• Questo topic ha 18 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 5 mesi fa da Volontario.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 19 totali)
  • Autore
    Post
  • #5781
    Melody
    Partecipante

      Un saluto a tutti!
      Non ho problemi a rivelare la mia identità, in generale.. anche perchè ciò che mi accade diventa spesso di dominio pubblico.
      Ma preferirei essere chiamata con il mio Nickname, e divagare, finchè posso, su dettagli strettamente personali.
      Non so come mi sia balenata in mente l’idea di scrivere su questo forum. E’ solo che ricevendo pareri da conoscenti che forse vogliono il meglio per me, o non so.. esprimendosi su ciò che è meglio per loro in generale, le mie idee si sono confuse.
      Quindi ho ricordato di aver visto una pagina della mia Smemo che citava questo forum, ed indicava il numero di telefono a cui potersi rivolgere.
      Ho pensato che sicuramente potesse servire a qualcosa.
      Indicativamente credo di essere una persona come tutte le altre. Abbiamo tutti noi dei problemi, e crediamo che siano i più grandi del mondo.. ma forse è una cosa che non cambierà mai, per nessuno. I problemi vorrei affrontarli, ma ultimamente non mi riesce molto bene. Anzi.
      Sto solamente facendo peggiorare le cose.
      Non so se sia il topic giusto per scriverlo.. in tal caso scusate.
      E’ che.. come ho già detto credo di essere una persona piuttosto normale. A volte mi ritengo anche molto fortunata, perchè ho persone intorno a me che mi dimostrano sempre di volermi bene, anche se molte volte non me ne rendo conto.
      E’ un periodo in generale un po’ confuso.
      Il mio ragazzo mi ha lasciata chiedendomi una pausa.. cosa che non c’è mai stata perchè abbiamo sempre continuato a sentirci. Come se nulla fosse cambiato.
      Senza contare però il fatto che lui sia uscito con diverse ragazze, intanto.
      E’ già di per sè una cosa piuttosto.. “confusionaria”. Ma ho provato in tutti i modi a sminuirla, e a vivere questa cosa come un’avventura momentanea. Come un qualcosa che sarebbe passato, prima o poi. Ma è trascorso già un mese, e mi logoro ancora di più.
      Dice di amarmi, di essere felice con me.. ma di non voler stare insieme a me. E dice di non capire per quale motivo. Dice di essere sbagliato.
      E non fà altro che confondere anche me, e far sentire me stessa quella sbagliata. Se fossi stata una persona più forte l’avrei lasciato perdere tempo fà..
      Ma dipendo troppo dagli altri. E’ inevitabile.
      A far traboccare la goccia dal vaso, è stata una cosa successa questo Sabato sera.
      Ho bevuto Vodka a non finire. Insieme al mio ex, e a delle amiche. Ho esagerato, e sono stata malissimo.
      Sono stata portata al pronto soccorso da mia madre, che mi è stata accanto provando a capirmi. Indicativamente è stata molto comprensiva. E non si è minimamente arrabbiata.
      Non ricordo quasi nulla di quella sera.. ma l’unica cosa che mi è stata detta, è che ripetevo continuamente di voler morire. Spesso lo voglio sul serio. Ma ovviamente la cosa non si è mai realizzata. Ripetevo di sentirmi sola, abbandonata da chiunque. E poi ancora di voler morire.
      A sentirmi dire certe cose, molti miei amici ci sono rimasti male. E ciò mi fà stare ancora peggio. Mi sembra di dare solo dispiaceri agli altri.
      Vorrei far di tutto per non essere di “disturbo”, agli altri.. e poi faccio in modo che accadano certe cose.
      Ora di sicuro ho imparato la lezione. Ma non so cosa fare. Sto ancora uno schifo.
      E sono ancora più confusa da questa parte di me stessa che sembra essere tanto.. distrutta.

      Spero di potermi chiarire le idee il prima possibile.

      #17388
      Volontario
      Moderatore

        Ciao Melody, benvenuta sul forum! :-)
        Come hai visto abbiamo anche un numero di telefono, se vuoi chiamarci e fare due chiacchere.
        Sei un pò giù, e ci racconti che è a causa della pausa con il tuo ragazzo. Ma ci dici anche che spesso hai pensato di voler morire. In quali situazioni e’ successo? Secondo te ci sono dei motivi diversi che ti spingono a pensare così? Cosa intendi dicendo che in generale cerchi di non dare fastidio a nessuno?E ritieni che l’episodio del pronto soccorso abbia dato fastidio a qualcuno?
        a presto, sorrisi :-) :-)


        #17389
        Volontario
        Moderatore

          Ciao melody :)
          Innanzitutto benvenuta nel forum!

