NON SOPPORTO PIù MIA MADRE!!!!!!

  • Questo topic ha 2 risposte, 2 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 10 anni, 12 mesi fa da Volontario.
Stai visualizzando 3 post - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Post
  • #5853
    GreenApple
    Partecipante

    ne ho veramente fin sopra i capelli! in sto periodo i sentimenti che provo verso di lei si possono riassumere in una parola: odio. è da quando sono finito gli esami che mi tartassa sempre li a dirmi cosa devo e non devo fare come lo devo fare perché e quanto ci metto e se lo faccio non va mai bene e lo tira avanti per giorni. mi rompe fino alla’impossiile della sopportazione. ogni giorno mi mi rompe con la storia che la camera deve essere a posto. io non voglio farlo! pè l’unico spazio in casa di mio libero dominio che non condivido con nessun altro e voglio che stia come dico io. non sono ordinata e mai lo sarò! e non mi interessa diventarlo!!!!!! non so come lei ma evidentemente non lo vuole capire, anzi sono cambiata non sono più la bambinetta di prima ma forse nessuno se ne accorge!!!!
    le può trattarti da schifo quando vuole e tu non puoi dire nulla, non la puoi guardare male, devi dirle se capisce cosa stai pensando in quel preiso istante, non puoi lamentarerti quando se ne va, non puoi ‘sbatterti’ perché senno ‘ti riempie di mazzate lei’… qualsiasi cosa se non la fai diventa un ricatto intercambiabile con le mazzate non uscire di casa, le mazzate, non ti do più soldi (come se fossi sempre a spendere e spandere), le mazzate… non ne posso più!!!!!!!! non devi parlare in un certo tono, se stai zitto non va bene, deve sapere per forza che cosa ti passa x la mente in quell’istante, se non hai nulla e ei pensa che tu abbia qualcosa ti rompe l’anima finchè non t’inventi che si qualcosa c’è , ma non glielo vuoi dire e allora si arrabbia perché non glielo dici. mi ricordo che una volta addirittura avevo finito di piangere per delle cose che non volevo dirle e dopo la quarta volta che le ho detto che non avevo nulla ‘allora spetti di piangere, senno ti do due schiaffi così hai un motivi per piangere’.
    se esco deve sapere con chi vado , dove vado per quanto sto fuori se non conosce la gente con cui sono le devo dire per forza i nomi,deve sapere anche in che locale sono e in quanti vado, che cosa faccio, delle volte insiste pure per sapere di cosa abbiamo parlato!!!! cioè fino allora sfinito al punto che mi altero perché non ne posso più e alla fine ho torto io perché le devo rispondere con un tono adeguato a tutto ciò che mi chiede. per questo appena finiti gli studi sto a casa il meno possibile torno tardi oaddirittura dormo fuori dalla amiche perché nel momento in cui metto piede in casa c’è sempre lei che mi fa saltarre i nervi!!!!!! e non potendo in alcun modo ribellarmi appena se ne va chiudo la porta della camera e urlo in silenzio. sento un odio profondo che mi acceca mi viene voglio di predere e lanciare tutti di urlare di piacchiare qualsiasi cosa mi capiti a tiro, ma non potendolo fare mi limito a picchiare me stessa il più forte che posso per sfogare la rabbia che ho dentro do i pugni al cuscino lo mordo, gli urlo dentro. non mi ricosco io non sono così ma ogni volta che viene li ha farmi la paternale a minacciarmi con ricatti scatta una molla che mi farebbe fre qualsiasi cosa. dopo un pò ho bisogno di respirare perché mi manca l’aria come se avesse tratenutto il repiro per troppo tempoe respiro affannosamente, mi distendo sul letto e incomincio a piangere finche non mi calmo o mi addormento. poco fa è successo la stessa cosa stavo dormendo è venuta li e mi ha detto che il bagno non era pulito (l’avevo fatto prima) che quello non lo fatto, che la camera è da mettere a posto, che devo svuotare lo zaino, che quello è da pulire, e perché stavo dormendo io le ho detto che dormivo perchè ero in vacanza e mi fa anche nche sta mattina mi sono svegliata tardi e non ho fatto nulla e pure ieri e le ho detto che dormo così tanto perché evidentemente ne sento il bisogno! e poi mi fa cosa intendo io per vacanza e come penso di viverla quest’estate e se ho intenzione di passare il tempo a dormire.. io mi stavo innnervosendo e gli ho detto che non lo sapevo e mi sono iniziata a grattare fortemente le gambe perché sentivo già che mi stava salendo la rabbia. mi dice perché mi gratto e le rispondo che sono morsi di zanzara poi mi chiede cos’ho e le dico nulla e allora per cinque sei volte va avanti coosì ha chiedermi di dirle co’ho perché mi comporto in modo strano (secondo lei ovviamente) e io ha dirle niente ha fine come al solito le dico che non ho voglia di parlare ma continua e le dice scocciata che non voglio parlare con lei, si arrabbia e dice che non devo avere quel tono strafottente con lei e continua con il fatto che non faccio nulla in casa allora io le dico se mi fa una lista ogni giorno di cose da fare e io me le faccio quando e come dico io nella giornata così ogni volta non deve venire a rompermi. glielo dico per tre ma ha lei non va bene li devo fare di mattina non devo dormire, per due ore tutti i giorni e il pomeriggio faccio ciò che mi pare, ma per me non ha senso visto che ho degli impegni anche la mattina e magari mi voglio prendere il sole in piscina. continuiamo a discurtere alla fine se ne va con a cosa che devo mettere assolumente a postola camera e che quando ritorna fa l’ispezione…mi fa veramente ridere ho 19 anni solamente quando le fa comodo a lei.. in base alla situazione del momento. se ne esce dalla camera e e come al solito mi viene l’attacco d’ira mi sforìzo così tanto ad urlare senza far rumore che mi pulsano le tempie, mi picchio, sbatto ilcuscino non ne posso veramente più ovviamente dopo un pò smetto eprché so benissimo che la vedetta lomrbarda deve venire a controllare che cosa sto facendo. vedendomi con le lacrime per l’ennesima volta mi chiede che cos’ho e io non ne posso più e grido che non ho nulla e mi dice che non è vero perché sto piangendo e pensa che ieri sera qualcuno mi abbia fatto qualcosa io continuarle che non si deve preoccupare che non è successo nulla di preoccupante ma che non ne voglio parlare con lei. vorrei tanto dirle quello che provo di lasciarmi in pace di non fare, il falco appollaiato sulla spallla per vedere e ridire tutto ciò che faccio o non faccio, che la deve smettere di rompera l’anima fina all’esaurimento nervoso!!!!! ma non ci riesco esce dalla camera è incomincio di nuovo a piangere penso che mi sia venuta un crisi di pianto perché non riuscivo a smettere ma non sapevo perché lo stavo facendo, poi mi sono venute in mente le cose brutte successe in questi giorni, alla mia vita in generale,a tutte le cose che non mi vanno bene, alle situazioni che non tollero più e le cose brutte che mi sono capitate. ho iniziato a piangere ancora di più le lacrime uscivano a fiotti sentivo proprio il groppo in cgola che non mi fceva ingoiare la saliva o respirare infatti ad un certo punto ho cercato di fermarmi perché mi mancava davvero l’aria.

