• Questo topic ha 7 risposte, 5 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 8 mesi fa da Volontario.
Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Post
  • #5205
    dany
    Partecipante

      Ciao, mi chiamo daniele e ho 19 anni e ho finito il liceo quest’anno. Non sapendo cosa fare all’università mi sono preso un anno di pausa in cui prendere la patente e andare agli open-day delle facoltà che mi interessano, cose che non ho fatto quest’anno. Mia mamma è rimasta sorpresa ma il vero problema è mia sorella. Lei ha quasi 12 anni ed è gelosa del fatto che non vado a scuola e me lo rinfaccia scherzando ma poi dice seriamente. Adesso siccome sono libero ho il sospetto che faccia apposta a non capire i compiti x essere aiutata sempre, x qualsiasi cosa. In realtà non ha molta voglia di studiare e spesso mi obbliga ad aiutarla sfruttando il fatto che si mette a piangere. Mia mamma lavora tutto il giorno e quindi quando arriva a casa non presta molta attenzione alla scuola, mio papà è disoccupato e spesso beve e minaccia di litigare con i vicini di casa che secondo lui sono tutti contro di lui. E’ molto paranoico e ci tratta male.
      Penso che mia sorella risenti di questa situazione anche a scuola ma io non capisco cosa posso fare x lei. Mi sento incapace e cambio idea e umore ogni istante e spesso mia sorella ne risente. Certe volte vorrei litigare con lei, spiegarle che non ha sempre ragione lei ma poi penso che è triste x questa situazione e limito queste cose a quando non ne posso più. Cosa posso fare?

      #16822
      Volontario
      Moderatore

        Ciao Dany! Per prima cosa benvenuto nel nostro Forum!
        E’ bello che tu abbia potuto scegliere di fare un anno sabbatico nel quale però ti sei prefisso delle cose importanti da portare avanti.
        Sappi che è una fortuna ;) e ti auguro che sia proficuo soprattutto per la tua scelta circa l’università.

        Certo che se la mamma lavora tutto il giorno e il papà è poco presente, è comprensibile l’atteggiamento della sorellina appena dodicenne. Frequenta la seconda media? Per te non dovrebbe essere troppo pesante darle una mano. Al di là del fatto che saprebbe cavarsela da sola nei compiti, il tuo interessamento l’aiuterebbe a sentirsi meno sola perchè il suo fratellone per lei c’è sempre, anche se qualche volta anche lui non sa cosa fare. Che ne dici? sei d’accordo?.

        Insieme, ragionando vedrai che troveremo una risposta alla tua domanda.
        Sorrisi :-) :-)


        #16832
        dany
        Partecipante

          Sì, ha appena iniziato la seconda media. Diciamo che la cosa che mi fa di più preoccupare è il fatto che possa passare degli anni infelici come sono stati i miei alla sua età. Riguardo la scuola vorrei essere più deciso a darle una mano cercando di aiutarla concretamente ed avere un appoggio che io non ho avuto in quanto fratello più grande. Sai però a volte mi svaluta cioè esempio pratico: ieri mi ha chiesto una domanda di storia io ho provato a darle una risposta ma non le è piaciuta, insomma mi chiede le cose ma poi non si fida di me. E’ questo bene o male riguardo anche ad altre cose, quando ha un problema lo tiene per se e non mi reputa in grado di darle una mano.

          #16834
          Volontario
          Moderatore

            Ciao Dany! In questi giorni di settembre tu cosa fai? Hai già iniziato a studiare per la patente? Pensi anche di cercarti un lavoretto per quest’anno o preferisci riposarti?

            Mi sembra che tua sorella, in questo momento, ti stia un po’ usando come jukebox: a domanda, risposta. E pure esatta, così fa bene i compiti. Prova magari, quando ti fa delle domande, a fargli trovare a lei la risposta, indirizzandola sul libro o in qualche altro modo. L’aiuto migliore che le puoi dare è farle prendere confidenza con i libri per poter studiare da sola :-) Anche tu l’hai fatto se ho ben capito giusto? (studiare da solo)

            Della situazione in famiglia, invece, ne parlate qualche volta?

            Hai già qualche vaga idea sull’università che vorresti fare?

            a presto e tanti sorrisi! :-)