          Hai ragione, ognuno ha i suoi problemi e nessuno si mette a fare classifiche su quali siano piu o meno gravi. Sono tutti problemi e bisogna cercare di uscirne.

          Penso che da sola ti sia resa conto che la vodka non è la via d uscita se stai passando un periodo non proprio positivo… Intanto ci parli delle difficoltà col tuo ragazzo. Lo ami nonostante la sua richiesta di “pausa” molto anomala? Vi continuate a frequentare ma siete in pausa. Vi continuate a frequentare ma lui vede altre… A te sta bene questa situazione? Sembrerebbe non molto… Cerca di fare chiarezza in proposito… Probabilmente anche tu meriti di piu di una relazione di questo tipo. É da tanto che state insieme? Lui quanti anni ha?

          Per il resto come va? In famiglia? Ci accenni che mamma è stata comunque comprensiva riguardo all episodio dell alcol. Lei è al corrente della situazione sentimentale confusa che stai attraversando? Pensi che parlarne con lei possa essere utile x farti un po di chiarezza? Altrimenti con altre persone della famiglia?

          Che fai nella vita? Studi? Hobby?

          Ti aspettiamo!

          Sorrisi :cheer:


          #17397
          Melody
          Partecipante

            Non lo so cosa provo. Non lo so più.
            Quando sto male, lo sento, ed è terribile.
            Ma quando sto bene non provo nulla. Non è un “essere felice”, è un “non stare male”.
            Non so se ho reso l’idea..
            Dopo tutto quello che è successo, credo di non amarlo più.. ma mi manca parecchio, a volte. Sono sempre stata molto legata ai ricordi.. e non riesco a dimenticare il modo in cui le persone mi hanno fatto stare “-non male”, insomma. Mi sento ignorata da tutti. Vorrei essere una di quelle belle ragazze che tutti ammirano.
            Oggi, dopo una discussione sul mio modo di vestire, il mio -ex mi ha chiesto di tornare insieme. L’abbiamo deciso litigando insomma, a patto che non indossassi più “vestitini”. La cosa mi sembra piuttosto patetica, perchè penso di potermi vestire come mi pare e piace. E non indosso mai nulla di scandaloso. Non penso mi ami sul serio.. penso sia voluto tornare insieme a me perchè crede di potermi rendere felice, in questo modo.
            Però a questo punto non faccio altro che chiedermi perchè, se non mi amasse in qualche modo, vorrebbe rendermi felice.
            Sono piuttosto convinta che la sua testa funzioni peggio della mia, attualmente..
            Una parte di me crede di non meritare di essere trattata in questo modo, perchè gli ho dato tutto l’amore possibile, da parte mia. Poi dall’altra parte mi dico che è il massimo che una persona come me possa ricevere. Che alla fine, devo accontentarmi, perchè è già tanto se ricevo un trattamento di questo tipo..non meriterei nulla.

            Mia madre sa indicativamente cos’è che succede, ma non vive più in casa con me e mio padre, sono separati. E penso che per questo motivo non sia un grande esempio da seguire in fatto di “relazioni”. Non è riuscita ad essere molto d’aiuto..
            In famiglia non ci sono in generale molti buoni rapporti.. ho sicuramente delle amiche con cui parlare, ma essendo di età diverse, avendo vissuto esperienze diverse, hanno dei punti di vista differenti. L’unica cosa che hanno in comune i loro pensieri, dopo questo sabato, è che non devo vederlo più. Ma non mi sembra giusto.. perchè incolpano lui per qualcosa che è accaduto per colpa mia. Nessuno mi ha forzata a bere, e lui ha anche provato a fermarmi. Ha sempre detto di volermi proteggere, anche dopo esserci lasciati, e quindi tutti gli hanno rinfacciato il fatto che non l’abbia fatto. Non voglio giustificarlo, ma penso bisogni capire anche lui, più o meno. Abbiamo entrambi 16 anni, ed alcune cose sono più grandi di noi. La responsabilità non era sua, e non ha nemmeno tutto sto potere per doversi/potersi prendere cura di me in ogni situazione..

