Torno a scrivere di me.

  • Questo topic ha 5 risposte, 3 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 11 anni, 2 mesi fa da Sheila.
Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Post
  • #4669
    euphralia
    Partecipante

    Se chi non muore si rivede rieccomi qui :-)
    Non che io abbia perso l’intenzione di aggiornarvi, ma ho avuto il mio periodo da osservatrice nel forum intervenendo saltuariamente solo quando il tempo me lo permetteva o quando mi premeva esprimere una mia un’opinione.
    Sono stata un po’ presa negli ultimi due mesi, tra lo stage con i disabili psichiatrici e la patente ho avuto ben poco tempo a disposizione per me.

    Oggi sono andata da mia nonna, ultimamente dopo la morte mio nonno ci andiamo spesso perchè lei si sente sola in quell’enorme casa di campagna ora e ha bisogno anche di un aiuto concreto diciamo (tipo tagliare il prato e la siepe, curare l’orto, etc… tutte cose che da sola fatica a fare). Comincio a realizzare soltanto ora la reale assenza di mio nonno, non tanto per l’impatto visivo che inevitabilmente si ha quando si arriva in quella casa (tutto appare molto trascurato) ma per le reazioni di mia nonna che ha deciso di buttare tutto il vestiario di suo marito per evitare di dover combattere con il dolore ogni volta che apre l’armadio, mi ha fatto salire il magone.
    Ho visto nei sacchi le SUE cose, i vestiti che quasi sempre gli vedevo addosso pronti per essere gettati in massa, è stato un bel rospo da ingoiare.

    Magari è giusto reagire così, soprattutto per lei che vive in prima persona l’assenza quotidiana di lui; io, però, ci sto soffrendo non poco nel vedere come cerca di nascondere alla vista ogni possibile oggetto che scateni un ricordo.
    Ho fatto finta di niente poi, ho cercato di distrarmi sistemandole le piante e i fiori…ma poi mentre guidavo al ritorno mi sono immersa nei pensieri e mi sono resa conto che elaborare questo lutto è ogni giorno più complicato.

    Parte deprimente a parte, per il resto non posso lamentarmi troppo.
    A maggio verrò a visitare l’Università a Milano per avere maggiori informazioni sul tutto e nello stesso tempo io e Marco ci stiamo attivando per cercare casa.
    Alla fine abbiamo mediato per Rho (come forse vi avevo già scritto), siamo andati a visitarla poco tempo fa e abbiamo già contattato qualche agenzia per poterci fare due conti.
    Ammetto che è un bel salto e da parte mia richiederà molti sacrifici l’abbandonare casa a praticamente neanche 20 anni compiuti (si parla di luglio 2012) anche perchè dovrò lavorare e studiare insieme oltre ad affrontare una convivenza….qualcuno mi dice che sto facendo bollire troppe cose in pentola nello stesso momento, ma io ci credo.

    Vi confesso, comunque, che nonostante al mio ragazzo piaccia come paese io ancora non riesco a sentirlo mio. Sarà che sono abituata al casino di Bologna, sarà che è normale quando si cambia casa…ma credo ci vorrà molto tempo per abituarmici.
    Qualcuno mi ha consigliato di restare a Bologna per godermi letteralmente i miei anni, in termini di preoccupazioni e spese….ma credo che ormai conosciate la situazione in casa mia che vi assicuro non è mai cambiata sostanzialmente. E in quanto ai miei anni non me ne frega niente.
    Ma vorrei comunque un vostro parere.

    Buona serata a tutti ;-)

    #12780
    Volontario
    Moderatore

    ehi sara…ciao! :-)
    proprio l’altro giorno sono stata in farmacia e hao visto il prodotto con il tuo nik! ti ho pensata e se è vero che chi non muore si rivede ….sei, in ogni caso, nei nostri pensieri.

    ognuno elabora il lutto a modo suo. è sempre difficile cercare di capire le sensazioni di chi soffre con noi ma a modo suo.
    quanti anni di vita hanno condiviso i tuoi nonni? moltissimi credo e ricordare ogni attimo di una vita di attimi trascorsi insieme……
    da un lato consola ma dall’altro credo fa sentire un po’ persi.
    hai ragione a dire che diventa più difficle ogni giorno che passa….quando ci si rende conto lentamente di ciò che si è persi e di come sia difficle aggiustarsi a ciò che resta.

