Qualcosa di ricorrente.

  • Questo topic ha 10 risposte, 3 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 10 anni, 6 mesi fa da Sunshine.
Stai visualizzando 11 post - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Autore
    Post
  • #4962
    Little fox
    Partecipante

    Allora, per prima cosa mi presento.
    Sono Chiara e ho 14 anni, spero di non aver infranto il regolamento non avendo scritto nella sezione delle presentazioni, ma volevo fare le cose un po’ in fretta.
    E’ dalle elementari che ho questo problema. Forse era colpa del maestro molto severo o della classe che spesso mi lasciava in disparte, ma avevo dolori di stomaco molto forti, senza rendermi conto che erano psicosomatici.
    Alle medie mi è successa la stessa cosa ma in misura minore, per colpa dell’ansia, ma è filato tutto liscio, e sono uscita dalla scuola con un 1O negli esami, appena qualche settimana dopo una lunga assenza di un mese.
    Ora sono al primo anno di liceo.
    Non mi trovo bene nella classe, anche se per fortuna non sono stata etichettata come s****ta.
    Ho fatto ancora un mese di assenza prima delle vacanze di Natale, poi sono andata due giorni e sono iniziate le vacanze, in cui tutto sommato sono stata bene.
    Durante quel mese spesso parlavo con mia madre del problema, perché non poteva ignorarlo.
    Fatto sta che un giorno mi ha detto che stavo cadendo in depressione.
    Adesso sono a casa da scuola, di nuovo.

    Ho riletto le righe del mio diario, in cui dicevo che dopo le vacanze di Natale sarebbe finito tutto e avrei ricominciato tranquillamente.
    Sarebbe stato facile. Come al solito mi sono illusa, e la pigrizia e la tristezza mi hanno riportata qui, a casa mia.
    Sono a casa.
    Di nuovo.
    Mia mamma ha detto che potrei anche sistemare le cose con una scuola privata, ma la verità è che io non vorrei più studiare, vorrei solo chiudermi in questa stanza per il resto dei miei giorni, lontana da tutto e da tutti.
    Diciamo che sto perdendo le speranze, e mi sento anche un po’ stupida, per una cosa del genere.
    E pensare che ero così spensierata, prima.
    Vorrei che tutto fosse solo un sogno, e ritrovarmi ancora al primo giorno di liceo.
    Non sopporto più questa situazione e non so assolutamente come uscirne.
    Non voglio medici nè psicologi, non voglio mia madre, non voglio i miei amici e non voglio mio padre.
    Voglio silenzio.
    Voglio restare da sola, ferma, o tornare indietro a quando ero forte.
    Adesso non lo sono più, non può essere.
    Mia mamma mi diceva che ero forte e matura, ma io vedo solo una ragazza debole, stanca, egoista e ingenua.
    Non ce la faccio più, non riesco a reggere.
    Ed è proprio lei, mia mamma, che con una frase riesce ad ammazzarmi, o con un altra a rimettermi in piedi per qualche minuto.
    Oscilla.
    Non credo che abbia capito esattamente quello che sto passando, visto che mi manda dal dottore.
    Non voglio uscire.
    Non voglio vedere nessuno.
    Dico ancora una volta che spero di rileggere queste righe e pensare che ormai è tutto passato, ma questa è solo una frase buttata lì, non ci conto veramente.
    Ho paura.
    Ho tanta paura.
    E che faccio? Scrivo, la ignoro quando mi dice di studiare epica, tanto non serve.
    Non mi serve.
    Mia mamma diceva che in questa famiglia ci sono donne forti, dal suo ramo sono tutte forti, è vero.
    Mia nonna ha affrontato un intervento e il suo fallimento con una grinta pazzesca, e ora è nuova come prima, ancora più forte.
    Mia mamma ha affrontato la separazione a testa alta, e ora ha un nuovo compagno.
    E io?
    Non riesco ad uscire da un dolore psicologico, bloccata davanti a uno schermo a scrivere, a piangere, a pensare e ad avere paura senza riuscire a fare nulla.
    Quando mi ha detto che ero caduta in depressione mi ha levato un peso di dosso.
    Ma non sono convinta che ora funzioni di nuovo, perché ormai credo di esserne consapevole, più o meno.
    Voglio stare da sola.
    Non voglio parlarne con gli altri a voce, per questo scrivo, con un briciolo di speranza che ci sia qualcuno che abbia vissuto la mia stessa esperienza e mi sappia aiutare…
    Non riesco a riagganciare il buon umore, per quanto mi ritorni qualche volta, non posso fingere di stare veramente bene.
    Non riesco neanche a dire che un giorno tutto cambierà, come facevo agli inizi.
    Fra qualche minuto devo andare dal dottore, ma non servirà, perché è un dolore psicologico, e non riesco a farlo capire bene a mia madre.