            #17400
            Volontario
            Moderatore

              Ciao Melody, riporto qualche parte del tuo post per farti qualche domanda :-)

              wrote:
              Una parte di me crede di non meritare di essere trattata in questo modo, perchè gli ho dato tutto l’amore possibile, da parte mia. Poi dall’altra parte mi dico che è il massimo che una persona come me possa ricevere. Che alla fine, devo accontentarmi, perchè è già tanto se ricevo un trattamento di questo tipo..non meriterei nulla.

              Cosa intendi? Perchè devi accontentarti, e non meriti nulla?

              wrote:
              Mia madre sa indicativamente cos’è che succede, ma non vive più in casa con me e mio padre, sono separati. E penso che per questo motivo non sia un grande esempio da seguire in fatto di “relazioni”. Non è riuscita ad essere molto d’aiuto..

              nell’altro post ci racconti che tua madre ti ha accompagnata in pronto soccorso ed è rimasta con te tutto il tempo, riuscendo a capirti. Non credi che la sua comprensione possa essere importante? Vi frequentate? Riesci a parlare con lei dei tuoi problemi?

              wrote:
              In famiglia non ci sono in generale molti buoni rapporti.. ho sicuramente delle amiche con cui parlare, ma essendo di età diverse, avendo vissuto esperienze diverse, hanno dei punti di vista differenti. L’unica cosa che hanno in comune i loro pensieri, dopo questo sabato, è che non devo vederlo più.

              Avere delle amiche con cui confrontarsi è molto importante, e proprio le opinioni differenti aiutano ad arricchire il proprio punto di vista. Non vuol dire che loro hanno ragione, ma che vedono alcuni aspetti che tu non vedi, e se ne tieni conto puoi avere una panoramica più chiara, ci dici che ti senti un pò confusa in questo momento…

              wrote:
              Ma non mi sembra giusto.. perchè incolpano lui per qualcosa che è accaduto per colpa mia. Nessuno mi ha forzata a bere, e lui ha anche provato a fermarmi. Ha sempre detto di volermi proteggere, anche dopo esserci lasciati, e quindi tutti gli hanno rinfacciato il fatto che non l’abbia fatto. Non voglio giustificarlo, ma penso bisogni capire anche lui, più o meno. Abbiamo entrambi 16 anni, ed alcune cose sono più grandi di noi. La responsabilità non era sua, e non ha nemmeno tutto sto potere per doversi/potersi prendere cura di me in ogni situazione..

              Secondo te, quale responsabilità ha avuto in questa situazione, se ne ha avute? E’ vero che non può proteggerti da tutto o prendersi cura di te in ogni situazione. Come tu non puoi farlo con lui. State crescendo insieme, o parallelamente, incontrate le stesse difficoltà o diverse difficoltà. Potete accompagnarvi in questo, ma non sostituirvi l’uno all’altro.
              Ci hai detto nel post precedente che cerchi sempre di non essere di disturbo agli altri. Cosa intendi dire? Chi non vuoi disturbare? In quali casi ti sembra di farlo?


              #17402
              Melody
              Partecipante

                Allora.. oggi l’ho incontrato. Stavamo tecnicamente insieme, dopo che ieri mi ha chiesto di tornare con lui. Diciamo che ci abbiamo provato a far finta che fosse così.
                Ma lui non vuole, e nemmeno io, lo voglio. L’ho capito. Non voglio stare insieme a lui, e forse non lo amo nemmeno più. Ma vorrei volerlo (?).. perchè spesso mi manca. Mi manca che ci sia qualcuno che si occupi di me come “fidanzato”. E’ una specie di capriccio, lo so.. ma non mi capisco nemmeno io.
                E’ che mi ha resa felice, e non è una cosa che riesco a dimenticare.
                Non tutti ci riescono.
                Ed è questo che mi manca.
                Oggi avremmo deciso di rimanere amici. Ma so che non sarà mai possibile una cosa del genere. Io tengo a lui, nonostante tutto, e lui tiene a me, e dice di volermi proteggere.
                Il punto è che non voglio più starci insieme, ma se proprio devo frequentarlo, preferirei farlo da “sua ragazza”. Ma dato che non voglio comunque perderlo come persona, penso di dover accettare la cosa.
                Non so perchè non dovrei meritare nulla. Perchè forse alla fine non mi reputo nemmeno io una persona tanto buona, perchè non sono abbastanza bella da avere una fila di ragazzi che le vanno dietro.. ed il mio ex, bisogna dirlo, è davvero un bel ragazzo. Nella sua scuola ha forse anche troppe ragazze che gli vanno dietro, hahahaha. Quindi è anche troppo, ciò che ho avuto..
                Mia madre è venuta a trovarmi da Mercoledì scorso, fino a Lunedì sera. Poi è tornata dove vive. Indicativamente ci parlo, ma non so. Non è una cosa che riesce ad appagarmi, non è una relazione abbastanza forte, da parte mia.