    parte deprimente a parte….
    ho pensato a lungo, prima di rispondere, a quello che ci racconti, i tuoi sogni e le tue aspettative, i tuoi progetti…..ho cercato di riflettere e ci ho ragionato per cercare di darti un consiglio giusto….per scoprire poi, ovviamnte, che alla fine il consiglio giusto non esiste.
    allora mi sono affidata alle mie sensazioni su di te, quello che ho imparato di Euphralia in questi anni….
    io vedo una ragazza molto più matura dei suo 18anni che ha dovuto superare momenti e situazioni difficile (spesso molto più complicati dei ragazzi della sua età) per arrivare a questo punto.
    ma non solo….credo che tu sia, caratterialmente, una ragazza profonda che vede le cose e proprio non riesce a guardarle con superficialità.
    non ti vedo quindi, anche se mi piacerebbe ogni tanto perchè ti farebbe bene, sentirti raccontare di serate in discoteca a fare pazzarie con le amiche pensando a nulla ecc. ecc….
    escuderei quindi goderti i tuoi anni.nel senso inteso ..perchè effettivamente credo non ti darebbero soddisfazione. come hai ben detto….non te ne frega nulla. :-)
    il mio parere quindi…..è di fare ciò che il cuore ti dice di fare.
    1)perchè, qualsiasi cosa succeda, in questo modo non potrai mai pentirtene perchè hai fatto solo ciò che desideravi.
    2)perchè da quando ti conosco hai sempre detto che lo avresti fatto.
    3) perchè il compagno che hai accanto ti rende felice.
    non sarà facile ma questo lo sai.
    io ti consiglio, se puoi, di laurearti il più in fretta possibile anche se questo ti impedirà di lavoricchiare.
    per quanto riguarda rho…..mmmm…alcune perpolessità le nutro e non per il paese che non conosco ma perchè se ti senti cittadina…farai fatica ad abituarti. inoltre devi considerare i tempi di viaggio da e per milano.
    d’altra parte però…si vive bene un pò in periferia.
    :-) :-) :-)


    #12781
    Sheila
    Partecipante
    Quote:
    euphralia
    Se chi non muore si rivede rieccomi qui :-)
    Non che io abbia perso l’intenzione di aggiornarvi, ma ho avuto il mio periodo da osservatrice nel forum intervenendo saltuariamente solo quando il tempo me lo permetteva o quando mi premeva esprimere una mia un’opinione.
    Sono stata un po’ presa negli ultimi due mesi, tra lo stage con i disabili psichiatrici e la patente ho avuto ben poco tempo a disposizione per me.

    Oggi sono andata da mia nonna, ultimamente dopo la morte mio nonno ci andiamo spesso perchè lei si sente sola in quell’enorme casa di campagna ora e ha bisogno anche di un aiuto concreto diciamo (tipo tagliare il prato e la siepe, curare l’orto, etc… tutte cose che da sola fatica a fare). Comincio a realizzare soltanto ora la reale assenza di mio nonno, non tanto per l’impatto visivo che inevitabilmente si ha quando si arriva in quella casa (tutto appare molto trascurato) ma per le reazioni di mia nonna che ha deciso di buttare tutto il vestiario di suo marito per evitare di dover combattere con il dolore ogni volta che apre l’armadio, mi ha fatto salire il magone.
    Ho visto nei sacchi le SUE cose, i vestiti che quasi sempre gli vedevo addosso pronti per essere gettati in massa, è stato un bel rospo da ingoiare.

    Magari è giusto reagire così, soprattutto per lei che vive in prima persona l’assenza quotidiana di lui; io, però, ci sto soffrendo non poco nel vedere come cerca di nascondere alla vista ogni possibile oggetto che scateni un ricordo.
    Ho fatto finta di niente poi, ho cercato di distrarmi sistemandole le piante e i fiori…ma poi mentre guidavo al ritorno mi sono immersa nei pensieri e mi sono resa conto che elaborare questo lutto è ogni giorno più complicato.

    Parte deprimente a parte, per il resto non posso lamentarmi troppo.
    A maggio verrò a visitare l’Università a Milano per avere maggiori informazioni sul tutto e nello stesso tempo io e Marco ci stiamo attivando per cercare casa.
    Alla fine abbiamo mediato per Rho (come forse vi avevo già scritto), siamo andati a visitarla poco tempo fa e abbiamo già contattato qualche agenzia per poterci fare due conti.
    Ammetto che è un bel salto e da parte mia richiederà molti sacrifici l’abbandonare casa a praticamente neanche 20 anni compiuti (si parla di luglio 2012) anche perchè dovrò lavorare e studiare insieme oltre ad affrontare una convivenza….qualcuno mi dice che sto facendo bollire troppe cose in pentola nello stesso momento, ma io ci credo.