    #15120
    Volontario
    Moderatore

    Ciao Little Fox! Per prima cosa benvenuta :-) e complimenti per il nik davvero carino!

    C’è molta sofferenza e disperazione nelle tue parole, però davvero di fatica a scorgere quello che c’è dietro…che ne dici se ci racconti un po’ meglio di te? Intanto ti facci qualche domanda :-)
    Alle medie sei uscita con 10, ti piace studiare? O in generale la scuola?
    Adesso sei di nuovo a casa da scuola, come mai? Per questo mal di stomaco che senti? E quando sei stata un mese a casa prima di natale?
    Hai fratelli/sorelle? Come ti trovi in famiglia in generale? ci hai detto che tua mamma spesso dice cose che o ti feriscono o ti fanno un gran bene, com’è il rapporto tra di voi in generale?
    Con il papà?
    Dimenticavo: come mai non ti trovi bene in classe?

    Scusa l’interrogatorio, ma ci serve sapere un po’ di cose prima di poterti dare una mano seria :-)
    Cmq Fox, ricordati che alla fine c’è sempre uno spiraglio di luce ;)

    tanti sorrisi :-)


    #15121
    Little fox
    Partecipante

    Oh, grazie mille della risposta.
    Haha, e anche del complimento sul nick (:
    In effetti ero un po’ fuori di me quando ho scritto, e so che si è capito poco .-.
    Studiare alle medie mi dava moltissime soddisfazioni, in genere, ma al liceo… come dire, non ho trovato un obiettivo, nulla che mi spinga a dare il meglio di me.
    Sì, sono a casa da scuola per questo mal di pancia e diarrea, ma non sono convinta che sia un’infezione intestinale. Penso che sia un dolore riferito all’ansia… o alla pressione.
    Sono una che fa molta fatica ad abituarsi ai cambiamenti, per questo credo che sia colpa del cambio di scuola, classe, ambiente, che sto male.
    No, sono figlia unica.
    I miei genitori si sono separati in prima media, e mia mamma poco dopo mi ha presentato il suo nuovo compagno, ma oramai quel problema è passato, non ci soffro più molto.
    Mio papà è sempre stato un pochino il mio eroe, un esempio.
    Ho sentito mia madre parlare abbastanza male di lui, ma non ho perso la mia opinione, lo adoro.
    Direi che non è proprio una mia amica, ma siamo molto vicine.
    Tengo spesso dentro di me le cose, ma la prima persona con cui scoppio è lei.
    Mah, per quanto riguarda la classe, la mia è piena di ragazze che pensano solo a mettersi in mostra, alla popolarità… le cosiddette oche e non ho le loro stesse opinioni o interessi.
    I ragazzi sono abbastanza strafottenti.
    Grazie ancora (:

    #15122
    Volontario
    Moderatore

    Capisco, dal dottore sei già stata, che cosa ha detto?
    Per lo stesso problema sei stata a casa prima di Natale? O era qualcos altro?

    Passanso alla scuola…com’era la tua classe delle medie? Trovavi più interessi in comune con gli altri ragazzi? Non c’è proprio nessuno nella tua nuova classe che non sia oca o strafottente?
    Che liceo stai facendo a proposito? L’hai scelto tu?