                Per quanto riguarda questo famoso sabato.. il punto è che secondo me tale tizio non ha avuto nessuna responsabilità. Non è responsabile delle mie azioni e dei miei comportamenti, di quelli sono responsabile solo io. E per questo non ritengo giusto che incolpino lui. Cioè, mi sentirei una schifezza se fossi al posto suo, e forse si è davvero sentito così.
                Non voglio disturbare le persone che mi stanno vicine e a cui tengo con le mie sciocchezze. Abbiamo tutti dei problemi, e spesso mi rendo conto che i miei “casini”, sono inferiori a quelli degli altri. Non mi reputo tanto egoista da rubar del tempo agli altri. la gente ha già le proprie difficoltà da affrontare, non è giusto che debba occuparsi anche delle mie bravate.

                #17404
                Volontario
                Moderatore

                  Ciao melody :)

                  L incontro col tuo (ex) ragazzo di oggi è stato senza dubbio utile. Ci dici di aver capito di non volerci piu stare assieme, dovresti partire da questo. Tutti sappiamo che, quando si passa da una condizione di “impegnato” a una di “single”, ci si senta un po smarriti, specie se, come nel tuo caso, la storia non è finita in modo sereno. Ci si deve riabituare a non “avere” l altro, ma non è detto che sia cosi male.
                  Ricordati che, per quanto un sentimento sia (stato) importante, sei TU la persona piu importante della tua vita, sempre.
                  Quanto al rimanere amici con l ex, non tutti ci riescono e obiettivamente non è facile. Specie ora che la situazione è fresca, potrebbe essere ancor piu complicato. Devi vedere come riesci a gestire il rapporto con lui, se è meglio troncare di netto (nonostante sia stata una persona importante e che in passato ti ha fatto stare bene) o se mantenere dei rapporti col rischio però di rimanere in confusione.
                  Il passato è importante, ma è lo star bene nel PRESENTE che conta!
                  Quindi tu vivi con tuo padre? Con lui che rapporto hai? Riesci a avere confidenza? Vivi solo con lui?

                  Tanti sorrisi :cheer:


                  #17606
                  Melody
                  Partecipante

                    Sento un vuoto nel petto, e fa male.
                    Non perchè mi manchi, ma perchè mi fa angosciare il fatto di essere sempre l’ultima scelta di tutti.
                    Provo a farmi in quattro per gli altri, a dare me stessa.. e puntualmente sono l’unica a rimanere sempre da sola.
                    Non ho voglia di uscire di casa, vorrei addormentarmi ed evitare di svegliarmi.
                    Sono brutta, faccio amicizia difficilmente, non riesco a relazionarmi alle persone.
                    E’ tutto inutile.
                    Alla fine se ne vanno tutti.

                    #17611
                    Volontario
                    Moderatore

                      Ciao Melody,
                      è passato quasi un mese dall’ultimo tuo post e mi sembri molto giù! :-(
                      E’ successo qualcosa di brutto ultimamente?

                      Mi spiace saperti così triste!
                      Ho la sensazione che tu abbia poca considerazione di te stessa: come mai?
                      Perchè pensi di non meritare ciò che di bello la vita ti può regalare?
                      Mi sembra che tu sia una bellissima persona che si fa in 4 per gli altri e sicuramente sei apprezzata per questo, anche se magari non te lo dicono.

                      Per noi sei una persona importante e con noi sei riuscita a instaurare una buona relazione .

                      Attendiamo tue news

                      un abbraccio

                      Sorrisi :-)


                      #17626
                      Melody
                      Partecipante

                        Sbalzi d’umore.. a volte sono euforica, altre volte depressa, altre volte ancora solo terribilmente annoiata, come ora.
                        Non è successo niente di “particolarmente” brutto, non saprei cos’altro potrebbe mai succedere. Mi sembra di aver perso già tutto.