    Vi confesso, comunque, che nonostante al mio ragazzo piaccia come paese io ancora non riesco a sentirlo mio. Sarà che sono abituata al casino di Bologna, sarà che è normale quando si cambia casa…ma credo ci vorrà molto tempo per abituarmici.
    Qualcuno mi ha consigliato di restare a Bologna per godermi letteralmente i miei anni, in termini di preoccupazioni e spese….ma credo che ormai conosciate la situazione in casa mia che vi assicuro non è mai cambiata sostanzialmente. E in quanto ai miei anni non me ne frega niente.
    Ma vorrei comunque un vostro parere.

    Buona serata a tutti ;-)

    Ciao Euphralia,
    Non sai quanto capisco la situazione che state passando sia tu che tua nonna,mio nonno è morto un anno fa,Io sono di Genova e mia nonna di Viareggio,tutti i sabati io e i miei genitori ci spostiamo per tenerle compagnia,quando andiamo via la domenica sera è sempre depressa,si sente davvero sola,per fortuna ha due gatti che le tengono compagnia,ma di certo non basta.
    L’assenza di mio nonno è davvero forte,dovunque mi giro riesco a vederlo,e io stessa non ho ancora realizzato che sia morto,non voglio andare al cimitero,non ci sono mai andata,non voglio vedere quel nome scritto su una tomba,mi ditruggerebbe,continuo a pensare che sia partito e che un giorno ritorni…
    Volevo solo dirti che se hai bisogno di aiuto,puoi scrivermi,sono sempre disponibile :-)
    Un bacio,Sheila. [:X]

    big-fish.jpg
    A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Esse continuano a vivere dopo di lui, e così egli diventa immortale.

    #12782
    Volontario
    Moderatore

    Cara Euphralia, complimenti davvero per i tuoi progetti!
    Sei una ragazza matura e determinata e anch’io credo propio che avrai la forza e le risorse per affrontare le difficoltà se e quando si presenteranno. E’ vero che i cambiamenti sono impegnativi, ma sono anche interessanti e stimolanti!
    Se ritieni che sia il momento… é il momento!
    Iniziare una convivenza a vent’anni con studio all’università e qualche lavoretto non è forse la cosa più frequente, ma conosco diverse persone che l’hanno fatto ed è andato tutto bene.
    Per quanto riguarda Rho, potrebbe essere una sistemazione non definitiva? E’ la città del tuo ragazzo?
    Sorrisi :-D :-D :-D


    #12783
    Sheila
    Partecipante
    Quote:
    euphralia
    Cerco di rispondere un po’ a tutti, Sheila compresa ;)

    Mi ha fatto sorridere la frase sul nick, pensa che anch’io quando entro in farmacia e vedo il prodotto (che di solito mettono vicino alla cassa o comunque ben in vista) lo collego subito con il forum e mi sale l’imbarazzo a mille: solo io potevo scegliere come nick una roba del genere! :-)

    Comunque i miei nonni avrebbero festeggiato tra un mese le nozze d’oro, 50 anni di matrimonio quindi, e credo che un arco di tempo così vasto trascorso insieme influisca non poco ora sull’assenza di mio nonno.
    Mia madre ogni tanto cerca di parlarne con me, io però non faccio altro che far rimbalzare il discorso: preferisco non parlarne per non rimuginare sui soliti punti, forse sbaglio anche con lei ma purtroppo non posso reggere anche il suo peso. Egoisticamente, purtroppo, credo che dovrebbe cercare di sbrigarsela da sola come faccio io.