    Mi sembra proprio che con entrambi i tuoi tu abbia un bel rapporto :-) non è così facile sai? Papà lo vedi spesso? Il compagno di tua mamma com’è?

    Hai qualche hobby, pratichi sport? :-)

    a presto!!!
    :-)


    #15123
    Little fox
    Partecipante

    Non sono andata dal dottore, perché ho parlato a mia madre e finalmente le ho detto che era un dolore psicologico, che me lo sentivo.
    Quindi abbiamo chiamato il dottore e annullato, decidendo di rivolgerci allo psicologo della mia scuola, un liceo scientifico.
    Sì, l’ho scelto io, perché in famiglia siamo tutti abbastanza bravi nelle materie come matematica e fisica.
    Papà lo vedo un week end sì e uno no.
    Il compagno di mia mamma, nonostante sia una persona d’oro, lo considero sempre come un’estraneo, a partire dal fatto che mi tratta praticamente con i guanti, il che secondo me ci allontana ancora di più.
    Ho fatto parecchi sport, come pallavolo, e quest’anno stiamo ancora cercando qualcosa da fare perché c’erano troppe gli anni scorsi, e con gli esami non riuscivo a stare dietro anche allo sport.

    #15124
    Volontario
    Moderatore

    la decisione di andare dallo psicologo della scuola mi sembra molto positiva per due motivi: perchè dimostra una bella intesa fra te e la mamma e perchè avrai modo di consultarti con una persona qualificata che penso proprio ti possa essere d’aiuto. Tienici aggiornati!
    :-) :-) :-)


    #15125
    Little fox
    Partecipante

    OK, grazie mille della piccola chiacchierata (:

    #15126
    Volontario
    Moderatore

    Ciao Little fox, come stai? Ti senti meglio in questi giorni? Sei tornata a scuola?
    Leggendo i tuoi messaggi mi sembra di capire che avevi un bel rapporto con i compagni di classe delle medie, sei ancora in contatto con loro? E con i tuoi nuovi compagni ci sono sviluppi? Non c’è nessuno da salvare?

    Speriamo tanto di sentirti meglio :-)


    #15127
    Little fox
    Partecipante

    Adesso sto un po’ meglio. :-)
    Mi sono andata a tagliare i capelli e ho più voglia di tornare a scuola.
    Con lo psicologo ci sto parlando tramite email, e da un po’ siamo arrivati diciamo al punto cruciale del problema, ne stiamo ancora discutendo.
    Ho un bel rapporto con quasi tutti i miei vecchi compagni delle medie, ma al liceo su una classe di ventisette sto bene solo con… tre o quattro.

    #15128
    Volontario
    Moderatore

    Cara little fox,

    al liceo tre o quattro….non sono pochi sai? soprattutto in una classe dove prevalgono oche o strafottenti.

    Al liceo frequentemente è così, ne trovi diversi anche su questo forum. Negli ultimi anni, con ragazzi/e più adulti, solitamente la situazione migliora, a meno che le attuali oche diventino miss, e i ragazzi da strafottenti, opportunisti o peggio.
    Non vale proprio la pena di prendertela per loro.
    Ignorali.

    Con i tre o quattro con cui ti trovi bene, Organizza qualcosa insieme e, quando è il caso, chiedi se puoi aggiungere qualche amico/a delle medie. Vedrai che si formerà una ottima compagnia.

    Complimenti per i capelli tagliati. Da come lo dici ti piaci di più. Bene!

    Tanti Sorrisi. :-) :-) :-)


    #15129
    Sunshine
    Partecipante

    Ciao Little Fox,
    gli psicologi che usano le mail?!!….wowww, finalmente anche loro hanno imparato ad usare internet all’alba del 2012!!
    Sembra una cosa positiva, ti sta aiutando?
    Come va il tuo mal di stomaco?…..sembra che tu stia meglio ultimamente, in effetti molto spesso accade che il nostro corpo si ribelli quando lo stress psicologico ci affligge….
    News?….ciao cara :-)

Stai visualizzando 11 post - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
Scrivici su WhatsApp
Scan the code
Ciao!
Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
Come possiamo aiutarti?