                        Boh, è che tutti trovano la felicità, che sia in una persona, in un evento, in una qualsiasi cosa.
                        Io mi sento una specie di comparsa nella vita degli altri e una spettatrice nella mia.
                        Gli altri riescono a rendere concrete delle cose, io devo solo vivere di fantasia.
                        Perchè questa realtà è terribile, ma nonostante mi sforzi di cambiarla non succede mai nulla.
                        Penso di aver perso anche la forza di volontà in questo ambito. Le cose e le persone non cambiano mai, a prescindere.
                        Sto vivendo con il motto “Tanto non ho nient’altro da perdere” e non mi sembra una cosa giusta, però.. non so.

                        Sono la prima che ripete sempre agli altri e a se stessa che bisogna prima conoscere la sofferenza, per riuscire veramente a capire la felicità.
                        Ma la tristezza c’è, la senti, e pure tanto. Ti lacera lo stomaco, ti fà nauseare, e quando è con te la provi con prepotenza. La felicità no.
                        E’ una cosa che si cerca così tanto, la felicità.. e quando è con te non la senti nemmeno.
                        E’ una cosa ingiusta!

                        Il mio ex sta con un’altra ragazza, ma so (o penso di sapere da cose che mi ha detto) che per lui non è una cosa seria. Anzi, ha esplicitamente detto che lo fa perchè non riesce a stare da solo, ed ha bisogno di “coccole”, insomma.
                        Vorrei essere cattiva, urlarlo in faccia a sta ragazza che è inutile che vada a dire in giro che è “suo” perchè tanto lui andrà sempre a cercare “altro” in altre tremila ragazze.
                        Non penso di amarlo, ma più o meno ne sono gelosa, non di lui, indicativamente..
                        Nel fatto che lui riesca sempre a trovare (e subito) qualcuno che sia a sua disposizione, qualcuno disposto a prendersi cura di lui, quando io invece sono quì a dovermi aggrappare al passato, che ora mi sembra tanto falso.

                        #17633
                        Volontario
                        Moderatore

                          Ciao Melody,

                          ho letto attentamente le tue parole e mi fanno riflettere molto. In particolare dove scrivi:

                          Quote:
                          Boh, è che tutti trovano la felicità, che sia in una persona, in un evento, in una qualsiasi cosa.
                          Io mi sento una specie di comparsa nella vita degli altri e una spettatrice nella mia.
                          Gli altri riescono a rendere concrete delle cose, io devo solo vivere di fantasia.

                          Tutti trovano la felicità? Hmmm…forse sarebbe più giusto dire che ci si prova, a volte ci si prova a cercarla anche nelle piccole cose. Ma, no, non è una cosa così immediata: implica forse “non sentire il peso di qualcosa dentro” e “riuscire ad ascoltarsi” e sentire e vedere il buono che c’è in noi e in ciò che ci circonda e ci succede: vuol dire conoscere se stessi e capire cosa ci piace e cosa no.
                          Cosa piace a te Melody? E cosa non ti piace?

                          In un film anche le comparse servono e anche gli spettatori. E, le fasi da comparse o spettatori capitano a tutti nella vita.
                          Poi, si cambia scena…quando è il momento giusto…
                          Certo, c’è anche chi per sua natura è più predisposta a non essere molto al centro dell’attenzione…ma non per questo vale meno di chi si pone sempre al centro…

                          Parli di rendere concrete le cose? C’è qualcosa in particolare che vorresti realizzare e che non riesci?
                          E’ dalla fantasia che si parte per costruire la realtà… E’ da un sogno, da un desiderio, che si ha la spinta per andare verso una certa direzione…

                          Non hai già perso tutto nella vita Melody: hai solo sedici anni, e, nella vita potrai fare e vedere cose che ora nemmeno puoi immaginare… Devi solo saper lasciare che le cose accadano: che la vita accada!

                          Un abbraccio


                          #17697
                          Melody
                          Partecipante

                            Ok, probabilmente ho idealizzato troppo la cosa. La felicità non la trovano tutti, e sicuramente è una cosa difficile da conquistare.
                            Diciamo che.. la cosa principale da fare, è trovare qualcuno per cui valga la pena superare tutti i momenti brutti. O, mal che vada, almeno qualcuno che ti aiuti a superarli.
                            Io ho tale cosa/persona? Non lo so.
                            So solamente che quando sento veramente il bisogno di qualcuno, mi sento terribilmente sola.