    Mentre domenica sono andata a prendere gli attrezzi per piantare i fiori nel garage ho sentito un grande vuoto, di solito non andavo mai da sola là dentro ma chiamavo mio nonno perchè (ora potete sorridere :-) ) ho il terrore dei ragni, mi fanno veramente schifo oltre che paura.
    Avevo sempre il timore che ne spuntasse uno magari nascosto dietro qualche angolo…bene, l’altro giorno mi sono vista persa di fronte a questa cavolata e ho dovuto entrare, cercare quello che mi serviva e farmi un coraggio estremo. Vi lascio immaginare con che velocità sono poi uscita :P
    Son queste cose che mi rendono malinconica, molto più che guardare le sue foto…

    In quanto ai miei progetti, vi dico…
    In realtà la sistemazione a Rho è quasi obbligata per due motivi:

    -Marco ha il lavoro a Novara (abita a Trecate ora, ma è milanese) e quindi Rho è una comoda via di mezzo per raggiungere il posto di lavoro per lui, aggiungendoci il fatto che lui odia le grandi città;

    -I costi degli affitti di Milano città sono proibitivi ancora per noi, nel senso che starci dentro con le spese diventa un problema (ci siamo fatti due calcoli) e Rho già e più abbordabile come prezzi nonostante sia abbastanza collegata bene con Milano;

    Certo c’è da dire (abituata bene la ragazza, penserete voi..lo so) io fuori città non ci ho mai abitato e per me è tutta una novità, mi sento un po’ tagliata fuori dal mondo. Magari mi piacerà anche non ne ho idea, ma per il momento rappresenta solo un problema in più a cui dover trovare una soluzione per capire come muovermi.
    Però, sinceramente parlando, questa è stata l’unica soluzione di comune accordo che siamo riusciti a trovare io e il mio ragazzo, oltretutto ci vediamo da 5 anni in un modo che pochi sopporterebbero e cominciamo a essere stanchi di dover viaggiare così tanto. Abbiamo voglia di stare insieme per davvero finalmente e per riuscire a farlo prima della laurea ci siamo dovuti adeguare.

    @Sheila: grazie per la tua disponibilità ;)
    mi dispiace per tuo nonno, credimi che ora capisco perfettamente come ci si sente…io al cimitero sono andata comunque a trovarlo ed è stata dura credimi, però ho pensato che sicuramente gli avrebbe fatto piacere e visto che ho rifiutato categoricamente di vederlo durante le sue ultime settimane di vita (non sapeva che gli rimaneva poco, io si…e avevo paura lo capisse da eventuali mie reazioni) non andare a trovarlo ora credo avrebbe significato tradirlo due volte e non potevo permettermelo…

    bando alla tristezza…leggo che sei di Genova :-)))
    ci vengo per Pasqua…mi sai dire qualche posto carino da visitare?
    beso !

    Cambiare posto al cuore con il cervello. Impara a pensare con il cuore e ad amare con la testa. Pensare con il cuore ti costringe ad agire con amore. E ogni cosa da amare facendolo con la testa, ti costringe ad amare nel modo giusto. Amare con la testa non vuol dire essere razionali, ma vuol dire coltivare un’educazione al sentimento che non sarà mai distruttivo.

    Il centro storico è fantastico,cioè via san lorenzo e i vicoli,poi chiaramente da visitare c’è il percorso della lanterna,l’acquario,il porto antico,Piazza De Ferrari e un po’ il centro.Un altro posto molto bello è Boccadasse :-)
    è una città fantastica,emozionante,figurati che mi basta spostarmi anche per un giorno per sentirne la mancanza..
    Una frase di Petrarca:
    Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova.
    Vedrai che ti piacerà davvero molto,poi una volta che l’hai visitata scrivimi pure per dirmi che ne pensi :-)

    big-fish.jpg
    A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Esse continuano a vivere dopo di lui, e così egli diventa immortale.

    #12784
    Sheila
    Partecipante
    Quote:
    euphralia
    Grazie Sheila, abbiamo già prenotato per l’acquario e mi sono segnata i tuoi posti :-) quando torno ti so dire e magari ti posto anche qualche foto!
    :D

    Cambiare posto al cuore con il cervello. Impara a pensare con il cuore e ad amare con la testa. Pensare con il cuore ti costringe ad agire con amore. E ogni cosa da amare facendolo con la testa, ti costringe ad amare nel modo giusto. Amare con la testa non vuol dire essere razionali, ma vuol dire coltivare un’educazione al sentimento che non sarà mai distruttivo.

    Ok :-)

    big-fish.jpg
    A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Esse continuano a vivere dopo di lui, e così egli diventa immortale.

Stai visualizzando 6 post - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.
Scrivici su WhatsApp
Scan the code
Ciao!
Ti ricordiamo che il servizio è attivo il martedì e il giovedì dalle ore 14:00 alle 17:00.
Come possiamo aiutarti?