché ho lezione fino alle 18, non posso tenere la sua macchina tutto il giorno…..
                          Cmq il problema è più generale, non solo per l’uni. Ripeto, ad esempio, se questa estate voglio andare qualche giorno al mare con i miei amici non posso farlo con l’auto…ok ci sono i treni (come infatti si è fatto l’ultima estate) ma non sempre è comodo. Cioè non ci vuole un genio a capire che in una famiglia di 3 persone dove uno lavora via tutta la settimana, una lavora tutte le mattine e uno studia in un’altra regione, servono 3 macchine…..e infatti ci era arrivata mia mamma, ma mi chiedo perché poi si sia trattato di un buco nell’acqua.

                          #14398
                          Volontario
                          Moderatore

                            Cioè non ci vuole un genio a capire che in una famiglia di 3 persone dove uno lavora via tutta la settimana, una lavora tutte le mattine e uno studia in un’altra regione, servono 3 macchine…..e infatti ci era arrivata mia mamma, ma mi chiedo perché poi si sia trattato di un buco nell’acqua.

                            Ciao caro, ci hai detto più volte che non riesci a proporre e sostenere una discussione con i tuoi genitori, potresti provare limitandoti a porre una domanda, senza grandi discorsi…no?
                            Con altre persone riesci a comunicare diversamente?
                            Ciao :-D :-D


                            #14399
                            principe di maggio
                            Partecipante

                              Sì perché le altre persone non hanno alcun potere decisionale su di me quindi siamo in un rapporto di parità che non mi inibisce..

                              #14400
                              Volontario
                              Moderatore

                                Ciao Principe,
                                hai pensato di proporre a mantenere più della sola benzina, o di promettergli che restituirai i soldi dell’acquisto una volta che inizierai a lavorare? potrebbe fargli capire quanto conta per te, mostrarti determinato e far crollare anche le motivazioni economiche.

                                Un Sorriso ;-)
                                a presto!


                                #14401
                                principe di maggio
                                Partecipante

                                  come in un certo senso mi aspettavo, il discorso è venuto fuori da solo. Mia mamma ha detto eh se a papà avessero fatto un contratto più lungo che di un anno e due mesi…cioè, magari tra un anno non lavora più lontano, e a quel punto non serve la terza macchina..
                                  Io: sì ma se ogni anno gli rinnovano il contratto di un anno si va avanti all’infinito..
                                  Lei: no infatti prima o poi te la compriamo…senza farlo sapere prima alla zia perché non vuole, mi ha detto che è inutile spendere soldi per tre bolli e tre assicurazioni quando possono portarti loro…
                                  A quel punto avrei voluto strozzare la zia, ma fa tanto per me…è sempre disponibile a portarmi, quando il mio decoder non prende mediaset mi ospita da lei a vedere la tv, mi porta a vedere mostre e musei, mi da soldi, addirittura mi pagano le spese universitarie che non sono poche. Per tutto questo le sono molto grato, e anche a mio zio ovviamente, però questa cosa di convincere mia mamma era meglio se la evitava.
                                  Inoltre il 1 aprile mia zia vuole portarmi a vedere un’operetta (?!) e a cena. Premesso che l’opera non mi suscita particolare interesse, se non avessi niente da fare ci andrei pure, ma quella sera c’è la finale del grande fratello e io non me ne sono perso una puntata, no di certo voglio perdermi l’ultima, e l’opzione di farmelo registrare come dice lei è assurda, non è mica un film. Già non mi interessa l’opera, in più non me la godrei xk passerei la sera al cellulare x farmi aggiornare su ciò che succede. L’unico motivo x cui direi di sì è x non farli offendere e xk fanno molto x me, ma è stupido, non ha senso. Devo smetterla di vivere x far felici gli altri. Domani le devo dire la risp definitiva e sarà che non vado.

                                  In tutto ciò mia madre passa in secondo piano ma sono sempre più stufo di ricevere messaggi dove 6? cosa fate ancora in giro a quest’ora? anche quando sono semplicemente a casa di un’amica. Che poi sono orari ridicoli, perché voglio vedere quanti SEDICENNI sono a casa all’una e mezza di sabato. Io di anni ne ho 19. Non vedo l’ora di abitare x conto mio, anche in un monolocale di merda, ma per vivere sereno senza fiato sul collo.
                                  Perché non ho genitori al passo con i tempi? Sono veramente amareggiato, vorrei non fosse mai weekend perché o sto a casa e mi rompo (la soluz migliore) o esco e devo sempre essere il primo a voler tornare (e cmq ricevo sms che mi fanno cadere le balle) ….. Sto gettando via gli anni che dovrebbero essere più spensierati.

                                  …poi x carità, di giorno va tutto bene e mi dispiace di accanirmi così tanto, ma davvero non è normale che a 19 anni non possa passarmi una serata spensierato (a meno che non dormo da qualcuno, in tal caso non dovendo tornare a casa me me sbatto dell’orario)

                                Stai visualizzando 15 post - dal 31 a 45 (di 79 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                                Scrivici su WhatsApp
                                Scan the code
                                Ciao!
                                Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                                Come possiamo aiutarti?