                            Cosa mi piace..non lo so. Mi piacciono le cose più banali, i dettagli più insignificanti, quelli che le persone sembrino amar tralasciare.
                            Mi piace illudermi di riuscire a capire le persone, quando non riesco nemmeno a capire me stessa.
                            La maggior cosa che non mi piace, sono io.

                            Il sabato sera non ho quasi più nessuno con cui uscire. C’è giusto quella persona che può farmi compagnia durante la serata, (e sicuramente non è poco, anzi), ma il resto dei miei “conoscenti” non noterebbe nemmeno la mia assenza. So per certo che nessuno chiederebbe dov’è che sono, e perchè non sono uscita con loro.
                            Erano circa tre fine settimana che non uscivo. Ieri ho fatto un giro di chiamate, e indicativamente tutti avevano già da fare con qualcun altro. In quel momento, mi sono sentita abbandonata.
                            Quelle che ritengo mie migliori amiche, hanno altre persone su cui contare. Non mi dà fastidio, non ne sono gelosa, ne sono felice anzi. Ma questo fà in modo che io cominci a disperare. Alla fine, ho chiamato questo mio vecchio compagno di classe (la persona sopracitata, che sembra essere l’unica a notare la mia presenza), mi sono fatta forza, e sono uscita.
                            Mi faceva male lo stomaco. Avevo il terrore puro di vedere il mio ex con la sua nuova “ragazza”, e di star male. Nonostante ciò ho fatto di tutto per non dar nulla a vedere.
                            Ho indossato un sorriso. Ho continuato a sorridere anche quando i muscoli della faccia cominciavano a far male.
                            Indicativamente la serata non è stata tragica. La vista di tale “coppia” non mi ha terribilmente distrutto, non più di tanto.
                            Sono tornata a casa sana e salva, e ne sono piuttosto soddisfatta.

                            Oggi è successo qualcosa. Il mio fin-troppo-nominato-ex si è fatto sentire. Dopo circa una settimana di silenzio.
                            E’ un tempo infinitamente lungo, nei nostri canoni.
                            Da quanto ho notato era anche il mesiversario della sua relazione.
                            Mi ha contattata, per dirmi cosa? Che non resce a far finta di nulla, non riesce a salutarmi e non parlarmi, non riesce a fregarsene di me, e negare che sono stata il centro della sua vita.
                            A quel punto ho seriamente preso in considerazione l’ipotesi che possa avere un qualche disturbo psichiatrico. Cioè.
                            Gli ho allora chiesto perchè facesse esattamente ciò che diceva di “non poter fare”. Ha detto che se faceva finta di niente, io avrei smesso di aver avuto bisogno di lui.
                            Tralasciando forse il particolare in cui io in realtà non ho bisogno, di lui.
                            Ha continuato a chiedermi com’è che stavo, ed ho continuamente sviato la domanda. Alla fine si è “arrabiato” a causa di tutti questi svii. Ha detto che non era in condizione di aiutarmi, e che gli dispiaceva di avermi disturbata.
                            A quel punto gli ho fatto notare che aveva cominciato tutto lui, ed il suo aiuto non l’ho mai chiesto. gli ho fatto notare che si interessa a me senza apparente ragione, e poi lascia perdere lui stesso.
                            “A questo punto non capisco chi abbia più bisogno di chi”, gli ho detto.
                            Mi ha risposto che avevo colto nel segno.

                            A questo punto, ditemi voi, come posso non illudermi che un pensiero abbia affollato anche per un solo istante la sua mente: quello in cui avrebbe bisogno di me.

                            Ovviamente la discussione è stata tutto fumo.
                            “Le nostre parole che sono solo anidride carbonica”, dice un cantante che amo.
                            Non siamo mai riusciti a finire un discorso. In realtà non siamo mai stati bravi a finire nulla. Forse il problema è proprio che cominciamo male.

                            Sto cominciando a stancarmi della situazione, e vorrei smetterla di essere tanto legata ai ricordi.