            #16868
            dany
            Partecipante

              Per il momento non sto facendo nulla. La patente penso di iniziarla verso gennaio, non posso farla prima visto che comunque costa un po’. Riguardo mia sorella, la cosa più difficile è che non ho un carattere molto forte e spesso sentendomi un po’ triste per cose mie non ho voglia di stare dietro a lei nei compiti. Poi diciamo che anche lei non è che sia molto entusiasta di farli come penso sia normale alla sua età. Solo che vedo che non ha qualcosa appunto che la entusiasta magari anche fuori da scuola, non so leggere, disegnare, uscire con le amiche di scuola. Ogni tanto viene una sua amica che è anche vicina di casa e dice di non volerla vedere. Non so, ho paura che si rinchiuda in sé stessa e non è proprio il massimo considerando che è ancora piccola.
              La situazione in famiglia è arrivata al limite: una decina di giorni fa c’è stata una discussione abbastanza seria che ci ha coinvolto tutti. Mia mamma ha deciso di separarsi, io l’appoggio perché in casa non c’è un clima di serenità ed è quasi una decina di anni che va così. Poi è bruttissimo vedere la propria madre che si fa il mazzo tutto il giorno (mio padre è disoccupato) al lavoro che viene insultata per ogni piccola cosa. Capisco che per mio padre non deve essere facile trovare lavoro visto che ha 50 anni ma questo non gli dà diritto di prendersela con noi che non c’entriamo niente. Che poi il problema non è solo quello: è proprio il suo modo di vivere e pensare, pensa che tutti ce l’abbiano con lui, è paranoico, spia i vicini di casa, ci dice di tenere la voce bassa perché secondo lui ci possono sentire e altre cose.
              Per l’università quest’anno ho pensato di fare fra le tutte giurisprudenza o psicologia ma come ho detto non mi convincono. :-)

              #16871
              Volontario
              Moderatore

                Ciao Dany :-)
                Come ti ha detto un altro volontario, più che aiutare tua sorella a fare i compiti potrebbe essere utile aiutarla a trovare un metodo di studio per renderla un pò alla volta autonoma. Sarebbe anche per te un modo per essere più indipendente, è lodevole il tuo impegno con lei, ma come farai quando anche tu dovrai studiare?
                A lei non piacerebbe un’attività fuori casa che possa farle conoscere qualche coetanea, uno sport ad esempio, o l’oratorio? Se le andasse, potresti accompagnarla le prime volte, per prendere sicurezza, e poi se le piace, troverebbe qualche amica.
                La situazione tra i tuoi genitori è difficile, e vi coinvolge. E’ importante però non farsi troppo condizionare. Se hanno deciso di separarsi forse troverete un pò di stabilità. Il tuo papà non ha provato a cercare qualche lavoretto anche saltuario?
                Un abbraccio :-)


                #16875
                dany
                Partecipante

                  Sì, mio papà ha lavorato solo ad agosto poi per il resto niente, anche ora è a casa. Proverò con mia sorella a fare come dite voi x i compiti, è una cosa che mi solleverebbe un po’. X il resto ho provato già diverse volte a chiederle se voleva andare da qualche parte come l’oratorio ma non vuole. Solo ogni tanto esce con le sue compagne in bici x il paese a prendere un gelato ma poche volte. Grazie :)

                  #16878
                  Volontario
                  Moderatore

                    Ciao Dany,
                    poiché mi sembri un ragazzo sensibile mi permetto di fare qualche considerazione circa tuo padre.
                    Capisco tua madre che, dopo essersi fatta il mazzo tutto il giorno, si sente anche insultare, e capisco te che la appoggi.
                    Però devi pensare anche a come si sente tuo padre. All’uomo è stato assegnato storicamente il compito di mantenere la famiglia. Nel tempo ha dovuto accettare che anche la moglie, per necessità della famiglia o per necessità sue, lavori. Quando però la situazione si capovolge è molto grave per lui. Solo un menefreghista non avverte il disagio. La maggior parte di sente schiacciato dalla sfortuna e dalla moglie, che poverina non c’entra nulla, anzi per fortuna lavora lei.
                    Parò la maggior parte degli uomini vanno in crisi e su chi si sfogano? con chi c’è in casa e in particolare con la moglie, più fortunata.
                    L’offesa è una spece di rivalsa, non c’entra nulla con la stima che hanno nei confronti della moglie.
                    Se tua mamma si separa, lui che fine fa? Ha una casa dove andare? Ha qualcuno che lo possa aiutare anche economicamente in caso di urgente bisogno?

                    Non è meglio unirvi tutti e quattro stretti stretti e aiutarvi l’un l’altro? Forse troverebbe anche più facilmente lavoro. Se si presenta in un posto con già il pensiero che anche questa volta gli andrà male, la probabilità che quel lavoro gli venga aqffidato diminuisce notevolmente.
                    E’ come andare a un esame pensando che non lo passerai.

                    Caro Dany, non desidero portare sulle tue spalle i problrmi dell’intera famiglia, sei tanto giovane anche tu, ma ogni tanto uno sforzo per fare andare meglio le cose fra i propri genitori, è abbondantemente ripagato da una situazione più serena per tutti.

                    Non so se il vostro caso è simile a quello da me descritto, se così fosse tienine conto.

                    Un caro saluto e Sorrisi.
                    :-) :-) :-)


                  Stai visualizzando 8 post - dal 1 a 8 (di 8 totali)
                  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                  Scrivici su WhatsApp
                  Scan the code
                  Ciao!
                  Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                  Come possiamo aiutarti?