    era da un pò che volevo scrivervi di questa cosa, scusate lo sfogo.

    #13388
    Volontario
    Moderatore

    greenapple ciao…. :-)
    hai fatto bene a sfogarti!
    quando ci vuole …ci vuole!;-)
    penso che tu sappia già quanto possono essere complicati i rapporti fra mamma e figlia. è normale alla vostra età ( ma anche da adulti!)
    perchè non ci parli un po’ più di lei, di tua mamma?
    :-)


    #13389
    Volontario
    Moderatore

    E’ una situazione senz’altro stressante, per te e per tua madre [xx(]
    Come trovare un equilibrio per una convivenza serena penso sia cosa ardua, ma non impossibile e ho fiducia :-)
    Hai parlato di odio , un sentimento forte che non si riserva a chi ci è indifferente, ma piuttosto a chi si ama profondamente. Se sei d’accordo su questo, nei momenti di stizza, anche estrema, conta fino a 3 e prova a pensaci, la rabbia dovrebbe smorzarsi un po’ ;-)

    Ritengo che entrambe vi amiate profondamente. Sono i modi e gli atteggiamenti che non aiutano a comunicare questo sentimento. Tua mamma pensa di fare il tuo bene quando ti passa i suoi convincimenti e giustamente tu dici che ben possono non essere i tuoi ! Però vivete sotto lo stesso tetto e su alcune cose, magari meno importanti, potreste trovare un giusto compromesso. Nei momenti di calma, non riesci a parlarle pacatamente di questo tuo disagio, che ti causa troppa sofferenza?

    Lei lavora o è casalinga? Ha interessi particolari? Legge libri?
    E’ importante capire che tipo di persona è per cercare di trovare insieme, come dicevo prima, un equilibrio per una convivenza serena.

    Cara GreenApple, aspettiamo che ci dici e ci ragioniamo ancora…senza perdere mai la fiducia!


Stai visualizzando 3 post - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
Scrivici su WhatsApp
Scan the code
Ciao!
Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
Come possiamo aiutarti?