                            Grazie per ogni risposta data, comunque. Mi sento un po’ più considerata! :)

                            #17698
                            Volontario
                            Moderatore

                              :-) ciao Melody :-)
                              ho riletto i tuoi post per vedere più chiaramente nella storia che hai chiuso e per capire del tuo senso di solitudine.
                              Riconosci di avere intorno persone che ti vogliono bene e per questo ti consideri fortunata: e lo sei veramente!
                              Le storie che si chiudono ma rimangono aperte “come se nulla fosse cambiato” non aiutano molto.
                              Si è ancora troppo vicini per sentire la mancanza … e si è troppo lontano per capirsi… :( che ne pensi?
                              Scrivi che vi siete lasciati, che lui è felice di starti vicino ma che senza saperne il motivo non vuole più stare con te!!!
                              E’ comprensibile che quando vi vediate tu sia delusa e triste!!! Non serve indossare un sorriso o fare di tutto per non dar nulla a vedere… il tuo stato d’animo, i tuoi “lividi” sono evidenti e fanno male.

                              Sembra che tu sia innamorata dell’amore, ma che questa relazione ora sia davvero vuota?
                              Quali altre cose possono aiutarti in questo periodo?
                              :-) :-) :-)
                              La felicità è una cosa da conquistare ma la battaglia è tutta nostra!!!!! :-)
                              Prova a leggere questi segnali di malessere come dei campanelli che ti avvisano che qualcosa non funziona!
                              un sorriso e un abbraccio


                              #17703
                              Melody
                              Partecipante

                                “Innamorata dell’amore”
                                Temo sia proprio questo il punto!
                                Ho bisogno di prendermi cura di qualcuno, ed ho bisogno che qualcuno si prenda cura di me.
                                Voglio innamorarmi, e vorrei che qualcuno mi amasse.
                                E’ un po’ controversa la cosa.
                                Quello per cui porto più rancore, al mio ex, è che lui riesce a trovare qualcuno che sia disposto ad amarlo, con estrema facilità, mentre intanto io sono ancora “sola”, diciamo.
                                E’ irritante, ed ingiusto.

                                Il punto è che preferisco far finta che vada tutto debole perchè: 1.Fare in modo che la gente si renda conto che ho superato la fase di “disperazione più acuta”, hahahaha.
                                Non voglio che la gente pensi che io sia debole, e che dopo svariati mesi pensi ancora a lui, nonostante quest’ultimo si sia consolato in modo ottimo, intanto.
                                2.Non vorrei dar preoccupazioni a qualcuno. Mostrarmi triste inoltre di sicuro non farà cambiare le cose. Ed otterrò solo un senso di “pena” dagli altri, nei miei confronti, e la cosa mi infastidisce.

                                Non so cosa fare per placare questo.. senso di insoddisfazione, dovuto al non avere nessuno che mi ami o che amo. Ritengo stupido il fatto di dipendere così tanto da una cosa del genere, ma continuo a conservare questo vuoto, senza sapere come colmarlo.

                                #17705
                                Volontario
                                Moderatore

                                  :-) innamorata dell’amore :-)
                                  Melodi# non devi temere ma esserne contenta, da qui si parte per trovare la persona che realizza questo desiderio :-) :-) :-)
                                  Amare è proprio quello che hai definito: prendersi cura di qualcuno e accettare che qualcuno si prenda cura di te! :-)
                                  Non è così scontato!

                                  E’ comprensibile che tu senta rancore verso il tuo ex, che ti ha profondamente deluso, non ha colto il tuo amore e addirittura si mostra a te ora con un’ altra…
                                  Di solito si dice : “non era la persona giusta” ! questa frase sembra solo consolatoria ma nasconde una verità!
                                  se tu ti fermi all’ingiustizia, al rancore, all’irritazione della situazione .. ci perdi principalemte solo tu! Lui, come dici, si è ottimamente consolato!
                                  Riprendi in mano la tua voglia di amare e continua a cercare, volgi lo sguardo dove vedi belle cose e belle persone, lì troverai un altro che potrà essere il tuo futuro.

                                  se resti nel giro dell’insoddisfazione, del vuoto, anche un principe che ti passasse accanto e che ti cercasse non troverebbe la bella Melodi# che cerca di amare e di essere amata, ma un relitto che indossa un sorriso….. !!!!

                                  ;) allora forza,
                                  via il lutto e
                                  riprenditi la vita
                                  ce la puoi fare e ce la farai!!!


                                Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 19 totali)
                                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
                                Scrivici su WhatsApp
                                Scan the code
                                Ciao!
                                Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
                                Come possiamo aiutarti?